O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 20 giugno 2012

La “formica atomica” va alla Juve

GIOVINCO BYE-BYE
Sembrava scontato e infatti è successo: la Juventus ha acquistato, sembra per 11 milioni, la sua metà e “Seba” è tornato totalmente bianconero - Mini-inchiesta di Pramzanblog: che cosa perde il Parma con l’uscita di Giovinco e qual è l’oggetto del desiderio per sostituirlo? - Abbiamo fatto questa domanda ad Alberto Michelotti, Gabriele Majo, Marco Osio, Monica Bertini, Luca Ampollini e Gianfranco Bellè
Sebastian Giovinco, la "formica atomica", in maglia azzurra
di ACHILLE MEZZADRI
Bye-bye Giovinco. La “formica atomica” se ne va alla corte di Conte (scusate il gioco di parole) con l’aria di uno che si gode la rivincita e canta: “Adesso avete bisogno di me, eh?”. Scaricato prima come un “sovrappiù”, recuperato adesso come “oggetto del desiderio”. Giusto così: Sebastian torna a casa e lascia la nurse (il Parma) che l’ha tenuto a balia per due anni, restituendolo al ruolo che gli compete. Inevitabile. Era nell’ordine delle cose. Si sapeva che sarebbe finita così. Il Parma ha svezzato “Seba”, l’ha fatto diventare adulto e adesso gli fa “bye-bye” che più che un arrivederci è un addio. Non è la prima volta. Così,..........

Nessun commento: