O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 29 ottobre 2012

Le interviste di Pramzanblog: Paolo Baroni

“SONO UN PRAMZÀN
DE ROMA
MA ANCHE QUI
POSSO DIRE
QUALCHE BATTUTA
IN DIALETTO”
“Nella mia redazione c’è un altro parmigiano, Ugo Magri, e con lui riesco a scambiare qualche battuta”, dice Paolo Baroni, capo redattore de “La stampa” a Roma - “Fino a qualche tempo fa eravamo addirittura in tre” - “Sono nato in via Garibaldi, nella casa dove c’è la pasticceria Torino” - “Veltroni è stato mio direttore all’Unità: scherzavamo sul calcio, io tenevo al Parma lui è uno sfegatato juventino”
di ACHILLE MEZZADRI
Il nostro primo contatto avvenne, tempo fa, su Twitter. Un giorno mi accorsi che, tra i miei follower (su Facebook si chiamano amici, qui “seguaci”, o meglio “seguitori”) c’era un certo Paolo Baroni, “parmigiano del 1962, capo della redazione romana della Stampa”. Mi affrettai a diventare a mia volta suo “follower”, con l’intenzione di contattarlo, prima o poi, per inserirlo nella lista degli “strajè” intervistati da Pramzanblog. Poi si sa come vanno le cose. Un giorno tira l’altro e i progetti, le buone intenzioni, sfumano. Lunga è la lista dei miei progetti in attesa... Fino a che è arrivata .............
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: