O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 13 aprile 2012

La solidarietà oltre i confini

IL SOGNO DI ALBERTO
Alberto Carenzi è un piacentino di 36 anni affetto da tetraparesi dalla nascita - Il nostro amico Matteo Billi ci chiede di diffondere il suo appello: cerca volontari disposti ad aiutarlo a realizzare il sogno della sua vita: percorrere su una speciale carrozzina gli ultimi 120 chilonmetri del “Cammino di Santiago” - Lo facciamo volentieri: non solo perché Piacenza ha fatto parte del nostro ex Ducato, ma principalmente perché la solidarietà non può e non deve avere confini









Matteo Billi è un bravo giornalista, ma anche un uomo sensibile che sa buttarsi a capofitto per una giusta causa. È l’uomo che l’anno scorso mosse mezza Parma (perfino il vescovo) per ricordare con un Memorial il collega e amico Francesco Saponara, scomparso troppo presto. Ecco, adesso Matteo ha inviato a me e ai “soci” del Superblog pramzàn, una richiesta molto nobile: l’invito a diffondere l’appello di Alberto Carenzi, un piacentino di 36 anni affetto da una grave malattia. Piacenza non è Parma, d’accordo, c’entra poco con la parmigianità, ma in senso lato... 
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: