O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 14 novembre 2011

Il Premio Sport Civiltà

TUTTI AI PIEDI
DEL CANNIBALE
Gran compleanno per la sezione di Parma dei Veterani Sportivi: edizione sontuosa del Premio Sport Civiltà che ha compiuto 35 anni. Ovazioni, o quasi, per Eddie Merckx, il cannibale del ciclismo, forse l'attrazione number one dello spettacolare tardo pomeriggio pramzàn. Che ha visto sul palcoscenico del tempio della lirica non solo Merckx, ma anche la famiglia del ciclismo, i Moser, e Tempesti, il portiere del Settebello di pallanuoto, e Pizzo, iridato della spada, e l'incredibile novantunenne Celina Seghi, e Boninsegna, e il presidente della Rai Garimberti, e il presidente del comitato paralimpico Pancaldi, e la Fondazione Stefano Borgonovo, e Andrea Agnelli e il direttore di Corriere dello sport Stadio Alessandro Vocalelli, e l'ultrarunner pramzàn Paolo Bucci. Con la conduzione di Massimo De Luca e dell'elegantissima Francesca Strozzi. E naturalmente la presenza del "padrone di casa", il presidente dei Veterani Sportivi di Parma, Corrado Cavazzini, con i suoi vicepresidenti Renato Amoretti, Paolo Gandolfi e Corrado Marvasi e gli altri più stretti collaboratori. E con un sacco di altri nomi grosi e uno spettacolo di prim'ordine, con la splendida voce di Jenny B. (ma il "Nessun dorma" in versione jazz sul palcoscenico del Regio ha fatto venire l'orticaria ai melomani), i virtuosi Kataclok e l'Inno di Mameli della Corale Verdi ch'l'à fat gnìr i sgrizór.
DOMANI UNA GALLERIA FOTOGRAFICA

Nessun commento: