O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 11 febbraio 2012

Rinviato il convegno su Capacchi

IL CONVEGNO DEDICATO
A CAPACCHI
È STATO RINVIATO
PER NEVE
Nevica, madonna come nevica. A Parma, ma soprattutto in provincia. E così "salta" il convegno intitolato "Guglielmo Capacchi, vita e studi", programmato per oggi alle ore 15 nella Sala Aurea della Camera di Commercio in via Verdi. Il convegno è stato rinviato a marzo, in data in corso di definizione. Il rinvio  è causato non tanto dalle avverse condizioni atmosferiche in città, ma in particolare per le abbondantissime nevicate in montagna che non consentono a molti relatori e partecipanti di raggiungere Parma in tempo utile. Com'è noto tra i promotori del convegno ci sono il Comune di Palanzano e la Comunità delle Valli dei Cavalieri, di cui il professor Capacchi fu a lungo presidente.

Nessun commento: