O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 30 aprile 2012

I protagonisti della Stagione Lirica 2012


YU GUANQUN
"Verdi mi piace, ma sogno
di cantare
tutte le opere di Donizetti"
Il soprano cinese, l’applauditissima Lina nel recente “Stiffelio” al Regio, dopo aver vinto un concorso a Vienna, è arrivata in Italia nel dicembre 2009 - “Da bambina suonavo la fisarmonica, poi sono passata al canto” - “Il pubblico di Parma è molto ‘professional’, capisce subito” - “Quando canto nella Bohème mi viene la pelle d’oca”

“Noi per parlare usiamo gli occhi, voi la lingua”. L’intrigante e seducente aforisma  è di Yu Guanqun, il giovane soprano cinese che ha riscosso un  caloroso successo nelle vesti di Lina, protagonista femminile di Stiffelio, a proposito degli ideogrammi della lingua “mandarino” e delle difficoltà di imparare una lingua semiologicamente diversa. Infatti dopo i doverosi complimenti per la superba interpretazione di domenica sera, prima recita del titolo verdiano, è stato altrettanto dovuto riconoscerle una corretta e disinvolta parlata italiana, considerando........ 
(Nella foto: Yu Guanqun)
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: