O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 25 novembre 2012

Dopo il divertente "infortunio giornalistico" di venerdì scorso

GINO E DINO SONO TORNATI AL LORO POSTO
I due popolari comici parmigiani, come avevamo fatto notare ieri l'altro, erano finiti con una loro foto a pagina 35 della "Gazzetta di Parma" a corredo di un articolo su topi d'appartamento e noi avevamo ironizzato bonariamente con una vignetta che riproponiamo qui sotto. Oggi la "Gazzetta di Parma" ha messo le cose a posto e ha ripubblicato la stessa foto (dopo essersi scusata il giorno prima con i lettori per l'inconveniente) a pagina 39, a corredo di un articolo che spiega che cosa ci facevano a Soragna, con il principe Diofebo Meli Lupi: i due comici stavano realizzando un servizio per "Striscia la notizia" inseguendo il sogno di riportare a Soragna i fasti del Regno di Nasonia
La pagina 35 di venerdì riproposta con la nostra vignetta
La stessa foto con Gino e Dino collocata nell'articolo giusto

Nessun commento: