O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 12 dicembre 2012

Il Parma è stato eliminato dal Catania ai calci di rigore


DOPO 120 MINUTI "A TUTTA NOIA" PAROLO E PALETTA
CI SBATTONO FUORI (AI RIGORI) DALLA COPPA ITALIA
La partita contro i siciliani, valevole per gli ottavi di finale della Tm Cup, dopo i tempi regolamentari  era finita 1 a 1 e il risultato non è cambiato nemmeno dopo i supplementari - Ai rigori sono stati decisivi gli errori dal dischetto di Parolo,  che si è fatto parare il tiro, e di Paletta, che però è stato sfortunato: la palla ha toccato contro un palo interno, a portiere spiazzato, ed è finita fuori! - L'opinione di Michelotti: "L'é stè un bél lavór ch'l'a sia andäda a fnir acsì: adésa pensèmma sól al campjonät, ch'l'é méj"
Le sequenze dei due rigori calciati da Parolo e da Paletta che hanno determinato l'eliminazione del Parma
La partita, i tifosi crociati, l'hanno certamente vista in Tv, perché era trasmessa in diretta dalla Rai. Qui non ci resta che ribadire il risultato (1 a 1 dopo i supplementari, 4 a 5 dopo i rigori) e sottolineare che il Parma non ha messo a sgno due rigori: uno con Parolo, che si è fato parare il tiro dal portiere e uno da Paletta, che invece ha "quasi" segnato: la palla è andata a rimbalzare contro l'interno di un palo e invece di entrare è schizzata fuori. Non ci restava che sentire l'opinione del "nostro" Aòberto Michelotti, che ci ha detto: "L'é stè un bél lavór ch'l'a sia andäda a fnir acsì: adésa pensèmma sol al campionät, ch'l'é méj. No, a m' són miga divertì. A paräva d'andär a un rozäri, miga 'd vedddor 'na partida äd folber. Noia mortale. Al Pärma? Ragas, la scuädra l'é costa... A s' vèdda che chi ragas chì i zugon bén sól col sól..."

Nessun commento: