/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 28 marzo 2012

Domani alla "Corale" il libro di Marchesi

CARO PIROLI,
I GIOVANI CERCANO
LAVORO
MA NON LO TROVANO...






Il Maestro, nel 1878, dalla sua villa di Sant'Agata, scrisse al compaesano Giuseppe Piroli, ex vicepresidente della Camera, una lettera in cui denunciò la crisi e l'impossibilità dei giovani di trovare un'occupazione - Sembra oggi... - La lettera è nel libro di Gustavo Marchesi "Viva V.E.R.D.I" che sarà presentato domani alle 17 alla Corale Verdi
Già ieri abbiamo pubblicato una lettera di Giuseppe Verdi, scritta nel 1889 da Giuseppe Verdi al suo amico e compaesano Giuseppe Piroli, sulla crisi economica. Una lettera sorprendente che sembra scritta oggi... E adesso rincariamo la dose con un'altra lettera, scritta da Verdi allo stesso Piroli addirittura 11 anni prima, il 12 marzo 1878, sempre sul tema della crisi e della disoccupazione.
Entrambe le lettere sono tratte dal bel libro di Gustavo Marchesi Viva V.E.R.D.I, edito da Mup, che sarà presentato domani alle 17 alla Corale Verdi, alla presenza ell'autore, che avrà accanto il presidente della "Verdi" Andrea Rinaldi. La presentazione sarà accompagnata da canti verdiani, eseguiti dal soprano Donatella Saccardi con il pianista Nicola Mottaran. Il pubblico potrà scoprire (o riscoprire) le composizioni "da camera" di Verdi.
LA SECONDA LETTERA DI VERDI A PIROLI
(Nelle foto: 1) Giuseppe Verdi nella sua villa di Sant'Agata; 2) Giuseppe Piroli; 3) La copertina del libro)

Nessun commento: