/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

martedì 24 luglio 2012

SPECIALE Olimpiadi 2012 - 2

EDWIGE GWEND:
LA JUDOKA COLLECCHIESE
CON DUE MAMME

Tra gli atleti azzurri dai quali ci si aspetta di più ai Giochi di Londra c’è, nella categoria 63 kg del judo femminile, Edwige Gwend, che è nata a Edéa, in Camerun, ma che a 9 mesi è venuta a vivere nel Parmense, con la mamma e un fratello - In seguito è stata raggiunta dal padre, da altri quattro fratelli e da una cugina - I suoi genitori, due operai, non riuscivano a mantenere tutti questi bambini, così Edwige e il fratello sono stati ospitati, e cresciuti, da due fratelli e vicini di casa, Maria e Giovanni Bertolini - Quando non è impegnata in gare o al Centro Coni di Roma, Edwige torna sempre a trovare il papà, Pierre Gwend e la madre biologica, Angele Tamou (che vivono a Gaiano), ma continua ad abitare nella casa di Maria, che le ha fatto e le fa da mamma a 360 gradi e dove sono raccolti tutti i suoi trofei - “Né io né mio fratello, scomparso purtroppo sei anni fa”, racconta a Pramzanblog Maria Bertolini “potevamo adottarla, perché nessuno dei due si era sposato, però Edwige, pur essendo legata ai suoi genitori, ha sempre scelto di vivere con noi” - “Edwige, la mia “Miciona”, sarà in gara il 31 luglio e sarò anch’io a Londra a fare il tifo per lei, assieme ai suoi genitori e al suo fidanzato croato, Darko”

Edwige Gwend: da Collecchio al sogno olimpico
Edwige Gwend e il fratello Thomas Fabrice Som, ora calciatore, fotografati bambini con la "mamma" italiana Maria Bertolini
di ACHILLE MEZZADRI
Saranno tanti il 31 luglio, quarto giorno dei Giochi olimpici di Londra, gli appassionati italiani di arti marziali che faranno il tifo per lei, Edwige Gwend, judoka ventiduenne nativa del Camerun, ma praticamente collecchiese dalla nascita, visto che con la mamma cominciò a vivere dalle nostre parti quando aveva soltanto nove mesi. Una parmigiana, anzi una collecchiese, color cioccolato, che fin da piccola è stata ammaliata dal fascino del judo e che, dopo essere cresciuta alla scuola parmigiana del Kyu Shin Do Kai di via Moletolo, è diventata una delle atlete di punta della nazionale azzurra. Una ragazza, Edwige, che ha già alle spalle un passato agonistico di tutto rilievo, per esempio ..........

LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: