Canzone natalizia del dicembre 2011 dedicata a tutti i parmigiani. Testo e musica di Achille Mezzadri, arrangiamento di Roberto Barrali, Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto da Beniamina Carretta. Produzione dell'allora (poi defunto) "Superblog pramzàn" (Pramzanblog di Achille Mezzadri, Parmaindialetto di Enrico Maletti e Stadiotardini.com di Gabriele Majo). Con: Vittorio Adorni, Luciano Armani, Monica Bertini, Mauro Biondini, Alberta Brianti, Robi Bonardi, Paolo Bucci, Giancarlo Ceci, Carlo Chiesa, Claudia Corbani, Zaira Dalla Rosa Prati, Tonino Fereoli, Armando Gabba, Gino e Dino, Gabriele Majo, Enrico Maletti, Corrado Marvasi, Achille Mezzadri, Alberto Michelotti, Edda Ollari, Maria Francesca Piedimonte, Victor Poletti, Francesca Strozzi, Paola Sanguinetti, Lorenzo Sartorio, Maurizio Trapelli (Al Dsèvod, secondo la grafia della Famìja Pramzàna), Daniele Villani, Paolo Zoppi. Riprese di Steve Mezzadri e Pietro Maletti. Montaggio di Steve Mezzadri. Sigle di Pietro Maletti. Realizzazione del video nella Sala Gandolfi della Corale Verdi.

O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 17 luglio 2012

Pramzanblog Estate 2012 - Le repliche /1

DA MONELLO DI STRADA
A CAMPIONE
ITALIANO DI BOXE
Da dilettante, nel 1951, indossò 15 volte la maglia azzurra e fu medaglia d’argento agli europei tra i superleggeri e da professionista, nel 1957, conquistò il titolo italiano dei leggeri - Diceva: “Se n’aviss miga incontrè al sport, forsi a sariss dvintè un delincuént” - Ritiratosi dal ring si dedicò ai giovani ed ebbe la grande soddisfazione di lanciare pugili come Damiano Lauretta












Se ne è andato l’11 giugno del 2001, Marcello Padovani. E nel modo che aveva sempre desiderato: sul ring, con i guantoni infilati sulle mani. Diceva sempre al genero Roberto Dallatana (marito della figlia Stefania): “Robèrt, a n’ són miga ‘d césa mo a prégh soltant coll sgnór là ‘d färom morir d’un cólp sul ring e coj guantón infilè”. E così è stato. Stroncato da un infarto sul ring della Boxe Colorno, mentre allenava un suo nuovo pupillo, Oscar Cappa. Aveva 74 anni. E alle spalle un’ot-tima carriera di pugile, che nel ’51 gli regalò la medaglia d’argento agli europei dilettanti, nella categoria dei pesi superleggeri (ma anche 15 maglia azzurre) e nel ’57, tra i professionisti, il titolo  ........
(Nella foto: Marcello Padovani, a sinistra, quando difese il suo titolo italiano sul ring di Parma il 27 ottobre 1957 contro Mario Vecchiatto)
LEGGETE LA RUBRICA "CHIEDI CHI ERA"
Replica del 27 aprile 2012

Nessun commento: