O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 3 dicembre 2012

Domani ricorre il venticinquesimo anniversario della scomparsa di monsignor Rossolini

MONSIGNOR PIETRO ROSSOLINI, UN PRÉT DABÓN
Il 4 dicembre 1987, 25 anni fa, scomparve uno dei preti più amati di Parma, che fu parroco della Cattedrale per 42 anni - Fu anche insegnante al Melloni e al Marconi e cappellano onorario dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio - Fu inoltre un appassionato aviatore - Lo ricordiamo con una puntata della rubrica "Chiedi chi era"
Monsignor Pietro Rossolini e la piazza che porta il suo nome, con la statua fatta erigere dall'Associazione "Amici di monsignor Rossolini"
Il 4 dicembre sono 25 anni che Parma è “senza” monsignor Rossolini. Intendiamoci: “senza” la sua figura, il suo sorriso, la sua umanità. Perché monsignor Pietro Rossolini, nato a Ravadese il 28 settembre del 1915 e scomparso a Parma il 4 dicembre 1987, quindi all’età di 72 anni, non è una di quelle figure che si possono dimenticare facilmente. Ed una volta entrate nella storia di una città ci rimangono per sempre. Non a caso a Parma esiste l’Associazione Amici di monsignor Rossolini, che gli ha eretto una statua nell’omonima piazza, con la dedica “Un prét dabón”. I più giovani non possono sapere, in effetti, chi era questo straordinario prete. Ma i loro genitori e i loro nonni sì. Perché il monsignore fu, dal primo dopoguerra fino alla sua scomparsa, il parroco del Duomo. In quel .............
LEGGETE LA PUNTATA DI "CHIEDI CHI ERA" DEDICATA A MONSIGNOR ROSSOLINI

Nessun commento: