/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 1 giugno 2012

La vita straordinaria di un ufficiale d’altri tempi

IL CONTE FABIO
FURLOTTI:
NOVANT’ANNI
DA PRIMA PAGINA
Ieri la Gazzetta di Parma ha dedicato uno splendido articolo, a firma di Lorenzo Sartorio, dedicato al conte Furlotti, uno dei “grandi vecchi” della nostra città - Ha frequentato il De La Salle e il Convitto Maria Luigia (dove è stato allievo di Attilio Bertolucci) - Fervente monarchico, frequentò re Umberto II nell’esilio di Cascais, poi fu presidente della sezione di Parma degli autieri, e responsabile dell’Asso Arma - Nel 1988 fondò il circolo culturale “Giovannino Guareschi” e, legato tra l’altro da fraterna amicizia a Baldassarre Molossi, è stato anche tra i più assidui frequentatori del Circolo di Lettura - Il conte Furlotti ha festeggiato i suoi 90 anni con la moglie Ferdinanda, i figli Francesco, Maria Cristina e Luigi (il popolare attore che con Aldo Musci forma il, duo Gino e Dino), i sei nipoti e i tre adorati pronipoti
di ACHILLE MEZZADRI
Ero a Parma per la presentazione al Regio del dvd “Maria Luigia, una sovrana, una donna...”, scritto e diretto da Mauro Biondini, e non ho avuto la possibilità materiale di occuparmi di un compleanno speciale: i novant’anni del conte Fabio Furlotti, uno dei più stimati e più amati “grandi vecchi” di Parma. Per fortuna ha potuto pensarci, sulle pagine della Gazzetta, un “celebratore” dell’eccellenza, Lorenzo Sartorio, penna finissima che di ogni personaggio che incontra sa confezionare ritratti raffaelleschi. Lorenzo, nel suo bell’articolo, intitolato .........
(Nella foto - CLICCARE PER INGRANDIRE - : Il conte Fabio Furlotti, 90 anni, con il figlio Luigi, il popolare attore del duo Gino e Dino)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

1 commento:

Elvis Piovani ha detto...

eh si....i miei genitori lo conoscono personalmente, essendo di Traversetolo. Anzi, credo che sia anche cliente della barberia di mio padre Vittorio.
Io, amante delle cose antiche, da sempre gli invidio la sua bellissima casa e la guardo ogni volta che ci passo....