O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 22 febbraio 2013

I racconti di Pramzanblog: Achille Mezzadri

"BORGO VENTI MARZO"

Continuiamo la serie "I racconti di Pramzanblog" con un testo di Achille Mezzadri, che ricorda la via della sua infanzia e prima adolescenza, borgo XX marzo, molto diversa da quella di oggi, con le sue osterie, pescherie, drogherie, percorsa da personaggi indimenticabili come Stopaj, Cilién, Sicuri, gli strilloni, la Palmira la polaróla, al giasaról, al matarasèr, don Orsi - Ricordi personali che fanno rivivere l'atmosfera di quei tempi ormai lontani
IL RACCONTO DI MEZZADRI

1 commento:

bedo ha detto...

Che piacere, leggere questo racconto di Pramzanblog, scritto da Lei, carissimo Direttore, per me e' stato un regalo preziosissimo, grazie!
All'inizio lo leggevo incuriosito e con estremo piacere, a meta' del racconto mi sembrava di viverlo, mi batteva il cuore ed ora mi vien da dire: "Questa e' la vera storia, la nopstra storia!"
Un abbraccio alla nostra citta', cui siamo sempre tanto legati, viva e vivissima ancora grazie anche al continuo impegno dedicato con tanto amore da Lei, Signor Direttore!