O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 11 luglio 2012

Lo sfogo di Luca Salsi su Facebook

“TEATRI ITALIANI
PIENI DI DEBITI:
DA OTTOBRE
NON VENGO PAGATO
(e alcuni miei colleghi
anche da due anni)”
Il baritono parmigiano, attualmente a Macerata dove il 20 luglio sarà Giorgio Germont nella “Traviata” allo Sferisterio, opera d’apertura del Macerata Opera Festival 2012, ha scelto il popolare social network per dire la sua, senza peli sulla lingua, sulla crisi dei teatri in Italia, che coinvolge sì le maestranze, ma anche gli artisti - Ha aperto la polemica con fare battagliero: “Vediamo se riesco a fare arrabbiare un po’ di gente”
di ACHILLE MEZZADRI
Luca Salsi, il baritono parmigiano che quando non è in giro per il mondo a cantare nei teatri più prestigiosi, si rifugia nella sua casa di Parma dalle cui finestre vede il campanile di San Giovanni, non è uno che le manda a dire. Le dice, direttamente. Se fosse romano direbbe: quanno ce vò ce vò. Invece è parmigiano della Bassa, sanguigno come sanno essere i parmigiani della Bassa. Molto “verdiano”, direi, e non a caso dopo un passato rossiniano si è buttato decisamente su Verdi e proprio in questi giorni è a Macerata dove..............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: