/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 26 gennaio 2012

Vigilia della “prima” al Regio

LE LETTERE DI VERDI
A BOTTESINI
IL PRIMO DIRETTORE
DI “AIDA” AL CAIRO
L’opera che domani sera inaugurerà la stagione lirica 2012 fu rappresentata per la prima volta al Cairo il 24 dicembre 1871 e fu diretta, per scelta di Paul Dranhet Bey, sovrintendente dei teatri del Cairo, da Giovanni Bottesini, grande contrabassista, nonché compositore e direttore d’orchestra - Prima e dopo la rappresentazione, accolta con grande successo, ci fu un intenso carteggio tra il Cigno di Busseto e Bottesini - Molti anni dopo, nel 1888, Bottesini fu nominato direttore del Conservatorio di Parma, su interessamento dello stesso Verdi - Morì a Parma il 7 luglio 1889 e riposa al cimitero della Villetta
di ACHILLE MEZZADRI
Domani sera, ore 20, inaugurazione della stagione lirica 2012 del teatro Regio con uno dei più grandi capolavori verdiani, Aida, con Susanna Branchini (Aida), Walter Fraccaro (Radamès), Mariana Pentcheva (Amneris), Giovanni Battista Parodi (Ramfis), Alberto Gazale (Amonasro) e la direzione di Antonino Fogliani. Solita emozione e attesa prima della “prima”, che avviene proprio in concomitanza con il 111° anniversario della scomparsa di Verdi. Di questa “prima” ne parleremo diffusamente e ce ne parlerà come sempre, con la sua recensione, il nostro critico musicale Paolo Zoppi. Qui invece vogliamo ricordare.........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: