O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 24 dicembre 2011

Le interviste di Pramzanblog: Alberta Brianti

“SONO UNA GIROVAGA
DEL TENNIS
MA HO SEMPRE
PARMA NEL CUORE”
di ACHILLE MEZZADRI
Una ragazza di trentun anni chiamata in vari modi. Alberta dagli sportivi. Tina nell’ambiente del tennis. Albi in famiglia. Di cognome fa Brianti, di nazione fa Italia, di paese fa Fontanellato, di città fa Milano, ma per la verità sembra più un’apolide, perché è una giramondo senza Patria che non ha dimora fissa per oltre 11 mesi all’anno. Perché Alberta Brianti, classe 1980, è la quinta migliore tennista italiana e nel tennis mondiale è tra le prime settanta, dopo essere stata anche tra le prime 55. Ovvio che sia condannata a non starsene ferma un attimo e ad anteporre il tennis a tutto il resto. Per stare aggrappata, e rincorrere, quel benedetto e maledetto ranking che è come una pagella scolastica. Più sei in alto e più ti danno.........
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

1 commento:

Anonimo ha detto...

Belle foto, bella e frizzante intervista ... Pero' i completini, se vinci, ca....... Li ;-)
S.