O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 2 ottobre 2012

"Rigoletto" al Regio: la critica di Zoppi

GRANDI EMOZIONI
CON “RIGOLETTO”
È andata come si prevedeva che andasse: benissimo - Leo Nucci, “il” Rigoletto, ogni volta trasmette emozioni nuove e più profonde - A fianco ha avuto una “leonessa”, Jessica Pratt che è stata una Gilda eccellente - Piero Pretti, il Duca di Mantova, è dotato di un bel timbro lirico e di uno squillo sicuro - La prova di grande sensibilità di Michele Pertusi, che ha fatto diventare Sparafucile un “signor bandito” - Artefice della serata è stato certamente il direttore Daniel Oren che ha guidato con mano sicura la Filarmonica Arturo Toscanini - Ottimo come sempre il coro
Critica musicale di PAOLO ZOPPI
Negli anni scorsi durante il Festival Verdi serpeggiava molto simpaticamente ma anche con una punta di ironia l’idea che l’importante manifestazione musicale si fosse trasformata in una sorta di “Nucci Festival”. La metamorfosi traeva origine dal fatto che dal 2006 il grande baritono Leo Nucci era sempre presente alla kermesse parmigiana, a partire, citando solo le ultime esibizioni, dal Macbeth appunto nel 2006....
LEGGETE LA CRITICA COMPLETA

Nessun commento: