/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

martedì 29 novembre 2011

La collezione sportiva di Paolo Gandolfi -3-

I CAMPIONI
IN CARTOLINA:
MAURO BICICLI
Dedichiamo agli sportivi pramzàn una nuova serie: ricordiamo i grandi campioni dello sport di casa nostra attraverso la prestigiosa e ricchissima raccolta di cartoline sportive di un collezionista d'eccezione, Paolo Gandolfi - Ripercorriamo le storie di atleti parmigiani, ma anche di non parmigiani che hanno trovato a Parma stagioni importantissime per la loro carriera - Oggi è il turno di Mauro Bicicli, che nel Parma giocò una sola stagione, lasciando però il segno

lunedì 28 novembre 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"


UNA GRANDE DIMITRA
"INFIAMMA" PARMA LIRICA
E LA GIOVENTÙ INVADE
IL CLUB DEI VENTISETTE
Paolo Zoppi apre la puntata odierna della sua bella rubrica con il resoconto dello straordinario concerto tenuto da Dimitra Theodossiou (con il baritono Maurizio Leoni) a Parma Lirica, nell'ambito delle celebrazioni per il quarantennale della storica associazione musicale presieduta da Paolo Ampollini - La rubrica comprende anche "l'invasione" di gioventù al Club dei 27, con l'esibizione del Coro di Voci Bianche Ars Canto del Teatro Regio, diretto da Gabriella Corsaro, "A tutto quiz", dove si è invitati a riconoscere tre famosi personaggi e una puntata della serie delle locandine storiche della lirica
Certamente Parma Lirica, la storica associazione musicale presieduta da Paolo Ampollini, sta celebrando alla grande i suoi quarant'anni, con una serie di eventi di grande successo. Come per esempio il  concerto di venerdì scorso con il soprano Dimitra Theodossiou, cantante di assoluta levatura internazionale e sempre più amata anche nella nostra città, e il baritono Maurizio Leoni. Il "nostro" Paolo Zoppi non poteva non essere presente a questo grande concerto e ora ne parla diffusamente in apertura della nuova puntata della sua rubrica "Su il sipario". Puntata ricca anche oggi, perché oltre al concerto a Parma Lirica, Zoppi fa anche il resoconto della simpatica e graditissima "invasione di gioventù" al Club dei 27, con l'esibizione del Coro di Voci bianche Ars Canto Giuseppe Verdi del Teatro Regio, diretto da Gabriella Corsaro e aggiunge due sottorubriche già molto apprezzate: "A tutto quiz", nella quale stavolta bisogna riconoscere tre importanti personaggi misteriosi e la serie delle locandine storiche.
(Nella foto: Dimitra Theodossiou canta tra il pubblico "Mi chiamano Mimì" durante il concerto a Parma Lirica)

domenica 27 novembre 2011

Quelle che il basket - Serie A1

LAVEZZINI SCONFITTO
DALLE
CAMPIONESSE D'ITALIA
Un volenteroso e gagliardo Lavezzini tiene testa alle campionesse d'Italia di Schio per 35 minuti, per poi cedere nel finale onorevolmente: 64 a 78. A metà gara 38 a 39. Antibe 15 punti.

sabato 26 novembre 2011

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

SÈMMA STÈ DI NADOR
NOVARA - PARMA 2-1 A gh'é mäl 'd nador... Pensa che dopa al primm témp s'éra 'dre a dir ch' l'éra fata... Invéci in-t-al secónd témp j àn fat tutt lór. E po a m' dispiäz d'aver zbaljè la previzjón, mo al l'à zbaljäda anca al me amigh Chiesa. Sèmma päri. 
Com'è stata in generale la partita?
Ci sono rimasto male. Non me l'aspettavo. Cossta l'éra 'na partida da parzär, minimo... Invéci i s'àn fat su anca parchè la diféza dal Pärma l'à fat pètt cme 'na ciocaróla e a n' é miga la primma volta.
Mirante ha colpe sui due gol subiti?
Mo no, povrén. L'à fat anca do béli parädi.
La difesa?
Da cridär. In particolare Rubin. Sécond mi l'é méj ch'al vaga a catär su i gruggn. Lucaréli an l'ò miga visst. Zaccardo senza infamia e senza lode. Paletta, in diféza, l'é stè al pu bón. Però l'é sèmp’r al solit: scorbutico, caotico.
Il centrocampo?
Galloppa al n 'à miga zughè cme cóntra l'Udinese, però gnanca mäl. Al pu bón l'é stè Biabiany: ha fatto vedere i sorci verdi alla difesa del Novara. Valiani al m'é piazù in-t-i primm vint minud, po dopa j'ò telefonè a “Chi l'ha visto?” Difati Risolón l'à fat tutt al rést 'dla partida in fagotón.
L'attacco?
Giovinco l'à ciapè un päl, mo p'r al rést... latitante. Crespo? Pochi minuti in campo: l'à fat pètt cme 'na ciocaróla anca lu. Pellè stavolta al m'é miga dispiazù, l'à fat un bón primm témp. Comunque coll ragas li al ne fa goll gnan s'al la butta déntor cój man.
Non mi hai detto niente di Ze Eduardo...
Parché? Al zughè anca lu?
Il migliore del Parma?
Cme cóntra l'Udinese: Biabiany.
Il peggiore?
La galanta 'd Berlusconi.
Come?
L’ àt miga capìda? Mo Rubin, ch'al gh'à al nòmm cuäzi mpagn ala Ruby 'd Berlusconi...
Che voto dai oggi a Colomba?
Dagh un séz.
E che voto dai a Michelotti e a Carlo Chiesa, "colleghi" di "Pronto di Parma?", che hanno sbagliato entrambi il "vaticinio"?
Al primm al se salvarà 'd sgaidón, al secónd... bociè!
pramzan45
(Revisione delle parti dialettali di Giuseppe Mezzadri)

venerdì 25 novembre 2011

Il vaticinio di Michelotti

MINIMO A PARZÈMMA
La voce più amata dell'Oltretorrente indossa le veste di indovino e prevede, con motivazione, il risultato della partita del Parma - E gareggia con il suo "collega" Carlo Chiesa
NOVARA - PARMA

VÓ A
"Guärda, a t'al digh mi: dmàn minimo a parzèmma anca s' l'é dificcil zugär su un camp sintétich. Vedrèmma, mo par mi la fnirà vó a vó o du a du.
Il "competitor" di Albertone per questa partita è Carlo Chiesa, suo "collega" a Pronto chi Parma?, nonché radiocronista di Radio Bruno. "Loro sono meno forti di noi, è vero, ma sul campo sintetico di Novara sono avvantaggiati un po'. E c'è da dire anche che in difesa abbiamo ancora qualche problemino. Quindi un gol rischiamo di prenderlo. Ma anche noi ne faremo uno". Quando Miclòt ha saputo del "vaticinio" di Chiesa, ha detto: "Carlètt al me copia? E alóra al ghe ciap'rà anca lu...".  (mez)

giovedì 24 novembre 2011

Super quiz pramzàn -4-

IL PENULTIMO DUCA
E LA BISSA SCUDLÄRA 
Ecco la quarta puntata del nostro quiz alla parmigiana, per scoprire quanto conosciamo la storia, grande e minima della nostra città - Tra i quesiti di oggi uno su un amore clandestino del duca Carlo III e uno sulla "bissa scudlära"
Carlo III di Borbone Parma fu il penultimo Duca di Parma. Tanto per intenderci, quello che fu assassinato in Strada Santa Lucia, l'attuale via Cavour. Ebbene, non fu il migliore dei mariti ed ebbe una lunga tresca con una marchesina fiorentina, che fu raccontato dallo scrittore Carlo Laurenzi nel bel romanzo Quell'antico amore. E sapete cos'è una bissa scudlära? Questi e altri otto quesiti compongono la puntata odierna del "Super quiz pramzàn". Anche stavolta le domande spaziano nei settori più svariati, dalla storia allo sport, dal dialetto alla politica eccetera eccetera. Il super quiz può diventare un esercizio utile per chi ama Parma. Chi sa già tutto... ripassa, e chi invece sa poco o niente... impara. Ovviamente alla fine di ogni puntata trovate, rovesciate, le risposte esatte.

mercoledì 23 novembre 2011

Oggi il compleanno di Franco Nero

I PRIMI SETTANT'ANNI
DI FRANCO NERO
DA SAN PROSPERO
Festeggiamo l'anniversario dell'attore parmigiano con un collage di 70 sue interpretazioni nei 178 film della sua straordinaria carriera
CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRE

Milano premia il grande tenore bussetano

A BERGONZI
L’AMBROGINO D’ORO
Dopo l’Oscar della Lirica e il Cavalierato di Gran Croce Carlo Bergonzi, che vive nel capoluogo lombardo con la moglie Adele, arricchisce il suo palmarés con un nuovo importante riconoscimento, l’Ambrogino d’oro, l’equivalente del nostro Premio Sant’ilario - Il premio sarà assegnato il 7 dicembre, per Sant’Ambrogio, e andrà a ritirarlo la moglie al posto del cantante, impossibilitato per motivi di salute
di ACHILLE MEZZADRI
Anche Milano celebra “il più grande bussetano dopo Verdi”, Carlo Bergonzi, 87 anni compiuti il 13 luglio, considerato unanimamente il più grande tenore verdiano del Novecento. Bergonzi infatti, che abita a Milano si può dire da una vita con la moglie Adele, è tra i premiati dell’Ambrogino d’oro, l’equivalente del nostro Premio Sant’Ilario, che sarà assegnato mercoledì 7 dicembre, festa di Sant’Ambrogio, santo patrono del capoluogo lombardo, a Palazzo Marino. Il tenore, impossibilitato per motivi di salute, non potrà andare a ritirarlo, ma al suo posto ci andrà la moglie Adele. Dunque una nuova grandissima soddisfazione per Bergonzi, che nono-stante abbia abbandonato la carriera da anni è rimasto un’icona della lirica mondiale, un grande artista che ha calcato i palcoscenici di tutto il mondo, dando lustro al nostro Paese. Già l’anno scorso il tenore aveva.........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

martedì 22 novembre 2011

Le collezione sportiva di Paolo Gandolfi -2-

I CAMPIONI
IN CARTOLINA:
IVO COCCONI
Dedichiamo agli sportivi pramzàn una nuova serie: ricordiamo i grandi campioni dello sport di casa nostra attraverso la prestigiosa e ricchissima raccolta di cartoline sportive di un collezionista d'eccezione, Paolo Gandolfi - Ripercorriamo le storie di atleti parmigiani, ma anche di non parmigiani che hanno trovato a Parma stagioni importantissime per la loro carriera - Oggi è la volta di Ivo Cocconi, il grande "capitan fornaio" del Parma As

lunedì 21 novembre 2011

Immagini: le foto di Luca Invernizzi -2-

CORRIDONI ASSEDIATO
La forza di un'immagine: Filippo Corridoni che cerca di sfuggire, in un anelito di libertà, al logorio della vita moderna: l'autobus della linea 4 sembra volerlo portar via e i fili della rete elettrica lo stringono in un assedio mortale, così come i teloni di plastica di una casa in restauro. Perfino il semaforo rosso sembra voler arrestare la sua corsa verso la libertà. Luca Invernizzi, con lo scatto di questa fotografia, che ha intitolato "Povero Corridoni, non c'è mai pace per Lui... né intorno a Lui", ha saputo interpretare il curioso destino di Filippo Corridoni (1887 - 1915) la cui figura storica fu "assediata" da due opposte fazioni, i fascisti e i rivoluzionari di sinistra, che la ersero entrambe, con motivazioni diverse, a simbolo delle loro lotte.
CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRE

La nuova puntata di "Su il sipario"

LE VERDISSIME
NEL "COVO" DEL CLUB
DEI VENTISETTE
L'apertura della nuova puntata della rubrica di Paolo Zoppi è dedicata alla "storica" visita che le Verdissime hanno compiuto ai "cugini in Verdi" del Club dei 27 - La rubrica comprende anche l'intervista al loggionista albanese Ilir Maximiljan Gjika, l'annuncio del concerto benefico degli allievi di Adriana Cicogna e "A tutto quiz", dove si è invitati a riconoscere un tenore parmigiano
Beh, per gli appassionati melomani è stato certamente un incontro che si può definire "storico": la gradita visita che le 35 Verdissime di Luciana Dallari hanno fatto ai soci del Club dei Ventisette, guidati da Enzo Petrolini. Ed è proprio con questo incontro che Paolo Zoppi (Falstaff dei "27") apre la nuova ricca puntata della sua rubrica "Su il sipario". Puntata come sempre ricca, perché, oltre al "matrimonio" Club dei 27 - Verdissime, comprende l'intervista al loggionista albanese  Ilir Maximiljan Gjika  e l'annuncio di un concerto benefico degli allievi di Adriana Cicogna. La puntata poi si conclude con "A tutto quiz", la "sottorubrica" che questa settimana ripropone il personaggio dell'ultima volta, che finora non è stato riconosciuto.
(Nella foto: Le Verdissime al Club dei 27)
LEGGETE SU IL SIPARIO

domenica 20 novembre 2011

Cor crozè - L'opinione di Michelotti

A SÓN CONTÉNT DO VOLTI:
AL PÄRMA L'À VÉNS
E MI A GH'Ò CIAPÈ (CUÄSI)

PARMA - UDINESE 2 - 0 A són chì ch'a god du volti: parchè 'l Pärma l'à batù l'Udinese e parché a gh'ò ciapè. Mi äva ditt vó a zéro e l'é fnìda du a zéro, ancòrra méj. E po a j'ò batù al me amigh Osloviz-Piovani, ch'l'äva previsst un parègg'. Comunque vittoria meritata, soprattutto par cme èmma zughè in-t-al secónd témp. J èmma schisè cme i ringol.
Com'è stata in generale la partita?
Ala fén a gh'éra Guidolin, che mi ciam 'na lacrima sul viso, ch'al cridäva.. Al gh'äva un gruggn... e finna la candéla al näz... E mi a m' són divartì bombén. Anca parchè j'ò visst un Super Biabiany. Oggi è stato grande, dico la verità. Però, ragas, continvämma a zugär sensa atacànt. Oggi avevamo Giovinco a mezzo servizio, da socuant partidi al n'é pu lu, e Pellè...beh, lasèmma pärdor...
Mirante?
Normale amministrazione. Mo al me fa sémpor rabìr parché al ne vén miga fóra dala porta gnan sa t'al tir con do pär 'd bo.
La difesa?
Molto bene Lucarelli, al pu bón 'dla diféza, an gh'é dubbi. E po Colomba l'à fat zugär Rubin: ragas... al pära la bella Gigogin...
Il centrocampo?
La notisia l'é cossta: é tornè Galloppa. 'Na gran partida la sovva.
E Biabiany?
Oggi Biabiany è stato un grande. L'à fat un bél goll e l'à procurè il rigór sgnè po da Giovinco. Pensa ch'j'ò finn cantè publicamént È tornato Cimba! S'a gh'avìss da votärol a gh dariss un bél ot pu. 
L'attacco?
A t' l'ò bélle ditt: par Giovinco al' n'é miga un périod bón. A gh'  dagh un sincov pu, parchè l'à sgnè al rigór. E Pellè... l'é inguardabil, gnàn da crèddor. Al podriss zugär in-t 'na scuädra 'd peones...
Il migliore del Parma?
Già detto. Biabiany.
Il peggiore?
Sémpor lu: Pellè, anca se m' dizpjäz...
Che voto dai oggi a Colomba?
Dagh un sètt. Però secondo me ha fatto un errore. L'à fat scaldär Crespo par sinch minud e po l'à miss déntor Valdès. Al podäva vansär 'n umiliasjón cómpagna a Crespo.
pramzan45
(Revisione delle parti dialettali di Giuseppe Mezzadri)

Quelle che il basket - serie A1

GRANDE EQUILIBRIO
MA GIALLOBLU
SCONFITTE A FAENZA
(60 a 65)
Sconfitta del Lavezzini Basket Parma in trasferta a Faenza per 65 a 60 (27-25) che resta fermo a quota 6 punti in classifica. Non basta una super Antibe, autrice di 20 punti, al team ducale per espugnare il PalaMokador. E non basta avergli anche portato via in estate il talento brasiliano Adriana (13 punti per lei comunque oggi). La verve delle romagnole nel proprio e freddo palasport è stata superiore. Ora al PalaCiti domenica prossima arrivano le campionesse d’Italia in carica della Famila Schio. Salto a due alle canoniche ore 18.
(Nella foto: Nicole Antibe)

sabato 19 novembre 2011

Il vaticinio di Michelotti

L'É 'NA PARTIDA
DIFÌCCILA
MO A VENSÈMMA
La voce più amata dell'Oltretorrente indossa le veste di indovino e prevede, con motivazione, il risultato della partita del Parma - E "gareggia" con Sandro Piovani
PARMA - UDINESE

VÓ A ZERO
"Guärda, stavolta se a m' zbali a vagh sòtta al tréno o a vagh déntor a 'na brónza 'd barlingot a färom bòjjor, acsì a fagh contént la Smorfia, ch'l'é Guidolin. Sì, sì, l'Udinese è una squadra tosta, coesa (oh cme pärli dificcil)
mo dmàn a vensèmma vó a zero.  Il "competitor" di Albertone per questa partita è Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma, popolarissimo tra gli sportivi e in particolare tra i tifosi del Parma, che ci ha detto: "Sarà durissima, però un pareggio ci può stare. Se parerggio sarà penso a un zero a zero visto che chilór i n' ciapon miga goll. Solamént cuator in déz partidi...". Quando Miclòt ha saputo del "vaticinio" di Piovani, ha commentato: "Mi a Ozloviz agh vój un gran bén, mo stavolta al gh' lasa il pènni".  (mez)

Immagini: le foto di Luca Invernizzi -1-

COLLAGE D'AUTUNNO
(per sempre)
Luca Invernizzi non è un fotografo professionista, ma la sua sensibilità, nonché la tecnica, lo rendono autore di splendide immagini delle quali alcune, per nostra fortuna, arrivano sulla scrivania di Pramzanblog. Come questa fotografia, intitolata dall'autore "Collages per sempre", un vero e proprio contenitore di emozioni: Piazzale della Pace in autunno, le foglie morte sul marciapiede, due innamorati che camminano mano nella mano accanto al manifesto della recente mostra dei collages di Gianni Clerici, andata in scena alla Galleria Centro Steccata dal 26 ottobre all'8 novembre. La scelta del bianco e nero accentua il parallelismo tra il manifesto della mostra e la coppietta di giovani parmigiani. Un piccolo capolavoro: bravo Invernizzi.
CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRE

Successo del concerto all'Auditorium Paganini

TANTA BUONA MUSICA
PER I 30 ANNI
DELL'AVOPRORIT
L'Associazione Volontaria Promozione Ricerca Tumori ha festeggiato ieri sera il suo trentesimo compleanno con un concerto di musiche verdiane del Coro Renata Tebaldi, diretto da Sebastiano Rolli - Il coro ha eseguito anche brani risorgimentali, accompagnato dalla fisarmonica di Corrado Medioli - Calorosi applausi per i solisti, Maria Giovanna Pattera, Luigi Rossetti, Massimiliano Catellani e per il maestro Alberto Bruni, che ha accompagnato gli artisti al pianoforte - Ha presentato Francesca Strozzi
di GIAN PAOLO ZILIOTTI
Ieri sera presso lAuditorium Paganini, l’Avoprorit (Associazione Volontaria Promozione Ricerca Tumori) di Parma ha celebrato i trent'anni di attività sul nostro territorio con un concerto del Coro Renata Tebaldi diretto dal maestro Sebastiano Rolli. L’Avoprorit, com'è noto, coltiva il valore del volontariato, l’impegno nel sostegno e nella diffusione della ricerca delle malattie di natura oncologica. Sul territorio parmense operano 18 sezioni con più di 4000 soci iscritti e 250 volontari attivi. La serata al Paganini ha proposto un programma di musiche verdiane e in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell’unità d’Italia, alcuni brani risorgimentali. Il melodramma verdiano, del resto, attinge a tutta quella cultura musicale popolare che, nelle strade, sulle barricate e nelle piazze ha partorito inni patriottici,canzoni e veri e propri cori.
Non dimentichiamo altresì che "Viva V.E.R.D.I." fu un forte richiamo proprio del popolo alla lotta. Il coro, magistralmente diretto dal maestro Rolli, ha dato grande dimostrazione di affiatamento e grande sensibilità artistica, cosa che si è potuto riscontrare in particolare nei colori e nei pianissimi che hanno riscosso grande successo e applausi a scena aperta. Molto apprezzati inoltre i cori risorgimentali, accompagnati dalla fisarmonica di Corrado Medioli. L’esibizione del coro è stata completata dal grande successo dai solisti: il soprano Maria Giovanna Pattera, il tenore Luigi Rossetti e il basso Massimiliano Catellani. Ha accompagnato gli artisti al pianoforte il maestro Alberto Bruni. La serata è stata presentata da Francesca Strozzi. (gpz
(Nelle foto: 1) Il Coro Renata Tebaldi durante il concerto al Paganini; 2) Il maestro Sebastiano Rolli)

venerdì 18 novembre 2011

La "bufala" di Gino e Dino

VOLEVATE ASCOLTARE
"A MACCA"
LA CANZONE
DI GINO E DINO?
MA NON VI
VERGOGNATE?
Pramzanblog vi ha fatto uno scherzo: vi ha proposto il video di Gino e Dino per l'ascolto gratuito della loro canzone "Il Natale del cabarettista sgangherato" che fa parte del cd "Acqua di Natale" di Enzo Iacchetti. Ovviamente la canzone non c'è, perchè il cd è "assolutamente" da comprare. Perché? Perché mentre noi rincorriamo IPhone 4, e l'IPad e sprechiamo litri e litri d'acqua mentre ci laviano i denti o facciamo la doccia, in Africa ci sono milioni di persone che l'acqua non ce l'hanno, o scarsissima. Ecco perché contribuire alla costruzione di una diga,  che convoglierà acqua piovana per distribuirla alle popolazioni di qualche villaggio, è un atto nobile che, quando l'avremo compiuto, ci farà stare bene. Io il cd l'ho già acquistato e lo regalerò a Natale. Perché, amici di Pramzanblog, non lo fate anche voi? (Se non l'avete già fatto).

Clamorosa anteprima di Pramzanblog

GUARDATE QUESTO VIDEO
PER ASCOLTARE "A MACCA"
LA CANZONE
DI GINO E DINO
CON ENZO IACCHETTI
Come abbiamo ampiamente scritto su queste pagine, i cabarettisti parmigiani Luigi Furlotti (Gino) e Aldo Musci (Dino) cantano con Enzo Iacchetti la canzone "Il Natale del cabarettista sgangherato", che fa parte del cd "Acqua di Natale", che ha coinvolto artisti di primissimo piano come Mina, Lucio Dalla, Enrico Ruggeri, Giobbe Covatta, Claudio Baglioni, Roberto Vecchioni - Il cd è in vendita, con finalità benefiche (aiutare l'Amref per la costruuzuione di una diga in Africa), a soli 9,90 euro, ma Gino e Dino hanno preparato un filmato grazie al quale potete ascoltarvi il loro pezzo senza spendere un centesimo - Buon ascolto

















Con i tempi che corrono, meglio risparmiare e fare tagli. La pensa così anche il neopremier Supermario Monti. Quindi anche Pramzanblog si adegua e offre ai suoi lettori una "chicca": l'ascolto "a gratis" della canzone che Gino e Dino, i cabarettisti äd nuätor, cantano con Enzo Iacchetti nel cd "Acqua di Natale". D'accordo, il cd costa solo 9 euro e 90 ed ha finalità benefiche, visto che l'incasso è devoluto ad Amref per la costruzione di una diga in Africa. Oltretutto, con Iacchetti, non ci sono soltanto Gino e Dino, ma addirittura Mina, Lucio Dalla, Enrico Ruggeri, Giobbe Covatta, Claudio Baglioni e Roberto Vecchioni. Ma Gino e Dino sono due artisti coraggiosi e in barba alle finalità benefiche, che dovrebbero spingere eserciti di compratori nei negozi musicali, "regalano" la loro canzone ai parmigiani che hanno voglia di ascoltarla. In breve: chi vuole ascoltare tutto il cd o magari anche solo i suddetti "grandi", deve "sganciare" quasi 10 euro, invece i pramzàn che muoiono dalla voglia di ascoltare (e scaricare) la canzone con Gino e Dino possono farlo, appunto "a macca" perché i due cabarettisti äd nuätor la regalano. Ecco il video. Buon ascolto.
QUI IL VIDEO LO VEDETE A METÀ, PER VEDERLO INTERO POTETE GUARDARLO ANCHE QUI SOPRA

