O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 31 marzo 2012

Parma ieri, Parma oggi

QUANDO LA MADONNA
RIEMPIVA PIAZZA DUOMO               
Guardate questa straordinaria foto degli anni Trenta del Novecento. Piazza Duomo gonfia di gente, sulla facciata della cattedrale l'immagine della Madonna di Fontanellato, tutta Parma (la Parma dei credenti) è convenuta lì. Una città in preghiera. La foto fa riflettere, soprattutto se la si confronta con quella del 2009, pubblicata dalla Gazzetta di Parma, in occasione di una nuova "visita" della statua della Madonna di Fontanellato. Come cambiano i tempi.

2 commenti:

pramzanserass ha detto...

Devastante. Se nella prima, bellissima immagine, si vede una marea di fedeli ( anche curiosi perchè no?) intenti a triovare speranze per poter proseguire il proprio cammino, nella seconda si intravedono poche persone che hanno le stesse finalità dei loro antenati: trovare un' attimo di pace per avere qualche risposta in questi anni terribili.

Anonimo ha detto...

A me fa pensare come Parma si e' sgretolata, prima era tutta una bellissima citta' unita, anche se c'erano rivalita' fra i borghi o fra quelli di qua e di la' dall'acqua, al momento opportuno Parma era un tutt'uno!
Grazie, Pramzanblog, che ci hai fatto dono di questa bellissima foto!