O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 13 febbraio 2012

Affissione: un articolo della “Gazzetta"

E NEL 1870
UN DEPUTATO DI PARMA
DIEDE GIÀ CONSIGLI
AL... GOVERNO MONTI
Lo storico quotidiano cittadino pubblica oggi un’articolo a firma di Stefania Provinciali nel quale è riprodotto il contenuto di una nobile lettera che il marchese Guido Dalla Rosa Prati, allora deputato del Regno, scrisse agli amici Già allora trattava temi che ora sono diventati attualissimi - Si legge tra l’altro: “Si dovrà tentare la riduzione delle spese per quanto è possibile, ma anche essa ha un limite, mentre l’aumento delle imposte raggiunse di già un punto che non può essere oltrepassato. Il pretendere che uno dia di più di quello che, limitandosi alle più ristrette spese, può dare realmente, è un produrre un malessere, che torna a danno sempre di quella calma negli animi, colla quale solo può mantenersi l’ordine pubblico”
di ACHILLE MEZZADRI
Oggi la Gazzetta di Parma è uscita con un articolo, a firma di Stefania Provinciali, che l’attuale primo ministro italiano Mario Monti dovrebbe leggere, sempre che non l’abbia già letto. L’articolo, intitolato “Il sogno di un nobile dell’Ottocento, riproduce tra l‘altro il contenuto di una lettera che, nel 1870 il marchese Guido Maria Dalla Rosa Prati, allora deputato per il partito monarchico costituzionale, scrisse agli amici. Nella lettera c’è un passo assolutamente illuminato che sembra scritto in questi giorni. Parla del bisogno di giustizia e di equità e addirittura recita così: “Si dovrà tentare.............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO E LA BIOGRAFIA DEL MARCHESE 
L'ARTICOLO DELLA GAZZETTA DI PARMA

Nessun commento: