O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 22 ottobre 2012

La nuova puntata di "Su il sipario"

LA CORALE VERDI
A TORINO,
UN GRANDE BASSO
E GEORG SOLTI
Nella puntata odierna della sua rubrica Paolo Zoppi fa il resoconto della proficua trasferta della Corale Verdi nel capoluogo piemontese e ricorda due grandi protagonisti: il basso Raffaele Ariè e il direttore d'orchestra Sir Georg Solti
Georg Solti tra un giovane Leo Nucci, Luciano Pavarotti e Kiri Te Kanawa
Ancora una ricca puntata, che si apre con "Quelle sere al Regio", sottorubrica dove Paolo Zoppi ricorda i protagonisti mondiali della lirica che più volte hanno calcato le scene del nostro teatro. Oggi è la volta del basso bulgaro Raffaele Ariè, noto negli anni Cinquanta e Sessanta,  che al Regio fu interprete di varie opere. Fu anche il Padre Guardiano in La forza del destino. La rubrica prosegue poi con il resconto dell'applaudita trasferta della Corale Verdi (tra i solisti anche il soprano Alice Quintavalla) a Torino, per un concerto promosso dal prefetto di Parma Luigi Parma. Nell'almanacco, poi, Zoppi che ricorda il grande direttore d'orcstra Georg Solti, nato in Ungheria e poi diventato, dopo aver ottenuto la nazionalità britannica, baronetto della Corona inglese.
LEGGETE IL NUMERO 139 di "SU IL SIPARIO"

Nessun commento: