O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 12 novembre 2011

Da oggi una mostra fotografica per riflettere

SAN FRANCESCO
DEL PRATO:
L’ARCHITETTURA
DIMENTICATA
Alle 17,30 si inaugura al Caffè del Prato l’esposizione di opere del fotografo Franco Saccò per denunciare lo stato di abbandono in cui si trova ancora il capolavoro gotico, nonostante, da molti anni, non ospiti più il carcere cittadino - La mostra ha finalità benefiche: le opere infatti possono essere acquistate e l’incasso è destinato a Snupi, che sostiene i pazienti dell’Unità Operativa di Gastroenterologia dell’Ospedale, diretta dal professor Gian Luigi de’ Angelis
di ACHILLE MEZZADRI
La premessa è che Franco Saccò, bedoniese, 50 anni, è un ottimo fotografo, con una sensibilità non comune. E chi conosce Archimmagine, il suo atelier di fotografia in via XX settembre, dove oltre a svolgere l’attività professionale di fotografo e grafico pubblicitario, Saccò tiene corsi di fotografia e fotoritocco e organizza esposizioni fotografiche, sa bene che dico la verità. Ma Saccò è anche in pramzàn e come la maggioranza dei concittadini, soffre a vedere le condizioni di abbandono in cui versa, da troppi anni, San Francesco del Prato, un capolavoro gotico dimen-ticato. Sì, ormai sappiamo che il suo futuro dovrebbe.........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

1 commento:

Calogero ha detto...

Questo libro ha davvero una bella copertina :-).