/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 19 ottobre 2012

Vittorio Adorni ricorda Fiorenzo Magni

“DA MIO CT
A GRANDE AMICO”
Fiorenzo Magni vincitore del Giro 1955 in una cartolina con dedica a Paolo Gandolfi (Dalla collezione di Paolo Gandolfi)
Il campione del mondo 1968 fa per Pramzanblog un commosso ritratto di Magni, assoluta leggenda del ciclismo, il “terzo uomo” dei tempi di Bartali e Coppi - “Fu il mio commissario tecnico prima alla Philco e poi in Nazionale, poi io fui il segretario dell’Associazione corridori quando lui era presidente - Eravamo diventati grandi amici e ci sentivamo spesso: l’ultima volta è stato due giorni fa - Il prossimo 27 avremmo dovuto vederci alla Madonna del Ghisallo, alla presentazione del libro di Auro Bulbarelli “Magni, il terzo uomo” e mi disse: mi raccomando non dimenticarti di portare la tua maglia rosa”
di ACHILLE MEZZADRI
Vittorio Adorni
Da bambino io tifavo per Bartali, ma anche per Magni. Coppi non mi piaceva. Vittorio Adorni, invece, tifava proprio per Coppi e Fiorenzo Magni, il grande campione del ciclismo, “il terzo uomo” dell’epopea di Bartali e Coppi, scomparso oggi alla vigilia dei 92 anni, a Monza (dove era stato titolare di una concessionaria Opel) e cantato da Auro Bulbarelli nel libro “Magni il terzo uomo”, glielo rinfacciava sempre. “Eh tu però, sei un mio amico, è vero, però da ragazzo non mi filavi eh?... Tenevi a ...... 
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: