/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 17 dicembre 2011

Il vaticinio di Michelotti

STAVOLTA A GH' CIAP:
DMÀN A VENSÈMMA
La voce più amata dell'Oltretorrente indossa le veste di indovino e prevede, con motivazione, il risultato della partita del Parma - E gareggia con uno dei "grandi" del giornalismo sportivo di Parma, Giorgio Gandolfi
PARMA - LECCE

DU A ZÉRO
"Guärda, a n' gh'é  miga 'd bali; dmàn vensèmma 'd sicur! A són sicur 'd ciapärog: du a zéro. Al Lecce l'é pericolóz in trasfèrta? E chi s' n'in fréga?. Al batèmma... e basta. L'importànt é che i zugadór dal Pärma i tiron fóra il bali". 
Il "competitor" di Albertone per questa partita è uno dei "grandi" del giornalismo sportivo di Parma, Giorgio Gandolfi, che dice: "Non bisogna pensare che il Lecce è ultimo in classifica. Piuttosto bisogna ricordarsi che in trasferta ha vinto a Bologna e a Cesena e che ha fatto tremare la Lazio perdendo 3 a 2. Insomma, un avversario che va preso con le pinze. Io dico che finirà con un pareggio: 1 a 1  o 2 a 2". Quando Miclòt ha saputo del "vaticinio" di Giorgio Gandolfi, ha detto: "Al me amigh Gandolfi 'd cäls al ne capìssa miga bombén... A schärs, naturalmént, però stavolta a gh ciaparò mi. Sperèmma e vedrèmma".  (mez)

Nessun commento: