/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 4 giugno 2012

Mercoledì grande concerto a Parma Lirica

RENATO BRUSON
50 ANNI SPESI BENE
(IN PALCOSCENICO)
Il celebre baritono, 78 anni, nel 2011 ha festeggiato i suoi 50 anni di carriera in molti teatri italiani - I festeggiamenti continuano: mercoledì 6 giugno, ore 21, terrà un concerto a Parma Lirica - Nello storico sodalizio di via Gorizia canterà con Alexandra Zabala, Vladimir Reutov e il Coro Tebaldi diretto da Sebastiano Rolli




















Anche Renato Bruson (come Leo Nucci) ha la cittadinanza onoraria di Parma ed era più che logico che festeggiasse i suoi 50 anni di carriera nella nostra (nella "sua") città. Già l'anno scorso, 2011, l'anno esatto dell'anniversario (debuttò nel 1961 a Spoleto) ha tenuto concerti in molte città italiane. Ma finalmente, pur se con un po' di ritardo, anche Parma potrà stringersi attorno a lui. E ciò grazie allo storico sodalizio di via Gorizia, Parma Lirica, che grazie al suo presidente Paolo Ampollini e al suo alter ego Patrizia Monteverdi, ha messo in piedi un super concerto che si svolgerà mercoledì prossima 6 giugno, ore 21, con Renato Bruson, Alexandra Zabala, Vladimir Reutov e il Coro Tebaldi diretto da Sebastiano Rolli. Sarà presente, accanto al maestro Bruson, l'inseparabile moglie, Tita Tegano, autrice per altro del bellissimo libro su suo mirto "Renato Bruson. Il volto, il gesto, il passo", edito dalla parmigiana Step. La Gazzetta di Parma, a firma di Mara Pedrabissi, gli ha già dedicato una bellissima intervista, che linkiamo volentieri qui sotto per farla leggere a chi non ne avesse già avuto occasione.
Nell'intervista Bruson rievoca anche il famoso episodio della fine degli anni Settanta, al Regio, nel Trovatore, quando, dopo aver subìto uno zittio del pubblico alla fine di una sua aria del Conte di Luna, minacciò di andarsene. Il fotografo Giovanni Ferraguti gli era vicino e il cantante gli chiese: "Davvero ho cantato male?". E Ferraguti, beffardo, gli rispose: "Malissimo". Bruson, infuriato, lo inseguì dietro le quinte con una spada di scena. L'episodio ebbe risonanza nazionale grazie alla Domenica del Corriere, dove Walter Molino rappresentò la scena in un disegno diventato "storico". Poi però Bruson e Ferraguti sonno diventati amici. E mercoledì prossimo, a Parma Lirica, molto probabilmente potranno riabbracciarsi, come due vecchi amici. Il concerto a Parma Lirica è con ingresso libero offerta.
L'INTERVISTA DI MARA PEDRABISSI

Nessun commento: