/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 25 gennaio 2012

Il terremoto a Parma -2-

“A M’ FÄVA LA BÄRBA:
L’À TARMÈ
FINN’ LA LAMÈTTA”
Breve inchiesta di Pramzanblog tra i parmigiani che questa mattina hanno vissuto l’esperienza del terremoto - Spiritoso come sempre Alberto Michelotti: “A me mojéra a gh’ò dott: tacot chì, ch’a són al to pilastor” - Edoardo Fornaciari: “Stavo scattando fotografie all’interno di San Francesco del Prato, fortunatamente ho schivato dei calcinacci che sono caduti” - Padre Celso: “Celebravo messa nel carcere di via Burla, ho visto muovere il leggio” - Giorgio Gandolfi: “Il mio gatto, Martino, tremava come una foglia”
(testimonianze raccolte da Achille Mezzadri)
Lasciamo le cronache del terremoto nel Nord Italia e in particolare a Brescello (la patria di Don Camillo e Peppone), a Parma e nel Parmense, ai giornali e alle Tv che i sono occupate e si occupano dell’evento. Pramzanblog ha voluto però fare una “perlustrazione” panoramica ascoltando i pareri di alcuni parmigiani, tra i quali anche nomi nolto noti, per venire a conoscenza delle loro reazioni a caldo. Eccole..........
LA REPUBBLICA PARMA
GAZZETTA DI PARMA
PARMAINDIALETTO
STADIOTARDINI 
PARMA SERA

Nessun commento: