O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 20 giugno 2012

Il commosso ricordo delle “Verdissime”

“QUELLA VOLTA CHE
BERTOLUCCI CI LESSE
IL CAPRICCIO VERDIANO 
DI SUO PADRE ATTILIO”
Luciana Dallari, presidente dell’associazione “Verdissime” ci ha inviato un articolo nel quale ricorda l’8 febbraio di due anni fa quando Giuseppe Bertolucci, scomparso il 16 giugno, intervenne alla premiazione del concorso “Viva V.E.R.D.I.” nella Sala del Consiglio Comunale di Piacenza - “Ci regalò una vera e propria lezione verdiana, partendo dall’amore che suo padre Attilio nutriva per il grande compositore”
di LUCIANA DALLARI
Giuseppe Bertolucci con le "Verdissime" a Piacenza, due anni fa
Nell’esprimere tutta la nostra tristezza perché l’Italia ha perso con Giuseppe Bertolucci uno degli intellettuali più profondi e rappresentativi della sua cultura, l’Associazione Verdissime.com vuole ricordare una sua iniziativa che lo ha visto protagonista insieme ai giovani studenti. Il giorno 8 febbraio 2010 presso la Sala del Consiglio del Comune di Piacenza, Giuseppe Bertolucci è intervento alla premiazione del Concorso Viva V.E.R.D.I. –parte letteraria – per la ideazione di un inno patriottico in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: