O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 29 marzo 2012

L'agonia lenta della storica libreria

CHE MALINCONIA, BATTEI...
L'impressione, guardando la vetrina, è quella di un saldo stagionale, invece i parmigiani conoscono la triste realtà: la storica libreria Battei di via Cavour sta per chiudere... (foto by Steve Mezzadri)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

... fortunatamente abbiamo i libri bellissimi..., certo che e' un pezzo di Parma che se n'e' andato via..., ma per fortuna, c'e' ancora qualcuno che rimane...: Pamzanblog!

pramzanserass ha detto...

La tanta agoniata (almeno per il sottoscritto) sollevazione popolare non c'è stata. Battei, tra fiumi di lacrime di coccodrillo e vane speranze da parte di chi lo implorava di rimanere a difendere e divulgare il morbo della cultura e della parmigianità abbandona, chiude.Brutta giornata questa per la città. Un' altro pezzo di storia che se ne va'. Chi proverà a colmare questo vuoto? Ai candidati sindaco la domanda può essere rivolta?