/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 23 novembre 2012

L'Editorialino - Parliamoci chiaro / Lo spirito pramzàn

FEDERICO BOCCHIA (RE SQUALO) E LO SPIRITO PRAMZÀN
Il nuotatore parmigiano tesserato per l’Esercito e per Nuoto Club ’91 divide i critici per le sue guasconate ai meeting internazionali, dove si presenta con un costume (con corona e scettro) da “King Shark”, Re Squalo - “Non lo faccio
per arroganza”, ha spiegato più volte “ma solo perché mi piace stupire i miei fans, gli squalotti e le squalotte, e io mi diverto” - “In Trentino ho portato una mela sul predellino di partenza, in Francia lo champagne” - Sul Web sono molti a criticarlo, ma sono tutti quelli che non riescono a capire la peculiarità, inimitabile, dello spirito pramzàn

Federico Bocchia, The King Shark, sul predellino di partenza di un meeting a Bolzano
di ACHILLE MEZZADRI
Quando mi chiedono che cosa differenzia noi pramzàn dagli altri “popoli” rispondo sempre con una parola sola: lo spirito. L’inimitabile spirito pramzàn. E aggiungo un aneddoto di una piccola situazione, non è una barzelletta, realmente accaduta. Un uomo sale sull’autobus vestito con sgargianti pantaloni rossi e un paio di occhiali con montatura colorata. Si sente una voce che gli chiede: “A gh’é al circo incó?”. Senza cattiveria, malizia, volontà di offendere. Si tratta soltanto di puro spirito pramzàn. Quello che genera l’arlìa, la voglia di prendere in giro senza offendere. Tutto ciò mi è tornato in mente leggendo sul Web notizie, e commenti, su Federico Bocchia, il nostro campione del nuoto (con doppia tessera, Esercito e la società parmigiana Nuoto Club ’91) che anche quest’anno sta facendo sfracelli e che ieri si è classificato quinto nei 50 stile libero agli europei in vasca corta a Chartres, in Francia, migliorando il suo record personale.  Così ho potuto vedere con i miei occhi come le guasconate di Federico siano recepite dagli “altri”. Guasconate? Sì, non ho ancora spiegato, per chi già non lo sa, che Federico non è un nuotatore basta che sia. È “The King”......
LEGGETE L'EDITORIALINO COMPLETO

Nessun commento: