/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 25 ottobre 2012

L'ex vigile Paolo Avanzini ricorda Boschi

"QUELLA VOLTA CHE
A LOVERE
MISE I PIEDI A BAGNO
NEL LAGO"
Paolo Avanzini
"Eravamo legati da fraterna amicizia: io ero segretario del gruppo sportivo dei vigili urbani di Parma quando lui era presidente" - "Soltanto un mese fa siamo andati insieme a Marina di Carrara, come accompagnatori di due nostri podisti" - "Nel '75, quando partecipammo al Giro del Sebino, lui, con Squadroni e Iori, a un certo punto si fermò e scese in riva al lago per rinfrescarsi i piedi..."
di ACHILLE MEZZADRI
Alessandro Boschi (dalla "Gazzetta di Parma")

















La scomparsa dell'ex vigile urbano (allora si chiamavano così) Alessandro Boschi, meritava un approfondimento. Ero ben cosciente, infatti, che mio cugino Paolo Avanzini, "vigile" a riposo, aveva a lungo frequentato Boschi, e per motivi professionali e per motivi sportivi. "Sì", mi ha detto Avanzini "io ero segretario del nostro gruppo sportivo quando lui era presidente. Sia come dirigenti sia come atleti abbiamo partecipato insieme a numerose gare. Lui ha fatto perfino una maratona di New York in meno di tre ore, a sessant'anni... Ma il ricordo più divertente si lega proprio a quella gara di marcia, quel Giro del Sebino del 1975 con partenza e arrivo a Lovere. In un certo senso ci trascinasti tu... Arrivammo in quattro da Parma: Corrado Squadroni, il povero Renzo Lori ed io. Tu arrivavi da Milano. La gara, di 66 chilometri, era di sola marcia e tu te ne scappasti via presto. Io arrivai dopo un'ora, Alessandro, Corrado e Renzo arrivarono dopo ancora. Poi mi raccontarono, e ogni tanto ricordavamo insieme questo episodio, che a un certo punto si fermarono per riposarsi un po'. Scesero in riva al lago e misero i piedi nell'acqua per rinfrescarsi un po'...". Quello, per Alessandro fu quasi l'inizio di una lunga militanza da maratoneta. Insieme, ricordi?, abbiamo partecipato anche a una gara a Fidenza... Ovviamente questa scomparsa di Boschi mi crea un vuoto. Pensa che soltanto un mesetto fa eravamo andati insieme ad altri due colleghi a Marina di Carrara, dove era in programma una corsa. Io e Alessandro eravamo lì come accompagnatori. Poi siamo andati a mangiare assieme. Stava bene. Era solo triste per la recente scomparsa dell'amatissima moglie. Adesso mi hanno detto che è stato colpito da un ictus, in casa".

Nessun commento: