Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 25 gennaio 2013

Domenica alla Famìja Pramzàna le poesie di Vittorio Campanini

“MOCCHÈ POETA! MI SÓN ‘D CAMPAGNA CME N’ÓLOM”
Per gli appuntamenti del dialetto nella Sala Barilla della storica associazione di viale Vittoria domenica pomeriggio saranno lette le poesie di Campanini, uno degli alfieri della nostra “antica parlata”, che porta nelle scuole assieme ad Alberto Michelotti, Enrico Maletti e Al Dsèvod - Lui si schermisce: “Non sono un poeta, ma un appassionato” - “Cuand i m’ dizon ch’al djalètt l’é destinè a morir a vagh zò ‘d tésta” - “Fin che ci sarò mi batterò per far conoscere il dialetto ai bambini e ai ragazzi: è in mano a loro il futuro della nostra lingua”
Vittorio Campanini e i "moschettieri del dialetto" (foto da Parma in dialetto)
di ACHILLE MEZZADRI
Classe 1938, spirito battagliero da gionvòt. Guai a dirgli che è un poeta. “Mi són d’ campàgna cme m’ ólom”, dice Vittorio Campanini “non sono un poeta, ma soltanto un appassionato. I poeti volano alto, io sto giù, volo basso. Ma scrivo poesie in dialetto perché la nostra antica parlata è la più bella del mondo e cuand i m’ dizon ch’al djalètt l’é destinè a morir a vagh zò ‘d tésta. No, non può morire il nostro dialetto ed è per questo che ci voleva un libro per le scuole, un libro da far conoscere ai bambini, ai ragazzi. È per questo che due anni fa è stato pubblicato il libro Impariamo il dialetto parmigiano, rivolto ai bambini delle scuole, un libro con le mie poesie e i testi di Vittorio Botti, Eugenio Caggiati, Giuseppe Mezzadri, Lorenzo Sartorio. È per questo che dall’anno scorso, vado in giro per le scuola di Parma e provincia con Alberto Michelotti ..........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: