O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 29 marzo 2012

L'angolo del sorriso

MICHELOTTI E... IL DUCE
Accostare il nostro grande Miclòt al fascismo è, lo sanno tutti, irriverente e, ancor più, ingiustificato. Proprio lui, oltretorrentino doc e proveniente da una famiglia di "Arditi del popolo"... Però la satira permette tutto e per di più Albertone è un uomo di spirito, per cui si divertì molto nell'aprile 1975, ai tempi in cui era una "giacchetta nera" famosa in tutto il mondo, quando amici gli regalarono questo doppio ritratto di lui e di Mussolini in atteggiamento molto simile e con due testi decisamente spiritosi.

1 commento:

Anonimo ha detto...

La giacchetta nera e' proprio nera, piu' di quella di Mussolini, sulla simpatia, poi, non c'e' paragone..