O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 20 ottobre 2012

Quando Fiorenzo Magni venne a Parma

QUEL 30 OTTOBRE  2006
DI MAGNI A PARMA
Ricordiamo il grande campione scomparso con le fotografie che Luigi Vasini scattò per i Veterani dello sport di Parma in occasione della trentesima edizione del premio Sport Civiltà. In quell'occasione Magni, emozionatissimo,  ricevette il premio "Una vita per lo sport" e fu molto felice di incontrare Vittorio Adorni, del quale era stato commissario tecnico alla Philco e in Nazionale e del quale era diventato un amico fraterno
L'abbraccio tra Fiorenzo Magni e Vittorio Adorni
Fiorenzo Magni ricevette il premio dall'allora sindaco Elvio Ubaldi. Con loro Vittorio Adorni
Fiorenzo Magni al Regio con Ernesto Colnago, un altro dei premiati nel 2006. Dietro di loro Donato Carlucci e Paolo Gandolfi
I premiati del 2006. Fiorenzo Magni è il primo a destra
Servizio fotografico di Luigi Vasini per i Veterani dello sport di Parma

Nessun commento: