/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 30 aprile 2012

La nuova puntata di "Su il sipario"


UN'OTTIMA
"SONNAMBULA"
ALLA FENICE
Paolo Zoppi questa settimana, nella sua bella rubrica "Su il sipario" ci regala la recensione di un'ottima recita de "La sonnambula" di Bellini, andata in scena al Gran Teatro La Fenice di Venezia. Opera bellissima, ma questo si sa, e interpreti d'eccezione: il soprano Jessica Pratt e il tenore Shalva Mukeria, che sono cantanti famosi in tutto il mondo ma che i parmigiani ricordano anche per il concerto del novembre scorso al "del Carmine". Zoppi poi annuncia il nuovo Grande Concerto di Primavera, sempre organizzato dagli Amici della Lirica del Cral Cariparma, che avrà luogo all'Auditorio del Carmine il prossimo 15 maggio, con Anna Pirozzi, Carlo Lepore e Federico Longhi.
(Nella foto: Una scena della "Sonnambula" della Fenice)

I protagonisti della Stagione Lirica 2012


YU GUANQUN
"Verdi mi piace, ma sogno
di cantare
tutte le opere di Donizetti"
Il soprano cinese, l’applauditissima Lina nel recente “Stiffelio” al Regio, dopo aver vinto un concorso a Vienna, è arrivata in Italia nel dicembre 2009 - “Da bambina suonavo la fisarmonica, poi sono passata al canto” - “Il pubblico di Parma è molto ‘professional’, capisce subito” - “Quando canto nella Bohème mi viene la pelle d’oca”

“Noi per parlare usiamo gli occhi, voi la lingua”. L’intrigante e seducente aforisma  è di Yu Guanqun, il giovane soprano cinese che ha riscosso un  caloroso successo nelle vesti di Lina, protagonista femminile di Stiffelio, a proposito degli ideogrammi della lingua “mandarino” e delle difficoltà di imparare una lingua semiologicamente diversa. Infatti dopo i doverosi complimenti per la superba interpretazione di domenica sera, prima recita del titolo verdiano, è stato altrettanto dovuto riconoscerle una corretta e disinvolta parlata italiana, considerando........ 
(Nella foto: Yu Guanqun)
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

domenica 29 aprile 2012

Cór crozè - L'opinione di Michelotti


A N'Ò MÄI GODÙ
'CSÌ TANT...
LECCE - PARMA 1-2 A m' són divartì bombén, ansi... a n'ò mäi godù 'csì tant... A gh'éra Cosmi, l'alenadór dal Lecce, ch'al continväva andär avanti e indrè e al bruzäva cme 'n falò. Vittoria meritatissima, Parma ultralanciato e ottavo posto raggiunto, in coabitazione con il Catania. Adésa fèmma miga 'd schèrs, eh? Restèmma lì...
Mirante è uscito per infortunio: prima come ha giocato?
A voler essere impietosi direi che... al n'à miga zughè bén. L'à fat do usìdi a vód e in-t-la seconda usìda al s'é sloghè un did... Par fortón'na a gh'èmma super-Pavarén...
Appunto, Pavarini...
L'é sémpor 'na sicurèssa, un gran portér. E l'à anca evitè al parègg' dal Lecce.
Com'è andata la difesa?
A dirìss bén, con un Palètta superlativ. L'à finn fat un goll ch'al paräva 'n atacànt! Feltscher l'à zughè al post 'd Santacroce ch'l'é restäda sul Calvario da l'ultma partida. Beh, al ragas al n'à miga zughè mäl. Bene anche Lucaréli, cme sémpor.
Centrocampo?
Jonathan positivo, senza eccessi, poi è stato sostituito da Biabiany. Valiani ha corso tantissimo, dagh un séz e méz, Valdés molto lezioso al momento del gol del Lecce, Galloppa bene... Finalmént al m'é piazù, dopa un period acsì 'csì, Gobbi s'è fatto ammonire e non potrà giocare contro l'Inter sabato prossimo.
E là davanti?
Continuo a pensare che Floccari non sia una vera punta ma una mezzapunta, però anca incó l'à zughé bén. Floccari l'é bón 'd zugär... dabón. E Giovinco... al solit. Cuand l'é andè fóra, al Lecce l'à sgnè subìtta...
È entrato Okaka... Come ha giocato?
Chi? Okaka Chuka? Guärda, al me fa tenerèssa... Zugär al calcio l'é 'n' ältra roba... Però sperèmma ch'l'impära...
Il migliore del Parma?
Palètta, an gh'é dubbi
E il peggiore?
Non farmi dire Mirante che non te lo dico. Povrén, al s'é fat mäl... Però l'à fat do usìdi a vód...
Che voto dai oggi a mister Donadoni?
Beh', a coll pónt chì al merita un vót ält. Dagh un sètt e méz.
pramzàn45
(Revisione della parte dilettale a cura di Giuseppe Mezzadri)

La notizia in pillole: terza pillola


CINQUE PERSONAGGI
IN CERCA D'AUTORE
Il 12 e il 19 aprile abbiamo pubblicato la foto di cinque personaggi in cerca d'autore (in realtà l'hanno già trovato). Quattro uomini e una donna, fotografati da Ivano Zinelli. Nella prima "pillola" erano tutti resi irriconoscibili da mascherine e punti interrogativi. Nella seconda abbiamo svelato il volto di Stefano Pelliconi, il primo in piedi a sinistra, un attore "romagnolo doc" di Faenza, che vediamo attualmente spesso in Tv nello spot del vino San Crispino. Oggi sveliamo quello del personaggio, quello seduto: è Loris Talluto, forlivese,giornalista sportivo, autore di novelle e attore, che dal 2006 fa "ditta" con Pelliconi nel duo "I miracolati". Ma perché sono insieme con gli altri tre? E chi sono gli altri tre? Tempo al tempo e lo scoprirete.

venerdì 27 aprile 2012

Chiedi chi era: Marcello Padovani

DA MONELLO DI STRADA
A CAMPIONE
ITALIANO DI BOXE
Da dilettante, nel 1951, indossò 15 volte la maglia azzurra e fu medaglia d’argento agli europei tra i superleggeri e da professionista, nel 1957, conquistò il titolo italiano dei leggeri - Diceva: “Se n’aviss miga incontrè al sport, forsi a sariss dvintè un delincuént” - Ritiratosi dal ring si dedicò ai giovani ed ebbe la grande soddisfazione di lanciare pugili come Damiano Lauretta













Se ne è andato l’11 giugno del 2001, Marcello Padovani. E nel modo che aveva sempre desiderato: sul ring, con i guantoni infilati sulle mani. Diceva sempre al genero Roberto Dallatana (marito della figlia Stefania): “Robèrt, a n’ són miga ‘d césa mo a prégh soltant coll sgnór là ‘d färom morir d’un cólp sul ring e coj guantón infilè”. E così è stato. Stroncato da un infarto sul ring della Boxe Colorno, mentre allenava un suo nuovo pupillo, Oscar Cappa. Aveva 74 anni. E alle spalle un’ot-tima carriera di pugile, che nel ’51 gli regalò la medaglia d’argento agli europei dilettanti, nella categoria dei pesi superleggeri (ma anche 15 maglia azzurre) e nel ’57, tra i professionisti, il titolo  ........
(Nella foto: Marcello Padovani, a sinistra, quando difese il suo titolo italiano sul ring di Parma il 27 ottobre 1957 contro Mario Vecchiatto)

Le affissioni di Pramzanblog

(cliccare sull'immagine per ingrandire)

Le foto "doc" di Luca Invernizzi

DUE SCATTI "MAGISTRALI"
NELLA
BASILICA "MAGISTRALE"
Lunedì scorso, 23 aprile, alla Basilica Magistrale di Santa Maria della Steccata (dai parmigiani semplicemente e amorevolmente definita "la Steccata") in occasione della ricorrenza di San Giorgio, si è svolta una cerimonia liturgica, organizzata dall'Ordine Costantiniano nella persona del Gran Cancelliere, il Principe Diofebo Meli Lupi di Soragna, con la collaborazione di Maria Chiara Barilla e dei consiglio dell'Ordine e con la partecipazione delle autorità civili, militari e religiose. Ha officiato il Vescovo, monsignor Enrico Solmi, Gran Priore dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio. Presenti alla cerimonia, durante la quale si sono ascoltate musiche suonate dall'arpa di Carla They (accompagnata dalle voci bianche Ars Canto del Regio, tra le quali canta Elena, la figlia dell'arpista) e dallo straordinario organo della basilica, i Cavalieri degli Ordini Dinastici di Casa Borbone Parma ( Costantiniano e di San Ludovico) nonché i Cavalieri del Sovrano Militare Ordine di Malta e dell'Ordine del Santo Sepolcro. Tra i presenti Luca Invernizzi, anche talentuoso fotografo per passione, che ci ha inviato queste due belle fotografie, scattate in occasione della cerimonia. La prima, molto suggestiva, ci fa vedere il cielo che incombe tempestoso sulla basilica prima del rito religioso, la seconda, scattata al termine della cerimonia, ci mostra CarlaThey all'arpa, davanti all'altare. A proposito di Carla They: la nota arpista sarà protagonista domenica 1° maggio, nella Reggia di Colorno, del concerto dal titolo "Omaggio a Maria Luigia", insieme con Gabriella Corsaro, che non è soltanto il direttore del coro di voci bianche Ars Canto, ma è anche un valente soprano. Il concerto è inserito nell’ambito del Festival Ferdinandeo 2012, promosso da Comune di Colorno, Provincia di Parma e Banca Monte Parma, in collaborazione con l’associazione Serassi. Inizio ore 19, ingresso libero.

mercoledì 25 aprile 2012

Una data che non si può dimenticare

25 APRILE:
PARMA IERI,
PARMA OGGI

Domani pomeriggio “poetico” alla Corale Verdi

IL FIL ROUGE
PRAMZÀN
DI PATRIZIA FAZZI
La poetessa aretina, già nota per le sue numerose frequentazioni pramzàne, presenta domani alla Corale Verdi il suo nuovo libro “L’occhio dei poeti” - Relatore il professor Giuseppe Marchetti
di ACHILLE MEZZADRI
Pramzàna ad honorem? Già, non dico proprio l’ufficialità della cittadinanza, però un bel titolo affettuoso, in amitiè, di “pramzàna ad honorem” si potrebbe anche darlo a Patrizia Fazzi, poetessa aretina di grande spessore che quando c’è di mezzo Parma, anche e soprattutto grazie agli uffici di Anna Poletti Zanella, non si tira mai indietro. L’abbiamo già vista più volte nella nostra città, a leggere le sue poesie (bellissime) all’Auditorium Paganini, al Teatro Regio... in salsa parmigiana ha partecipato perfino a trasferte, per esempio a Vienna, a Roma, a Nizza... Insomma, chi dice Arezzo, nel suo caso particolare... dice anche Parma. E a me sta anche simpatica non solo perché è una poetessa talentuosa, ma anche per il semplice fatto che...........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

La foto curiosa

"CANAPIE" A CONFRONTO
Gabriele Majo, direttore di "Stadiotardini.com" non è soltanto un ottimo giornalista, per altro molto popolare tra gli sportivi, ma possiede anche la dote dell'autoironia e un grande... fiuto... Così l'ApeMajo (che è anche nostro "socio" nel Superblog pramzàn), quando ha partecipato alla festa di compleanno di Alberto Dallatana, collaboratore della Gazzetta di Parma, ha notato che tra i presenti c'era anche il giovanissimo Nicolò Fochi che in quanto a fiuto... è certamente al suo pari. L'ApeMajo non si è lasciato sfuggire la circostanza e si è fatto immortalare "naso a naso" con Nicolò. Il racconto del divertente incontro è ovviamente su Stadioptardini.com, con l'aggiunta di numerose foto.
LE "CANAPIE" SU STADIOTARDINI.COM

Cór crozè - L'opinione di Michelotti


A SÓN CONTÉNT
BOMBÉN:
SÈMMA SÄLOV
(mo al primm témp...)


PALERMO - PARMA 1-2 Sèmma partì mäl bombén, èmma fat un primm témp dizastróz, po finalmént in-t-al secónd témp a s' sèmma sveljè e ‘csì èmma meritè 'd vénsor a Palärom. Adésa a s' pól dir ch'a sèmma sälov! Cuarantecuator pónt, ragas... Cuarantecuator pónt, in fila per sei col resto di due.... A m' vén da cantär... A són contént dabón.
Allora parliamo dei singoli. Cominciamo da Mirante.
Dagh un bél nóv. Ha fatto delle gran belle parate. È stato determinante per questa nostra bella vittoria
E la difesa?
Santacroce a due facce. In-t-al primm témp la “cróza” l'éra restäda sul Monte Calvario. I l'ävon miga tiräda  zo, evidentemént... Po dopa é gnù su Lucaréli e anca Santacroce al s'é sveljè. Lucaréli bene, tanta grénta, 'na sicurèssa. Zaccardo al s'é fat mäl, cuand l'é andè fóra al paräva Scrolén. Palètta bén, mo l'éra sémpor par téra incó.
Centrocampo?
Galloppa, ci risiamo... Non riesco a vederlo in questo periodo. Al me fa rabir. Jonathan invéci, da cuand l'é gnù su, al m'è piazù da morir. Valdés ha fatto il suo compitino, senza strafare. Anche Biabiany è andato bene, e poi ha fatto un gran bel gol. Merito del solito stratosferico Giovinco. Modesto... Non pervenuto.
E là davanti?
Ormai gli aggettivi per la Formica atomica si sprecano. Incó al n'à miga sgnè mo l'à fat fär du gran goll a Okaka e Biabiany. Giovinco al fa sémpor coll ch'al n'à vója. Okaka... l'é Okaka. Incó, cuand l'à sgnè, l'à fin sbraghè la porta... Oh mo che lavór. Bene anche Floccari.
Il migliore del Parma.
Giovinco, ça va sans dir. Guärda ch’a t'al digh finna in francéz...
Il peggiore?
Purtroppo mi ripeto con Galloppa. Mo anca Santacroce in-t-al primm témp.
Che voto dai a mister Donadoni?
Sinch in-t-al primm témp e ott in-t-al secónd. Fa la média: séz e méz.
pramzàn45
(Revisione della parte dialettale a cura di Giuseppe Mezzadri)

lunedì 23 aprile 2012

La nuova puntata di "Su il sipario"

GRANDE SUCCESSO
DEL "MACBETH" DEI 27
 


Un'altra puntata ricca di "Su il sipario" nella quale Paolo Zoppi ci spiega come è andato lo spettacolo intitolato "Pietà, rispetto, amore", in pratica un'ampia selezione di Macbeth con Amarilli Nizza e Giuseppe Altomare, la Corale Verdi e il maestro Simone Savina all'Auditorium del Carmine: un successone, con scroscianti applausi per tutti i protagonisti. 
Ovviamente contenti e orgogliosi i soci del "Club dei 27", organizzatori della serata. Zoppi ci racconta anche i particolari del simpatico incontro conviviale degli artisti di Stiffelio (Roberto Aronica, Roberto Frontali, Quanqun Yu, Martino Faggiani e alcuni responsabili del Regio) con i "Ventisette", nel loro "covo verdiano". La puntata odierna comprende anche il resoconto del bellissimo incontro musicale tra i giovanissimi coristi di Ars Canto, diretti da Gabriella Corsaro e i Petits Canteurs di Strasbourg, avvenuto al Ridotto del Regio. Una puntata, insomma, tutta da leggere.
(Nella foto: i protagonisti della grande serata di musica all’Auditorium del Carmine, organizzata dal Club dei 27, ricevono gli applausi del pubblico)

sabato 21 aprile 2012

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

J'Ò VISST
'NA PARTÌDA
DI CAPANÓN...
MO ADÉSA A SÓN
PU TRANCUÌLL
J ò visst 'na partìda di capanón… a paräva 'd vèddor al Cornoc' cóntra al Castlètt. Mo che lavór... spécialment in-t-al primm témp. Però a gh'é da dir che ‘l Cagliari l'é balórd bombén. An so miga cme l'à fat a fär tréntot pónt fin chì...

Quindi il Parma può essere considerato salvo...
A diriss äd sì. A gh'é sémpor al Lecce pericolóz, mo èmma fat un bél pas avanti.  E comunque basta che il Lecce domani non faccia più di un punto. Quota 41 va bene, va.
Che mi dici di Mirante?
L'à fat 'na béla paräda, mo anca un’ usìda da riddor: l'à fat finna al passo doble...
E della difesa?
M' é piazù Zaccardo. Palètta l' à fat un buz in méza a l'area che ‘désa al Cmón, ch' l 'é al padrón dal camp, al gh' farà cavsa. Lucaréli acsì ‘csì, allegro andante ma non troppo.
Parlami adesso del centrocampo.
Bräv bombén Jonathan, non ho visto bene Galloppa, che si è fatto anche ammonire, anca Valdés acsì ‘csì.
E là davanti?
Giovinco l' é stè méno atomich dal solit. L'à anca zbaljè du goll. Par fortón'na ch' al n'à fat vón. Bene invece Floccari, ch' l' à anca sgnè. Famm miga parlär 'd Okaka, ch' l' à fat goll su rigór... Però al n'à zbaljè vón ch'a gh' sariss da färol tridär dént’r  a 'na betoniéra... E po al gh'à un cul... A n' ò mäi visst un cul cómpagn. 
Il migliore del Parma?
An gh'é dubbi: Jonathan.
Il peggiore?
An gh'é dubbi: Galloppa.
Dai un voto al mister Donadoni
Èmma véns cóntra al Cornoc', però dagh un sètt, va.
pramzàn45

venerdì 20 aprile 2012

La notizia in pillole: seconda pillola


CINQUE PERSONAGGI
IN CERCA D'AUTORE
Giovedì 12 aprile abbiamo pubblicato la foto di cinque personaggi in cerca d'autore, resi irriconoscibili da mascherine e punti interrogativi. Quattro uomini e una donna. Chi sono? Per quale motivo si sono fatti fotografare insieme da Ivano Zinelli? Cominciamo a scoprirlo, svelando il volto di uno dei cinque. È quello di Stefano Pelliconi, un attore "romagnolo doc" di Faenza, che vediamo attualmente spesso in Tv nello spot del vino San Crispino. E gli altri? Tempo al tempo.

martedì 17 aprile 2012

Aspettando le amministrative del 6 e 7 maggio

SCENDE IN CAMPO
PERFINO
MARIA LUIGIA... 
Tra le centinaia di candidati delle venti liste che si presentano, in dieci diversi schieramenti, alle prossime elezioni comunali, c’è anche il noto soprano parmigiano Paola Sanguinetti, interprete tra l’altro del ruolo della duchessa di Parma e Piacenza nel film documentario di Mauro Biondini, che sarà presentato a fine maggio 
di ACHILLE MEZZADRI
Pramzanblog, lo si sa, non si schiera in politica e quindi, anche questa volta, sta a rispettosa equidistanza dai vari schieramenti che il 6 e il 7 maggio saranno in gara per esprimere il nuovo sindaco e il nuovo consiglio comunale. Anche perché, tra i “contendenti” ci sono numerosi “amici di Pramzanblog”, cioè persone che sono legate a chi scrive da amicizia personale o che comunque hanno avuto, hanno ed avranno, rapporti di reciproca stima con il nostro giornäl-bloggh tutt pramzàn. Per esempio vedo, tra i candidati..............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

lunedì 16 aprile 2012

Le "affissioni" di Pramzanblog

(cliccare sull'immagine per ingrandire)

Dopo la prima: la recensione

UNO “STIFFELIO” CHE HA
SODDISFATTO TUTTI

La quindicesima opera di Verdi  è andata in porto, come secondo e ultimo titolo della stagione lirica 2012, accolta da unanimi consensi -  Un Roberto Aronica in splendida forma è stato la punta di diamante di un cast decisamente all’altezza della situazione - Meritatissimi gli applausi ricevuti a scena aperta da Roberto Frontali - Anche la scelta di affidare il ruolo protagonistico femminile di Lina a Yu Guanqun si è rivelata vincente - Il maestro Andrea Battistoni, ha tenuto bene in pugno buca e palcoscenico e alla fine ha ricevuto calorosi applausi

di PAOLO ZOPPI
Come dice il Manzoni nei Promessi Sposi a proposito della piccola polenta bigia che Tonio dimenava col matterello “La mole della polenta era in ragion dell'annata, e non del numero e della buona voglia de' commensali” così possiamo tranquillamente dire della parca stagione lirica invernale del Teatro Regio. Benché spalmata su circa tre mesi, i due titoli proposti, figli della crisi e non del desiderio degli appassionati, sono decisa-mente pochi per una città dalla tradizione musicale così sviluppata come la nostra.  Però la polenta, al contrario di quella bigia e poco invitante della povera mensa di Tonio, è stata decisamente stuzzicante e saporita. Fuor di metafora, Stiffelio, andato in scena ieri sera e che chiudeva, secondo titolo del cartellone, la stagione, ha lasciato .........
(Nella foto: la scena finale dell'opera)
LEGGETE LA RECENSIONE COMPLETA

La nuova puntata di "Su il sipario"

IL PREMIO A STOYANOV
E IL "MACBETH" DEI 27
Puntata ricca di "Su il sipario" con il resoconto della serata in cui è stato assegnato il premio "Dal labro il canto" al baritono Vladimir Stoyanov e con l'annuncio della selezione di "Macbeth" con Amarilli Nizza e Giuseppe Altomare all'Auditorium del Carmine, organizzata dal Club dei 27 - Nella puntata anche la cronaca di una coraggiosa, e riuscitissima, "contaminazione" tra il rock e la lirica 
Paolo Zoppi apre la puntata odierna della sua rubrica "Su il sipario" con il resoconto della grande serata dell'assegnazione del premio "Dal labro il canto", istituito dalla associazione Amici della lirica del Cral Cariparma, al baritono bulgaro, ma ormai quasi parmigiano, Vladimir Stoyanov, beniamino dei frequentatori del Regio. Grande serata, commozione del cantante e gran bel concerto. La puntata, molto ricca, offre anche la cronaca di una riuscitissima "contaminazione" tra rock e lirica, avvenuta alla Corale Verdi, dove il giovane gruppo dei Pursuing the end, cultori del symphonic metal, si è confrontato niente meno che con i coristi della "Verdi". La rubrica ospita poi l'annuncio di una nuova serata di grande musica che avrà luogo venerdì prossimo 20 aprile all'Auditorium del Carmine, per iniziativa del Club dei 27: un'ampia selezione del Macbeth di Verdi, con Amarilli Nizza, Giuseppe Altomare e la Corale Verdi, accompagnati al pianoforte dal maestro Simone Savina.(Nella foto: Andrea Rinaldi, presidente della Corale Verdi, con il gruppo dei Pursuing the end)LEGGETE SU IL SIPARIO

"Stiffelio" al Regio

E ALLA FINE
TUTTI CONTENTI

La quindicesima opera verdiana andata in scena ieri sera è piaciuta - Non ci sono state ovazioni, ma applausi convinti per gli interpreti, in particolare per Roberto Aronica e Roberto Frontali -   Favorevole accoglienza anche per il soprano Yu Guanqun - Le opinioni a caldo dal palcoscenico (Andrea Rinaldi e Gregorio Pedrini), dalla platea (Patrizia Monteverdi), dai palchi (Gabriella Corsaro), dal loggione (Aureliana Maggio e Fausto Zatorri) e la prima impressione del nostro critico musicale, Paolo Zoppi, del quale pubblicheremo in giornata la recensione

LEGGETE LE IMPRESSIONI "A CALDO"

sabato 14 aprile 2012

Lutto nel calcio

MUORE UN GIOCATORE
DEL LIVORNO:
RINVIATE LE PARTITE
(anche Palermo - Parma)
Tutti i campionati di calcio sospesi per la scomparsa del centrocampista Piermario Morosini, 24 anni, strocato da un malore oggi pomeriggio durante l'incontro di serie B Pescara - Livorno. I medici dell'ospedale pescarese hanno fatto di tutto per salvare il giocatore (bergamasco e cresciuto nel vivaio dell'Atalanta) ma alle 17 è stato annunciato il suo decesso. Il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha preso immediatamente la decisione di rinviare tutte le partite (quindi anche Palermo - Parma di domani) mentre i giocatori di Milan - Genoa erano già in campo a San Siro per il preriscaldamento. Morosini fino al 31 gennaio scorso ha militato nell'Udinese, che sarebbe dovuta scendere in campo contro l'Inter.

venerdì 13 aprile 2012

L'anteprima di oggi al Regio

STIFFELIO:
PROVE TECNICHE
DI SUCCESSO
Se il buon giorno si vede dal mattino (anzi dal pomeriggio...) la "prima" di domenica prossima andrà benissimo - Come ci ha detto il nostro Paolo Zoppi, la "generale" è stata ottima: applausi convinti per tutti, da Aronica a Frontali, al soprano cinese Yu Guanqun, al direttore Battistoni, al coro
Paolo Zoppi, dopo aver assistito alla "prova generale" di Stiffelio, oggi pomeriggio, era molto soddisfatto. "È andato tutto molto bene", ci ha detto "l'opera non  è una delle migliori di Verdi, si sa, però il pubblico l'ha accolta bene. Roberto Aronica in splendida forma, Roberto Frontali molto bravo, apprezzatissima Yu Guanqun, il soprano cinese che aveva già ottenuto unanimi consensi al Festival Verdi, nel Trovatore in forma di concerto a Busseto e Fidenza e, quest'anno, nella parte della Sacerdotessa in Aida. Convinti applausi anche per il direttore d'orchestra, Andrea Battistoni, ormai un beniamino dei parmigiani. E come sempre un grande coro, diretto da Martino Faggiani".
(Nella foto: Roberto Aronica, Yu Gunqun e Roberto Frontali)

La solidarietà oltre i confini

IL SOGNO DI ALBERTO
Alberto Carenzi è un piacentino di 36 anni affetto da tetraparesi dalla nascita - Il nostro amico Matteo Billi ci chiede di diffondere il suo appello: cerca volontari disposti ad aiutarlo a realizzare il sogno della sua vita: percorrere su una speciale carrozzina gli ultimi 120 chilonmetri del “Cammino di Santiago” - Lo facciamo volentieri: non solo perché Piacenza ha fatto parte del nostro ex Ducato, ma principalmente perché la solidarietà non può e non deve avere confini









Matteo Billi è un bravo giornalista, ma anche un uomo sensibile che sa buttarsi a capofitto per una giusta causa. È l’uomo che l’anno scorso mosse mezza Parma (perfino il vescovo) per ricordare con un Memorial il collega e amico Francesco Saponara, scomparso troppo presto. Ecco, adesso Matteo ha inviato a me e ai “soci” del Superblog pramzàn, una richiesta molto nobile: l’invito a diffondere l’appello di Alberto Carenzi, un piacentino di 36 anni affetto da una grave malattia. Piacenza non è Parma, d’accordo, c’entra poco con la parmigianità, ma in senso lato... 
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Oggi la prova generale al Regio

QUELLO STORICO
“STIFFELIO”
DI SANTO STEFANO ‘68
Alle 15,30 porte aperte al pubblico per l’anteprima dell’opera verdiana, secondo e ultimo titolo dell’attuale stagione lirica - “Stiffelio”, dopo la prima rappresentazione al Teatro Grande di Trieste il 20 novembre 1850 e i guai con la censura che costrinsero Verdi a dare un nuovo volto all’opera, ribattezzandola “Aroldo”, finì nel dimenticatoio per quasi un secolo - Grazie alle ricerche dell’Istituto di Studi Verdiani furono ritrovati a Napoli degli antichi spartiti e l’opera fu “riscoperta”, trovando nuova fortuna - La “prima di ‘Stiffelio’ dell’era moderna” andò in scena al Teatro Regio la sera di Santo Stefano del 1968, inaugurando la stagione lirica - Sul podio Peter Maag, protagonista Gastone Limarilli, regia di Filippo Crivelli, scene di Nicola Benois - Una “prima” entrata nella storia non solo per la “resurrezione” dell’opera, ma per la contestazione: studenti e operai presero d’assedio il teatro, tirando pomodori e cachi agli spettatori che entravano - L’ingegner Michele Vitali Mazza arrivò con la moglie in landò, con due cocchieri in livrea
di ACHILLE MEZZADRI
Oggi, alle 15,30, al Regio, prova generale, aperta al pubblico, di Stiffelio, seconda e ultima opera in cartellone di questa stagione lirica 2012. Bacchetta del talentuoso Andrea Battistoni, regia di Guy Montavon e cast di canoro di tutto rilievo: Roberto Aronica (Stiffelio), Yu Guanqun (Lina) e Roberto Frontali (Stankar). Già nel pomeriggio, dopo questa anteprima, sapremo quali saranno le premesse di questo secondo titolo verdiano. Intanto la nostra mente ritorna, inevitabilmente a uno storico Stiffelio andato in scena al Regio 44 anni fa. Storico per due motivi: primo, perché l’allestimento di quel 26 dicembre 1968, serata inaugurale della stagione lirica 68-69, significava la “resurrezione” dell’opera verdiana, finita nel dimenticatoio per oltre un secolo; secondo, perché era il tempo della contestazione (il famoso “Sessantotto”) e quella fu una sera di fuoco, della quale fui testimone. Decine, centinaia di contestatori............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

giovedì 12 aprile 2012

La notizia in pillole: prima pillola

CINQUE PERSONAGGI
IN CERCA D'AUTORE
Pirandello non c'entra, anche perché i cinque personaggi l'autore l'hanno già trovato. Nel frattempo si sono fatti fotografare insieme da Ivano Zinelli, che è un fotografo parmigiano di quelli tosti, con studio a Sala Baganza, ma anche con una grande passione per la gastrononia (è il creatore di parmataste.com). Quattro uomini e una donna. Chi sono? Per quale motivo si sono fatti fotografare insieme? Lo scoprirete, pian pianino, nelle prossime puntate.

mercoledì 11 aprile 2012

Cor crozè - L'opinione di Michelotti

ÈMMA FAT
UN GRAN
PRIMM TÉMP
PARMA - NOVARA 2-0 J'ò visst al Pärma ch'a vriss vèddor sémpor. Con grénta, determinasjón, mo in-t-al primm témp. As sèmma magnè pu d'un goll. La podäva fnir anca cuator a zéro. Po dopa invéci, in-t-al secónd témp, a gh'èmma piantè 'na sornaciäda...
Almeno, comunque, è stata una vittoria meritata...
Meritatissima. Ma il Novara, va detto, non è un gran che. Comunque l'é miga fnida, anca parchè al Lecce l' à véns... A gh' é da fär ‘d j ätor pónt par stär trancuill... Devo ringraziare per questa vittoria anca al me amigh Carlo Bergonzi, che l’ ätor dì, al telefono, al m'à ditt: chi vagon in camp a cantär la Märcia trionfäla... È stato di buon auspicio!
Dimmi di Mirante.
Praticamente non è stato impegnato. Però l' à parè un rigór! E l' à fat anca 'na béla paräda. Mo al rigór... mah... secónd mi l'arbitro l' éra adrè a zugär a "dubito"...
La difesa?
Tutto ok. Al pu bón l' é stè Santacroce. Zaccardo l’à zbaljè un goll e Lucaréli... allegro andante ma non troppo...
E a metà campo?
An gh' é njént dir. Al pu bräv Mariga, peccato ch'al sé sia fat mäl. Jonathan bravissimo, al väl du Biabiany, ch' l' é stè evanescént. Galloppa non pervenuto.
Quelli là avanti?
Molto bene Giovinco. L'à fat gnir la zbavacia ala bòcca a j avarsäri. Bene anche Floccari.
Il migliore del Parma?
Al solit, sémpor chilù, la formiga atomica.
E il peggiore?
Mi diriss Galloppa. Par lu l'é un brutt perìod.
Il voto a mister Donadoni.
Dagh un bél sètt.
pramzan45
(Supervisione della parte dialettale a cura di Giuseppe Mezzadri)

Quelle che il basket - Playoff di A1

LAVEZZINI:
CAMPIONATO FINITO
Le gialloblu sono  state sconfitte 83 a 73 dalla campionesse d'Italia del Famila Schio al PalaCiti in gara due e sono eliminate dal torneo - Dopo un ottimo primo quarto (28 a 15) hanno ceduto nel proseguo del match - Erano ancora in vantaggio di un punto a metà partita (41 a 40) - Adriana 19 punti

Fotoquiz pramzàn -5-

CHI È QUESTA
BELLA BAMBINA
CHE HA SUCCESSO
IN TV?
SOLUZIONE DEL FOTOQUIZ

martedì 10 aprile 2012

Pillole di storia pramzàna

L’OSPEDALE VECCHIO:
IERI, OGGI E... DOMANI
Da anni si dibatte sulla destinazione di quello che fu il primo grande ospedale di Parma, attualmente sotto sequestro e al centro di un’indagine per abuso d’ufficio e violazione del codice sui beni culturali che vede iscritti nel registro degli indagati 11 ex assessori - Ripercorriamo la sua storia, a partire dal 1201, quando sorse il primo nucleo in borgo Taschieri, poi ribattezzato borgo Cocconi
di ACHILLE MEZZADRI
Ricordo che varcai per la prima volta la soglia dell’Ospedale Vecchio nel 1978, quando andai a fare ricerche all’Archivio di Stato per il mio primo libro Carlo Francesco Caselli consigliere intimo di Maria Luigia. Ero emozionato all’idea che lì era passata, per secoli, la storia sanitaria della nostra città. Da allora ho sempre seguito con interesse i destini di quell’edificio che ha ospitato e ospita tutt’ora numerose istituzioni culturali, tra le quali, oltre all’Archivio di Stato, l’Archivio storico comunale, la Biblioteca Civica, la Biblioteca Bizzozero, l’Emeroteca comunale, la Biblioteca Balestrazzi e la Videoteca comunale. E non poteva non preoccuparmi il progetto che portava a un’ampia privatizzazione dell’area. Abitazioni, uffici, un albergo? Parole che mi inquietavano. E mi inquietano, perché lì, volenti o nolenti, è ......
(L'immagine: l'interno dell'Ospedale Vecchio in un'antica stampa)

sabato 7 aprile 2012

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

É STÈ GIUSST
PÈRDOR? SÌ E NO
UDINESE - PARMA 3-1 Sèmma stè ataca al du a du e po èmma pèrs tri a vón... Giusst? Sì e no, parchè in-t-al primm témp èmma tgnù la bala pu che l'Udineze... Ma nella seconda parte della partita sono stati più forti. E nojätor èmma zughè ala movjóla. Verso la fine, dopa al goll 'd Lucaréli, al parègg' l'éra lì,  a du pas, però po l'é fnida mäl. Adesso attenzione ragazzi, non siamo messi bene. Poi in questo periodo di fine campionato ci sono sempre risultati un po' strani...
Quindi sei preoccupato...
Un brizén sì… Incó pr'al Pärma é andè tutt a l'arvèrsa. À véns al  Lecce, À véns la Fiorentén'na. Io credo che alla fine del campionato ci saranno delle sorprese provenienti dal calcio scandalo, relative a qualche nostra "concorrente", ma non dobbiamo pensare ai giudici. Pensèmma al camp... A gh'é da vénsor dil partidi, e la primma l'é colla cól Novara.
Mirante hacolpe sui tre gol subiti?
Mi diriss 'd no.
La difesa?
Incó a pioväva bombén e i blizgävon, mo anca ch' j ätor... Peccato per Paletta che era diffidato ed  stato ammonito. Acsì al restarà fóra cól Novara.
Il  centrocampo?
M'é piazù Mariga. E ch’ j ätor j àn fat la so pärta. Mo an n'ò miga visst Galloppa. Indo érol? Biabiany l'à zughé bén in-t-al primm témp, po in-t-al secónd al s'é limitè a andär avanti e indrè cme 'l caldarén 'd San Zvàn. Cuand l'é strach al va in patón'na e al Pärma al zuga in déz...
E là davanti?
Giovinco, cme sémpor, al pu bón. Invéci Floccari l'à fat pèt cme ‘na ciocaróla. Po cuand é gnu su okaka... oh mama mia, cuand a péns a Okaka a m' vén la cagaja...
Il migliore?
A t' l'ò bélle dit.
Il peggiore?
An t'al digh miga. Tant a t' l'é capida
Il voto a Donadoni.
Dagh un séz, va. Mo l'é 'na suficénsa apén'na apén'na. Incó pioväva 'n acua dala Madonna e al mister al m'à fat riddor cuand al s'é miss in tésta un caplén bjanch... al paräva al comandante Schettino... Invéci Guidolin al gh'äva un giubot 'csì gónfi ch'al paräva l'omino Michelin...
pramzan45
(Revisione della parte dialettale a cura di Giuseppe Mezzadri)

Pasqua 2012

PRAMZANBLOG
AUGURA
BUONA PASQUA
Auguri, auguri, auguri a tutti, amici, parenti e conoscenti, pramzàn e no - Qui sotto gli auguri personalizzati: ovviamente ne mancano cinquecento, mille... Portate pazienza: l'anno prossimo saremo più precisi - L'augurio pasquale è ovviamente esteso a tutti

venerdì 6 aprile 2012

Chissenefrega della tradizione!

PASQUA: A TAVOLA
CON... UMANITÀ
(rifiutiamoci
di mangiare l'agnello)










In Italia vengono uccisi, ogni anno, circa 3 milioni e 300 mila agnellini di potenachi mesi - La tradizione pasquale crea un aumento delle uccisioni d’agnelli: più del 55 per cento degli ovini macellati in Italia (e Parma non è fuori  dalle statistiche) vengono consumati in questo periodo - Ognuno di noi può contribuire a fermare questa barbarie - Ci sono anche animali clonati che sono entrati a far parte della ca alimentare, senza che per questi casi sia stato previsto l’obbligo dell’etichettatura















L'uomo, si sa,  è onnivoro, quindi anche carnivoro e nessuno deve scandalizzarsi se si ciba di bovini e di ovini. Quindi anche di agnelli e di capretti. Solo i vegetariani sono esenti da wuesta "colpa". Ma riflettiamo un attimo sulla barbarie pasquale, sulla tremenda strage di agnelli che si consuma proprio in questo periodo. E sapete perché? Non si tratta di una pratica Cristiana, ma di una tradizione ebraica.  Il Cristianesimo predica l'amore, e non certo di sacrificare animali a Dio. E comunque l'agnello che è simbolo di purezza, oggi viene usato da diversi Cristiani nel giorno della Pasqua in ricordo della purezza di Cristo. Ma è solo tradizione, niente di religioso o spirituale. La carne che avete nel piatto è "viva", era di un piccolo essere nato da uno, due mesi. Essere indifeso e che pensava. Strappato alla madre, nelle ultime ore  ha vissuto questo: suoni di sbarre di ferro, l’affanno,  l'odore del sangue, i lamenti dei suoi simili macellati. Sottratto alla madre che ha cercato di coprirlo con il proprio corpo, trasportato in condizioni da inferno per ore, ore (delle volte giorni!) per arrivare al luogo di macellazione. Giunti, vengono spinti con mazze di ferro e calci sui nastri trasportatori, storditi(almeno così la legge prescrive), e se tutto va bene sgozzati. Ma vi rendete conto? 
In Italia vengono uccisi, ogni anno, circa 3 milioni e 300 mila agnellini di pochi mesi d’età. 
La tradizione pasquale crea un aumento delle uccisioni d’agnelli: più del 55 degli degli ovini macellati in Italia, vengono consumati nel periodo pasquale, mentre il consumo di carne ovina non è particolarmente elevato in Italia durante il corso dell'anno. 
Il Partito Animalista Europeo fa notare un altro pericolo legato al consumo di carne di agnello nel periodo pasquale. È stato infatti ravvisato che ci sono degli animali clonati che sono entrati a far parte della catena alimentare, senza che per questi casi sia stato previsto l’obbligo dell’etichettatura. È stato calcolato che in Europa vengono importate dalle 300.000 alle 500.000 tonnellate di carne di questo genere, senza che i cittadini italiani ne siano a conoscenza.  
E ADESSO, SE AVETE STOMACO FORTE, GUARDATE COME MACELLANO GLI AGNELLINI... (ATTENZIONE, È UN VIDEO IMPRESSIONANTE) Video Il massacro degli agnelli

giovedì 5 aprile 2012

Playoff basket femminile

PECCATO LAVEZZINI
SCONFITTA 61 a 69
Le gialloblu hanno sfiorato l'impresa al PalaCampagnola di Schio contro le campionesse d'Italia, dove hanno perso per 69 a 61. A quattro minuti dalla fine erano 55 pari. Schio a metà partita in vantaggio per 37 a 28.
Nell'ultimo periodo grande prova delle gialloblu, arrivate al 55 pari, per poi cedere solo nel finale. Poi le vicentine hanno ripreso in mano la partita e hanno concluso vincenti, anche se le ragazze di Procaccini hanno lottato con caparbietà. Sconfitta con il massimo on opre, ma una sconfitta che brucia. Kireta 19punti. Pronostico aperto per il ritorno di mercoledì al PalaCiti!
(Nella foto: coach Mauro Procaccini)

Bossi si è dimesso

BUFERA LUMBARDA:
UMBERTO BOSSI LASCIA
Clamorosa decisione del leader del Carroccio


Basket: Lavezzini ai playoff a Schio

NESSUN DILEMMA:
STASÌRA  VENSÈMMA
(almeno sperèmma...)
Alle 20,30 incrociamo le dita per le gialloblu di Mauro Procaccini che affrontano al PalaCampagnola di Schio le campionesse d'Italia del Famila Wuber Schio nella prima partita dei quarti di finale - Adriana, Antibe, Slavcheva e compagne rincorrono l'impresa - Maria Chiara Franchini a Pramzanblog: "Faremo tutto il possibile!" - Facciamo il tifo seguendo la radiocronaca su Lega Basket femminile
(Nelle foto: 1) Lato A: da sin: Slavcheva, Antibe, Franchini, Kireta, Battisodo; 2) Lato B: da sin: Antibe, Adriana, Kireta, Corbani, Franchini)
GUARDATE QUI: LE CAMPIONESSE CI TEMONO
ASCOLTATE LA RADIOCRONACA SU LEGA BASKET