O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 21 novembre 2011

Immagini: le foto di Luca Invernizzi -2-

CORRIDONI ASSEDIATO
La forza di un'immagine: Filippo Corridoni che cerca di sfuggire, in un anelito di libertà, al logorio della vita moderna: l'autobus della linea 4 sembra volerlo portar via e i fili della rete elettrica lo stringono in un assedio mortale, così come i teloni di plastica di una casa in restauro. Perfino il semaforo rosso sembra voler arrestare la sua corsa verso la libertà. Luca Invernizzi, con lo scatto di questa fotografia, che ha intitolato "Povero Corridoni, non c'è mai pace per Lui... né intorno a Lui", ha saputo interpretare il curioso destino di Filippo Corridoni (1887 - 1915) la cui figura storica fu "assediata" da due opposte fazioni, i fascisti e i rivoluzionari di sinistra, che la ersero entrambe, con motivazioni diverse, a simbolo delle loro lotte.
CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRE

Nessun commento: