/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 31 maggio 2012

Il film su Maria Luigia: un successone

E ADESSO... SCATENARSI
NELLE EDICOLE
“Maria Luigia, una sovrana, una donna...”, il film documentario di Mauro Biondini, è stato accolto molto favorevolmente dal pubblico accorso ieri sera al Teatro Regio e da stamattina è in vendita nelle edicole assieme alla “Gazzetta di Parma”, al prezzo di 8 euro e 80, più il prezzo del quotidiano - Visto che l’incasso sarà interamente devoluto all’Ospedale dei bambini, sarebbe auspicabile il “tutto esaurito” - I parmigiani, anche in tempi di crisi come questo, sono sempre stati generosi - Acquistando il dvd, però, si porta a casa anche un interessantissimo documento storico, confezionato con assoluta bravura - Pramzanblog vi offre, in 36 immagini, una brevissima sintesi del film
di ACHILLE MEZZADRI
“Bello”, “Bellissimo”, “Ottimo, anca s’ l’é un cininén lóng”, “Ho imparato cose che non sapevo”. Le reazioni del pubblico, ieri sera al Regio, sono state concordi. Mauro Biondini, anche stavolta, dopo i reiterati successi con i suoi documentari dedicati al Dedlà da l’acua, a Verdi, alla Tebaldi, a Bergonzi, ha fatto ancora una volta centro. Prima della proiezione di ieri sera era teso come una corda di violino. Dopo due anni di impegno la sua “creatura”, un omaggio d’amore a Maria Luigia, era pronto per essere “dato in pasto ai parmigiani”. Tesissimo, se qualcuno l’avesse inavvertitamente toccato, avrebbe preso la scossa. Alla fine, di fronte agli scroscianti applausi del pubblico, finalmente si è sciolto in un sorriso liberatorio, in particolare quando è uscito sul palcoscenico per.......
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO 
(Per le tre foto della serata si ringrazia la Gazzetta di Parma)

GUARDATE IL SERVIZIO DI TG PARMA

Successo del film su Maria Luigia

L'É GNÙ ZÒ AL REGIO
PER IL FILM DI BIONDINI
E da oggi comprate il dvd
Grande successo ieri sera al Teatro Regio alla "prima" del film documentario "Maria Luigia, una sovrana, una donna...", scritto e diretto da Mauro Biondini e prodotto dal Rotary Club Parma con la collaborazione del Poliambulatorio Dalla Rosa Prati, la Provincia di Parma e la Gazzetta di Parma. I parmigiani presenti hanno tributato al film calorosi e meritati applausi. Da oggi tutti i parmigiani avranno la possibilità di vedere il film comprando il dvd in edicola con la Gazzetta di Parma a 8 euro e 80, più il prezzo del quotidiano. Gli interi proventi delle vendite andranno all'Ospedale dei bambini. Mezza Parma che conta ieri sera, dal neosindaco Federico Pizzarotti a tanti personaggi noti, più ovviamente Paola Sanguinetti, che ha intepretato la parte di Maria Luigia e tutti gli altri "attori". Appena possibile torneremo sull'argomento.

mercoledì 30 maggio 2012

Stasera tutti al Regio

MARIA LUIGIA
TORNA DUCHESSA
PER UNA SERA
Questa sera alle 20,30 la proiezione del film - documentario "Maria Luigia, una sovrana, una donna..." di Mauro Biondini, il cui dvd sarà in vendita domani con la "Gazzetta di Parma" a soli 8 euro e 80 centesimi. Tutto il ricavato, detratte le spese di distribuzione, andrà all'Ospedale dei bambini. Il film è prodotto dal Rotary Club Parma in collaborazione con il Poliambulatorio Dalla Rosa Prati, la Provincia di Parma e la Gazzetta di Parma
Cliccare sull'immagine per ingrandirla

martedì 29 maggio 2012

Il terremoto in Emilia -8-

ALMENO 15 VITTIME
7 DISPERSI
5000 SFOLLATI
IL TERREMOTO IN DIRETTA
A TV PARMA: 
IL SANGUE FREDDO
DI MANUELA BOSELLI

A Fornovo weekend artistico il 9 e 10 giugno

"LiqArt": il festival
dei creativi
La fantasia di Rossana Cagnolati e Eleonora Conti ha partorito una due giorni “a tutta arte” a Fornovo - Artisti da tutta Italia, installazioni, scultura, videoart, fotografia, musica, attività di laboratorio gratuita per tutti e tanto altro ancora - “Ai visitatori”, dice la Cagnolati “saranno offerti gessetti colorati per diventare, in alcuni punti del paese, madonnari per un giorno” - “Ci si potrà improvvisare perfino scultori” - Gran finale domenica 10 con la commedia di Achille Mezzadri “Una giornata piena di sorprese”, con Gino e Dino, i Miracolati e Carla Varotto
di ACHILLE MEZZADRI
Quante strade apre la fantasia... Per esempio quello di Fornovo, che nel weekend sabato 9 e domenica 10 giugno saranno invase da artisti di tutta Italia per “LiqArt - Liquidazione artistica”, gran bella idea sfornata dalla fantasia, appunto, di due donne, Rossana Cagnolati e Eleonora Conti. Basta leggere il programma per ingolosirsi. Ce n’è davvero per tutti. Tanto per cominciare il dibattito delle ore 10 al Cinema Teatro Lux, con il sindaco Emanuela Grenti, l’assessore alla cultura Graziano Cenci, le curatrici dell’evento ed altri, per presentare la manifestazione e spiegarne le finalità. Poi già subito “chicche” per i più piccoli, come “La colazione di fine scuola al Nuovo Caffè Commercio, con “Macaroon&Cop”, l’arte della pasta di fimo in presa diretta, in piazza del Mercato e, in piazza 4 Novembre, lo spettacolo teatrale “L’Albero”, di Anticorpi Teatri. Poi, nel pomeriggio, dalle 15 alle 19, “Il coraggio ...........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Il terremoto in Emilia -7-

AGGIORNAMENTO
DA MODENA:
ALMENO 13 MORTI
ANNULLATA LA PARTITA
ITALIA - LUSSEMBURGO
Purtroppo sale il numero delle vittime: almeno 13 nella provincia modenese - La Fgci ha fatto la cosa giusta: ha annullato l'incontro amichevole Italia - Lussemburgo che era programma stasera al Tardini

Il terremoto in Emilia -6-

DIECI MORTI
MOLTI DISPERSI
Crollo parziale del Duomo di Carpi: muore il parroco sotto le macerie. Molti i dispersi nelle zone terremotate. A Cento (Ferrara) la gente riempie le auto di bagagli e lascia il paese. Ore 12.58: avvertita nuova scossa anche a Milano.

Il terremoto in Emilia -5-

IL SINDACO
PIZZAROTTI:
VERIFICHE
NELLE SCUOLE
PER ORA
TUTTO REGOLARE
Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti informa che sono in corso verifiche nelle scuole e che tutto al momento sembra regolare. La Rai ha confermato la diretta di stasera per Italia - Lussemburgo al Tardini, ma non è detto che si gochi. (La Figc prenderà una decisione alle 16). Sul Web pressanti inviti a non giocare e devolvere l'incasso alle zone terremotate.

Il terremoto in Emilia -4-

SALGONO A NOVE
LE VITTIME
NEL MODENESE
Secondo il sito Repubblica.it le vittime nel Modenese, al momento, sarebbero otto. (Per Il Giornale sono sei). Situazione drammatica nel raggio di 20 chilometri dall'epicentro. Incidenti d'auto causati dal panico.Nona vittima: una donna morta a Cavezzo nel mbilificio Malavasi.
Protezione Civile Modena: 059 200200
Mirandola 0535 611039

Il terremoto in Emilia -3-

IL DUOMO
DI MIRANDOLA

Il terremoto in Emilia -2-

VITTIME NEL MODENESE
Il sindaco di San Felice sul Panaro, Alberto Silvestri, ai microfoni di Sky Tg24 ha detto: "Purtroppo il terremoto ha causato vittime. Ci sono persone sotto le macerie". Al momento attuale si parla di tre vittime. Crolli di case a Mirandola (operai sotto le macerie) e a Medolla. Gravi danni nel Duomo di Mirandola. Evacuate le scuole. Su Twitter: "crollati tre quarti del paese a Cavezzo". A Cavezzo chiedono squadre di soccorso.
Secondo il Corriere della sera le vittime sarebbero almeno cinque.
Collegamenti ferroviari in tilt fra Emilia e Lombardia.

La terra continua a tremare nel Nord Italia

ORE 9,02: SCOSSA DI TERREMOTO
A MILANO E NEL NORD ITALIA
Magnitudo 5,9 - Epicentro nel Modenese - Il movimento tellurico sentito anche a Parma

Una forte scossa di terremoto  ha interessato il nord Italia. Secondo i primi dati dell'Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia, la scossa è stata di 5.76 di magnitudo con epicentro nel Comune di Finale Emilia, nel modenese, con profondità intorno ai 10 chilometri.  
Nuovi crolli in EmiliaDopo la scossa di terremoto di questa mattina nuovi crolli si sono registrati a Mirandola, Finale Emilia e San Felice sul Panaro, paesi già colpiti dalla scossa del 20 maggio. Sono in corso le verifiche dei vigili del fuoco e della Protezione Civile.
Panico a BolognaA Bologna, la terra ha tremato per diversi secondi in maniera prolungata, sussultoria e ondulatoria. Tanti i bolognesi scesi in strada: il movimento tellurico, per forza e intensità, ha ricordato quello del 20 maggio scorso.
A Bologna, dopo la forte scossa di terremoto delle 9 di questa mattina, sono andati fuori uso i collegamenti telefonici cellulari. A causa della scossa che si è sentita nettamente in tutta la città e anche a San Lazzaro di Savena alcune scuole sono state temporaneamente evacuate. Gli studenti sono stati fatti uscire dalle aule dagli insegnanti in via precauzionale.
MilanoLa  scossa di terremoto è stata avvertita anche in centro a Milano, specie nei piani alti delle abitazioni. Nessuna segnalazione di danni a persone o cose, solo un po' di spavento. Le linee telefoniche di pompieri e polizia urbana sono  intasate dalle telefonate dei cittadini. In alcuni casi le persone sono uscite dalle abitazioni e dagli uffici per motivi di sicurezza.
Numerosi palazzi del centro di Milano, compresa la sede della Regione Lombardia, il cosiddetto Pirellone, sono stati fatti evacuare per ragioni di sicurezza poco dopo la scossa. Gran parte della gente comunque sta già rientrando negli uffici e nelle abitazioni.

BolzanoIl sisma è stato sentito  nettamente a Bolzano. Numerose le chiamate ai vigili del fuoco, per il momento non si segnalano danni.

VenetoLa scossa di terremoto è stata avvertita nel veneziano,  con movimento ondulatorio sentito in particolare ai piani alti delle case. La scossa sembra aver avuto particolare intensità in altre zone del Veneto, come nel vicentino. (I telefoni dei vigili del fuoco e una parte dei cellulari sono in tilt, a Venezia e Verona, per le tante segnalazioni di cittadini. La scossa di terremoto è stata avvertita nel veneziano esattamente alle ore 9, con movimento ondulatorio sentito in particolare ai piani alti delle case. La scossa sembra aver avuto particolare intensità in altre zone del Veneto, come nel vicentino.
Friuli Venezia GiuliaLa Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia ha reso noto che la forte scossa è stata avvertita in tutto il Nord Italia. Ai centralini della Protezione Civile e dei vigili del fuoco del Friuli Venezia Giulia sono giunte numerose telefonate e segnalazioni.
ToscanaE' stata avvertita forte anche a Firenze la scossa di terremoto. In molte scuole fiorentine è scoppiato il panico, sono state interrotte le lezioni e sono stati predisposti i piani di evacuazione, come alla scuola media Pieraccini' di viale Spartaco Lavagnini, e in altri istituti cittadini. Come prevede il protocollo, gli alunni della Pieraccini insieme ai professori si stanno incamminando verso il 'punto di raccolta' in piazza Indipendenza. Lo stesso stanno facendo gli alunni e il personale delle altre scuole, verso i rispettivi punti di raccolta. In alcune vie, la gente è scesa in strada dalle proprie abitazioni e dagli uffici, in via precauzionale.
E' stata avvertita distintamente anche in Versilia la scossa di terremoto. La scossa ha fatto scattare numerosi allarmi e provocato scene di panico nelle scuole e negli uffici pubblici, ma almeno al momento non si registrano danni a persone e strutture.


lunedì 28 maggio 2012

Attesissima per il film di Biondini

MARIA LUIGIA
VI ASPETTA AL REGIO...
Tutto è pronto per la grande "prima" del film documentario "Maria Luigia, una sovrana, una donna..." di Mauro Biondini al Teatro Regio (mercoledì ore 20,30, ingresso libero). Qui sotto (cliccare sulle foto per ingrandire) i protagonisti e alcuni momenti della lavorazione del film
Maria Luigia (Paola Sanguinetti) nel Tempietto d'Arcadia. Intorno a lei, nei tondi,  il regista Mauro Biondini e gli altri interpreti
In centro Mauro Biondini, con il costume del narratore del film, davanti a un celebre ritratto di Maria Luigia. Intorno alcuni momenti della lavorazione

Parla il giovane regista di “Dreaming Alaska”

FARE UN FILM
CON DIECIMILA EURO?
SI PUÒ: VE LO DICO IO,
EMANUELE VALLA
Il 30 e il 31 maggio, al Cinema Teatro Comunale di Felino, sarà proiettato il film realizzato e autoprodotto da due giovanotti di Felino, Emanuele Valla che ha curato la regia e Dario D’Ambrosio, che ha scritto la sceneggiatura - Le due serate hanno già registrato, con le prenotazioni (ma l’ingresso è gratuito) il “tutto esaurito” - In precedenza il film era stato presentato con successo in anteprima allo Space Cinema Campus di Parma - “Dario e io abbiamo realizzato il nostro sogno, che avevamo già da bambini”, dice il regista “e siamo riusciti a dimostrare che anche in tempi di crisi, con pochissimi mezzi, si può fare un film. Bisogna crederci e avere coraggio” -
”Il nostro film è già stato accettato da ben 67 concorsi internazionali” - “Grazie a Internet abbiamo ottenuto la collaborazione di artisti anche d’Oltreoceano” - “Sono un Ariete, ho la testa dura” - “La mia passione sono i musical: ho visto “Notre Dame de Paris” 27 volte e con la nostra compagnia “Artisti senza nome” ne ho realizzato perfino un’edizione “pirata”
di ACHILLE MEZZADRI
Immagino che un giorno qualcuno dirà: “L’ho sempre detto io che quei due ragazzi sarebbero andati lontano”. Sì, qualcuno lo dirà. Ma fino a un anno fa chi avrebbe mai detto, davvero, che Emanuele Valla e Dario D’Ambrosio, due ragazzi di Felino, con una spesa totale che si aggira, produzione e post produzione comprese, attorno ai diecimila euro, sarebbero riusciti a confezionare un film di 111 minuti, Dreaming Alaska, che sarà proiettato il 30 e il 31 maggio al Cinema Teatro Comunale di Felino, dopo l’anteprima (un successone) allo Space Cinema Campus di Parma. Da non credere, eppure è la verità. Diecimila euro. Roba da far impallidire le grandi case di produ-zione che investono milioni di euro perfino per film che poi fanno pena al botteghino. Invece Emanuele e Dario, con pochi spiccioli ...........
(Nelle foto: 1) Emanuele Valla; 2) Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio; 3) La locandina del film)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

La nuova puntata di "Su il sipario"

E AIDA GIOCÒ
A BRISCOLA
CON RADAMES

Il personaggio "clou" della puntata odierna di "Su il sipario" di Paolo Zoppi, è uno dei vincitori del concorso "Conosci Verdi?" del Club dei 27, il lasalliano Daniele Dall'Argine, che nel suo fantasioso tema sull'Aida ha fatto giocare a briscola i protagonisti - Zoppi parla di questo e di tanto altro nel resoconto della premiazione, al Paganini - Grande successo del "Requiem" di Faurè in San Vitale - L'annuncio del concerto-premio "Romano Gandolfi"
Daniele Dall'Argine è un giovanissimo lasalliano che ha partecipato con tantissimi coetanei di Parma e provincia, ma anche del circondario oltr'Enza,  al concorso "Conosci Verdi?" del Club dei 27. Con una differenza: che lui ha vinto alla grande con il suo fantasioso tema su "Aida" , nel quale ha addirittura fatto giocare a briscola Radames e Aida, contro Amneris, Amonasro e Ramfis. Di lui, e di tutta la cerimonia di premiazione del concorso parla ampiamente Paolo Zoppi nella nuova puntata di "Su il sipario". Nella stessa puntata Zoppi ci fa il resoconto del grande successo del "Requiem" di Gabriel Faurè, molto gradito dal pubblico che ha gremito la storica chiesa di San Vitale. "Su il sipario" si conclude poi con l'annuncio del concerto-premio "Romano Gandolfi" il 1° e il 2 giugno alla Corale Verdi.
(Nelle foto: 1) I vincitori del concorso "Conosci Verdi?" )

sabato 26 maggio 2012

La grande attesa per Maria Luigia

MAURO BIONDINI:
UN UOMO, UNA SOVRANA...
Mercoledì al Teatro Regio, alle 20,30 (ingresso libero), la "prima" del film - documentario "Maria Luigia, una sovrana, una donna..." di Mauro Biondini
Mercoledì 30, al Regio: immaginiamo già il pienone. I parmigiani che vanno a rituffarsi nel passato per rivivere, almeno per poche ore, l'atmosfera dei tempi di Maria Luigia, la duchessa. Un personaggio della storia che è stato rivoltato come un calzino da tutti, favorevoli e contrari, amanti e detrattori. Tra gli "amanti", l'abbiamo già detto, c'è Mauro Biondini, che oltre ad essere un appassionato d'opera, è anche un "suddito fedele" di Maria Luigia e con questo film, che gli è costato due anni di impegno, ha realizzato un sogno. Parlare di lei, farla conoscere a quei parmigiani che sanno poco di lei, far vedere le bellezze della nostra città e della nostra provincia. "Maria Luigia, una sovrana, una donna..."è un film molto bello, garantiamo. La "prima" al Regio precederà la vendita, dal giorno dopo, del dvd allegato alla "Gazzetta di Parma", il cui ricavato, detratte soltanto le spese di distribuzione, andrà all'Ospedale dei bambini. Nel film, oltre alla protagonista principale, Paola Sanguinetti, che interpreta il ruolo di Maria Luigia, ci sono molti volti noti della città, dalle marchese Zaira Dalla Rosa Prati e Gabriella Pallavicino, al principe Diofebo Meli Lupi di Soragna, dalla direttrice di coro Silvia Rossi, al costumista e regista Artemio Cabassi, dalla "signora della Tv" Francesca Strozzi al princip dal djalètt Enrico Maletti, da Barbara Biondini a Luigi Raffaelli. C'è anche, nella parte del cardinal Crescini, Achille Mezzadri, l'inventore di Pramzanblog. Buona visione a tutti e, soprattutto, un caldo invito ad acquistare il dvd benefico.

giovedì 24 maggio 2012

Il Club dei 27 oggi al Paganini

LA NUOVA "FORMAZIONE"
DEI VENTISETTE
Oggi all'Auditorio Paganini è "andata in scena" la premiazione del concorso "Tu conosci Verdi?", promosso dal Club dei 27. È stata anche l'occasione per la prima foto ufficiale dei soci con la "new entry" Fausto Zatorri (primo a sinistra nella prima fila). Eccoli nella foto della Gazzetta di Parma, assieme al presidente decano Giovanni Reverberi
TUTTE LE FOTO DELLA GAZZETTA DI PARMA

lunedì 21 maggio 2012

Il ballottaggio a Parma

ELVIO UBALDI
"ADESSO VOGLIO
DIVERTIRMI"
Elvio Ubaldi, due volte sindaco e presidente uscente del consiglio comunale, nonché "grande sconfitto" al primo turno di queste amministrative, non vuole dare giudizi sull'esito del voto di oggi, ma ha ugualmente rilasciato a Pramzanblog una brevissima dichiarazione: "Non dò giudizi, anche se io un mio giudizio personale ce l'ho. Comunque adesso voglio divertirmi a vedere le cose come vanno nei prossimi giorni". Gli abbiamo fatto notare: "Da queste poche parole un giudizio, comunque, in un certo senso viene fuori...". E lui: "Sì, sì, sì". E ha ribadito: "Mi voglio proprio divertire",
(Nella foto, di Steve Mezzadri: Elvio Ubaldi)

Il ballottaggio a Parma

BERNAZZOLI:
"FAREMO
UN'OPPOSIZIONE
INFLESSIBILE
MA RESPONSABILE"
Vincenzo Bernazzoli, chiaramente dispiaciuto, ha detto tra l'altro ai microfoni di Tv Parma: "I cittadini hanno voluto fare una scelta netta. Quello che Parma ha vissuto nei tempi passati ha suscitato un cambiamento radicale e il centro - destra ha cercato una rivincita e si è saldato con le proposte dei "grillini". Faccio i migliori auguri a Pizzarotti. La nostra era una proposta di cambiamento che richiedeva un impegno collettivo. No, nessuna autocritica particolare. Faremo un'opposizione inflessibile ma responsabile sui temi fondamentali". Sulla possibilità di entrare o no in Consiglio Comunale come consigliere d'opposizione, mantenendo la carica di presidente della Provincia, ha detto. "È una cosa ancora da valutare. Credo di avere sempre dimostrato una grande attenzione alla città e non verrà a mancare mai".

Il ballottaggio di Parma

IL TRIONFO DI FEDERICO










In piazza Garibaldi grande entusiasmo per l’elezione a sindaco di Federico Pizzarotti - Il nuovo sindaco: “Per quanto riguarda l’inceneritore, prenderemo in mano i contratti, parleremo con l’Enìa e vedremo cosa dovremo fare”
Entusiasmo da stadio in piazza Garibaldi per la vittoria di Federico Pizzarotti, nuovo sindaco di Parma. Fin dalle prime proiezioni si è capito che il futuro amministrativo della nostra città non sarebbe stato affidato alla coalizione del centro-sinistra, ma al Movimento 5 stelle. Grande sorpresa in ambito nazionale e internazionale, non a caso sono arrivati a Parma inviati da tutto il mondo. Un po’ meno in città, dove in un qualche modo questo risultato poteva anche essere nell’aria. Alla fine Pizzarotti ha vinto con largo margine e la delusione degli sconfitti è stata grande.
Uno dei nodi che hanno sciolto la contesa, quasi sicuramente, è stato l’inceneritore, contro il quale Pizzarotti si è apertamente battuto in campagna elettorale, in linea con le battaglie dell’Associazione GCR (Gestione Corretta Rifiuti). Alla domanda “Allora l’inceneritore non si farà più?”, il nuovo sindaco ha risposto: “Prenderemo subito in mano i contratti, parleremo con l’Enìa e vedremo cosa dobbiamo fare”.
E ha anche dato una sua spiegazione alla netta sconfitta degli avversari. “Se avessero fatto dimettere il presidente della Provincia e avessero messo un giovane al posto suo, forse avrebbero vinto al primo turno”. E sulla deliocata situazione debitoria del nostro Comune: “Ci occuperemo subito della gestione del debito, per stabilirne la reale entità, perché in campagna elettorale abbiamo sentitop tutto e il contrario di tutto. Studieremo il bilancio del Comune e delle partecipate”.
(Nelle foto (dalla diretta di Tv Parma): 1) Federico Pizzarotti ai microfoni delle Tv, subito dopo aver appreso di essere il nuovo sindaco di Parma; 2) La folla sotto i Portici del grano; 3) Aldo Caffagnini, presidente dell'Associazione Gestione Corretta Rifiuti intervistato da Marco Balestrazzi di Tv Parma; 4) Cinzia Pizzarotti, la moglie del nuovo sindaco)

IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE
Consiglieri maggioranza
MOV.5 STELLE Marco Bosi, Mauro Nuzzo, Lorenzo Ilariuzzi, Nicoletta Paci, Fabrizio Savani, Marco Vagnozzi, Barbara Cacciatore, Patrizio Ageno, Sebastiano Pizzigalli, Stefano Fornari, Luca Rizzelli, Lucio Attillio de Lorenzi, Serena Mazoli, Mirco Zoni, Chiara Gian Ferrari, Andrea Medioli, Alessandro Mallozzi, Andrea De Lorenzi, Olimpia Adardi.
Consiglieri minoranza
PD Vincenzo Bernazzoli, Nicola Dall’Olio, Massimo Iotti, Giuseppe Bizzi, Maurizio Vescovi, Pierpaolo Scarpino
PDCI Ettore Manno
ALTRA POLITICA Maria Teresa Guarnieri
PARMA UNITA Roberto Ghiretti
CIVILTA’ PARMIGIANA Elvio Ubaldi
PARMA BENE COMUNE Roberta Roberti (in forse, al posto di Buzzi)
PDL Paolo Buzzi (in forse, al posto della Roberti)
UDC Giuseppe Pellacini

Il ballottaggio di Parma

FEDERICO PIZZAROTTI 
È IL NUOVO SINDACO
La situazione
minuto per minuto
Ore 17,15 - 202 sezioni su 203: Pizzarotti 60,17; Bernazzoli 39,83
Ore 16,34 - 197 sezioni su 203: Pizzarotti 60,11; Bernazzoli 39,89
Ore 16,24 - 193 sezioni su 203: Pizzarotti 60,16; Bernazzoli 39,84
Ore 16,13 - 183 sezioni su 203: Pizzarotti 60,14; Bernazzoli 39,86
Ore 16,08 - 172 sezioni su 203: Pizzarotti 59,86; Bernazzoli 40,14
Ore 16,06 - 163 sezioni su 203: Pizzarotti 60,00; Bernazzoli 40,00
Ore 16,00 - 152 sezioni su 203: Pizzarotti 59,68; Bernazzoli 40,32
Ore 15,52 - 128 sezioni su 203: Pizzarotti 59,65; Bernazzoli 40,35
Ore 15,49 - 115 sezioni su 203: Pizzarotti 59,8; Bernazzoli 40,2
Ore 15,42 - 81 sezioni su 203: Pizzarotti 60,4; Bernazzoli 39,6
Ore 15,38 - 46 sezioni su 203: Pizzarotti 60,18; Bernazzoli 39,82
Ore 15,34 - Prime 29 sezioni: Pizzarotti 60,1; Bernazzoli: 39,9
Ore 15,16 - L'affluenza alle urne di 197 sezioni su 203: 61,02 %

Qui Parma: il giorno del ballottaggio

L'ORA DELLA VERITÀ
Alle 15 si chiudono le urne e qualche ora più tardi cominceremo a capire chi sarà il nuovo sindaco: Bernazzoli o Pizzarotti? Ecco l'aria che respira in queste ore nei due schieramenti
QUELLI DI BERNAZZOLI: "Siamo fiduciosi, il calo di affluenza alle urne non ci spaventa. Anzi. Abbiamo la sensazione che anche i più arrabbiati contro il sistema della politica, che accusano di essere responsabile del debito che è stato prodotto e che si riflette sulle tasse,  alla fine non se la sentono che la città faccia un salto nel buio, come ha scritto anche il direttore Molossi sulla Gazzetta".
QUELLI DI PIZZAROTTI: "Siamo fiduciosi, c'è grande attesa, sono arrivati a Parma tantissimi giornalisti. Ma siamo sereni. Il nostro candidato sindaco, Pizzarotti, oggi è andato a lavorare nella banca dove lavora come esperto informatico. Abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare, anche con poche risorse economiche. E sappiamo che c'è gente che nel primo turino aveva votato Bernazzoli che ora è orientata su Pizzarotti"

La nuova puntata di "Su il sipario"

UN GRANDE CONCERTO
E FAUSTO ZATORRI NUOVO
SIMON BOCCANEGRA


Paolo Zoppi, nella puntata odierna di "Su il sipario" ci fa la cronaca della riuscitissima serata all'Auditorium del Carmine, con Carlo Lepore, Anna Pirozzi, Valentino Salvini e il maestro Simone Savina - Ma racconta anche il passaggio di consegna al Club dei 27 dall'ex "Simon Boccanegra", Mario Gherardi, al nuovo, Fausto Zatorri - Infine annuncia un bel concerto della Verdi nella chiesa di San Vitale
Paolo Zoppi puntava molto sul nuovo Grande Concerto di primavera del Cral Cariparma, intitolato "Aspettando il Bicentenario": perché era cosciente della bravura degli interpreti,  il soprano Anna Pirozzi, il basso Carlo Lepore e il baritono Valentino Salvino, e perché aveva messo in cantiere un programma "a tutto Verdi" di assoluto valore. Anche stavolta ha avuto ragione: il concerto ha avuto grande successo e ha suscitato emozioni nel pubblico. Lo stesso Zoppi ce ne parla nella puntata odierna della sua rubrica "Su il sipario". In questa puntata anche la cronaca dell'investitura del nuovo socio del Club dei 27,  Fausto Zatorri (ben conosciuto anche dai lettori di Pramzanblog per esserne un collaboratore, ma anche per i suoi commenti "a caldo" dopo le "prime" al Regio), che è il nuovo "Simon Boccanegra", al posto di Mario Gherardi che diventa "socio decano". Infine nella rubrica c'è l'annuncio del concerto della Corale Verdi nella chiesa di San Vitale la sera del 25 maggio.

(Nelle foto: 1) I protagonisti del concerto e Paolo Zoppi all'Auditorium del Carmine; 2) Da sinistra il nuovo "Simon Boccanegra", Fausto Zatorri, il presidente del Club dei 27 Enzo Petrolini e il "Simon" uscente, Mario Gherardi)

domenica 20 maggio 2012

I reportage fotografici di Pramzanblog

E LA MILLE MIGLIA PASSÒ...
Ieri la "Mille miglia storica" ha compiuto una breve sosta in piazza Duomo, dove era situata una postazione di controllo. Siamo in grado di documentare l'evento grazie alle belle foto del nostro amico Luca Invernizzi, che ha immortalato l'arrivo di stupendi bolidi d'annata e di noti personaggi, come il principe Leopoldo di Baviera, John Elkann, Lavinia Borromeo, l'imprenditore parmigiano Caggiati (sulla cui Ferrari si specchia il Battistero), accolti da amici storici della corsa, i signori Corazza e Mercadanti e dal presidente dell'Aci, Cocconcelli.
(Nelle foto: 1) La Ferrari dell'imprenditore Caggiati, sul cui cofano si specchia il Battistero; 2) Una Ferrari in strada al Duomo: non capita tutti i giorni...; 3) Corazza, Mercadanti e Cocconcelli salutano gli equipaggi al loro passaggio)
QUI SOPRA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

I reportage fotografici di Pramzanblog

QUI SOPRA TROVATE IL SERVIZIO FOTOGRAFICO DI FRANCO SACCÒ (ARCHIMMAGINE) ALLO SHOW - COMIZIO DI BEPPE GRILLO IN PIAZZALE DELLA PACE

Il "nostro" direttore d'orchestra torna a Lima

PAGLIARI, UN DIRETTORE
CHE VALE... UN PERÙ
Il maestro Matteo Pagliari, direttore d'orchestra parmigiano che nel 2009 e 2010 è stato direttore principale dell'Orchestra Sinfonica Nazionale del Perù, il 5 giugno prossimo, al Teatro Municipal di Lima, dirigerà l'orchestra giovanile "Sinfonia por el Perù" in un concerto promosso dall'Ambasciata Italiana per celebrare, anche se con 3 giorni di ritardo, la nostra Festa della Repubblica
In un Paese che dà il cavalierato della Repubblica a Giovanni Allevi, forse non scuoterà gli animi la notizia che il maestro Matteo Pagliari, 38 anni, parmigianissimo, continua a essere richiesto all'estero, e in particolare in Perù, Paese che già portò fortuna al mai dimenticato Edgardo Egaddi. Pagliari da anni è di casa a Lima, la capitale peruviana: nel 2009 e 2010 è stato direttore principale dell'orchestra Sinfonica Nazionale del Perù (con la quale ha diretto una trentina di concerti) ed ha lasciato un ottimo ricordo, sia dal punto di vista musicale che da quello personale. Non a caso continuano a chiamarlo. L'anno scorso, in aprile, ha diretto la Messa di requiem di Verdi al Teatro Municipal ed ora sta per tornare a Lima dove il 5 giugno, nello stesso teatro, dovrà dirigere un nuovo concerto. "Sì", ci ha detto "dirigerò un'ottima orchestra giovanile, chiamata "Sinfonia por el Perù", voluta dal celebre tenore Diego Florez, in un concerto promosso dall'Ambasciata Italiana a Lima attraverso l'Istituto italiano di cultura per celebrare, anche se tre giorni dopo, la nostra Festa della Repubblica del 2 giugno. Il concerto sarà diviso in due parti. Nella prima proporremo l'ouverture della Forza del destino e I pini di Roma di Ottorino Respighi, nella seconda, invece, la sinfonia "Dal nuovo mondo" di Antonin Dvořák".