O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 7 maggio 2012

La nuova puntata di "Su il sipario"

STANDING OVATION
A PARMA LIRICA

Questa settimana Paolo Zoppi ha aperto la sua rubrica "Su il sipario" raccontando quello che è avvenuto a Parma Lirica in occasione del concerto con Vladimir Stoyanov, Antonio Corianò e Aurelia Florian: una calorosa standing ovation. In effetti si è trattato di un grandissimo successo.
Nella rubrica trovate anche la serie "Quelle sere al Regio", con il ricordo di Giuseppina Strepponi che nella stagione di primavera del 1843 cantò nel ruolo  di Abigaille nel Nabucco per ben 23 volte. La puntata si conclude ricordando che il 15 maggio all'Auditorio del Carmine si terrà il grande concerto di primavera con Anna Pirozzi, Federico Longhi e Carlo Lepore.
(Nella foto: Applausi per tutti alla fine del concerto a Parma Lirica)

Nessun commento: