Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 7 novembre 2012

Vite da strajè: Federico Rota, da New York a Parigi, da Abu Dhabi a Dubai...

“A DUBAI, MANGIANDO SALUMI E TORTA FRITTA...”
Un pramzàn giramondo che ha abitato a Parigi, New York, Abu Dhabi, Dubai, con base fissa a Milano - “In qualunque posto mi trovi”, dice Rota “Parma è nel mio cuore e non solo: grazie a Internet so tutto della mia città e al telefono parlo in dialetto con gli amici” - “Da giovane ho fatto parte, come basso, del Coro del Regio, con Pertusi, Spotti, Gabba, la Sanguinetti” - “Quella volta che grazie alla moglie di Nucci mi trovai in platea alla Scala vestito in jeans e con il chiodo”
di ACHILLE MEZZADRI
Il Federico Rota, da Parma, che - non si sa perché - entra soltanto adesso nella galleria dedicata da Pramzanblog agli strajè. Perché di strajè come lui ce n’è pochi. Nato e cresciuto a Parma e poi via, ad abitare a Parigi, a New York, ad Abu Dhabi, a Dubai, con residenza - base a Milano. E in più con un sacco di amici in comune: da Carlo Bergonzi a Michele Pertusi, da Paola Sanguinetti a Giovanni Ferraguti. Senza dimenticare che è lasalliano come me. Allora si direbbe, alla pramzàna: co’ vrìv ‘d pu? Dunque, ho incontrato Federico Rota nella sua abitazione milanese, zona Città studi, la casa dove il nostro strajè ospita Pertusi quando il basso parmigiano è impegnato alla Scala. Appartamento che si capisce abitato da un single. Ma ordinato. E zeppo di musica, ovvio. Dvd, Vhs, cd di opere come se piovesse. Il “tu” è obbligatorio considerata la comune provenienza lasalliana. “Ma quante opere hai?”. “Non lo so, se le conto mi perdo”. Mi mostra un quadro con una straordinaria caricatura di Bergonzi, fatta nel ’95 da Gerry Lunatici. “Carlo è un mio amico. So tutto di lui, ho catalogato.............
☛☛☛ LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: