/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 25 gennaio 2013

Stagione lirica 2013 - I protagonisti: Julia Gertseva

“HO UN SOGNO NEL CASSETTO:
CANTARE AL TEATRO FARNESE”


Il mezzosoprano russo, l’Ulrica di “Un ballo in maschera”, parla del suo debutto al Regio - “ Avevo un gran timore perché dicono che Parma è un teatro difficile e tradizionalista, ma sono contenta del mio debutto e sono orgogliosa di aver cantato Verdi a Parma” - “La città è molto bella e sono rimasta estasiata dal Teatro Farnese: sarei felice di cantarci” 
La foto di Julia Gertseva nel ruolo di Ulrica è di Roberto Ricci
di PAOLO ZOPPI

A proposito della prima del Ballo in maschera, scrivevo su questo giornale che a fianco dei meritati applausi per l’Ulrica di Julia Gertseva, adombravo il fatto che non fosse un contralto “come prevede non solo la partitura ma anche il ruolo stesso, grave tra i più gravi” e da questa considerazione è iniziata la simpatica e schietta chiacchierata con il mezzosoprano russo. “Ma non sono un contralto”, ha chiarito subito sorridendo la Gertseva “il teatro tende ad uniformare le voci, ma la tradizione si può modificare, i tempi cambiano. Ognuno.........

1 commento:

bedo ha detto...

Mi piacerebbe tanto poter assistere allo spettacolo presso il teatro Farnese e sentire Ulrica!