Un successo italiano nel Paese del Sol Levante

IN GIAPPONE TUTTI PAZZI
PER LA LIRICA
(E PER RENZO ALLEGRI)
Il noto giornalista e scrittore veronese, che è diventato parmigiano d’adozione perché abita da 14 anni sulle colline di Salsomaggiore, ha conquistato un primato: è il primo autore italiano di un libro di successo, per complessive 1200 pagine, pubblicato solo in Giappone - Si intitola “51 artisti lirici raccontano la loro storia” ed è il frutto di una lunga serie di interviste a grandi artisti che Allegri realizzò, nel corso di undici anni, per la prestigiosa rivista musicale giapponese “Ongaku No Tomo” - “La cosa più straordinaria in questa vicenda”, dice lo scrittore “è costituita dall’interesse dei giapponesi per la musica lirica, in particolare per quella italiana”
di ACHILLE MEZZADRI
foto di NICOLA ALLEGRI
Renzo Allegri lo conoscete. È uno dei giornalisti - scrittori italiani più noti all’estero, grazie alle sue inchieste e ai tantissimi libri, tradotti in tutto il mondo. E in più, avendo io la fortuna di annoverarlo tra i miei amici più cari, firma anche una delle rubriche di Pramzanblog seguite con maggiore interesse, “State Allegri”. Infine, tanto per non farci mancare niente, è anche mezzo parmigiano: nel senso che, veronese di nascita, da quattordici anni respira l’aria salubre della nostra provincia, abitando nelle colline di Salsomaggiore. Giornalista e scrittore ad ampio raggio, l’Allegri, perché i suoi interessi, che si traducono puntualmente in libri di successo, spaziano dalla musica alla religione e al paranormale. Qualche esempio: La vera storia di Maria Callas, Toscanini dolce tiranno, Padre Pio il santo dei miracoli, Madre Teresa mi ha detto, Rol il grande veggente. Ebbene, Renzo Allegri è riuscito a superarsi, conquistando un primato: è il primo autore italiano (e probabilmente perfino europeo) di un libro pubblicato soltanto in Giappone, ovviamente nella lingua del Paese del Sol Levante. Sono tanti gli scrittori italiani i cui libri.................
(Nella foto: Renzo Allegri con alcune delle sue numerose pubblicazioni)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Parma in cornice -20-

LO STADIO TARDINI
E TOMMASO GHIRARDI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo lo Stadio Tardini, che dal 1923 è la "casa" del Parma calcio, all'attuale presidente dei crociati - gialloblu, Tommaso Ghirardi

giovedì 17 novembre 2011

Parma in cornice -19-

PALAZZO RANGONI
FARNESE
E ANDREA GAVAZZOLI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo Palazzo Rangoni Farnese, dal 1945 sede della Prefettura, ad Andrea Gavazzoli, dal 2003 direttore di Tv Parma

Super quiz pramzàn -3-

I DU BRASSÈ
E UN VINCITORE
DI TAPPE
La terza puntata del nostro quiz alla parmigiana, per scoprire quanto conosciamo la storia, grande e minima della nostra città - Tra i questiti di oggi uno sui "du brassè" e uno su un ciclista di casa nostra
I du brassè, chi sono? Ricordate chi è il ciclista che vinse quattro tappe al Giro 'Italia e una al Tour de France? Questi e altri otto quesiti compongono la puntata odierna del "Super quiz pramzàn". Anche stavolta le domande spaziano nei settori più svariati, dalla storia allo sport, dal dialetto alla politica eccetera eccetera. Il super quiz può diventare un esercizio utile per chi ama Parma. Chi sa già tutto... ripassa, e chi invece sa poco o niente... impara. Ovviamente alla fine di ogni puntata trovate, rovesciate, le risposte esatte.
IL SUPERQUIZ DEL 17.11.2011

mercoledì 16 novembre 2011

L'Editorialino - Parliamoci chiaro

MONTI CI HA SCIPPATO  
LA LADY DI FERRO
(la Cancellieri 
da Parma al Viminale)
Oggi alle 17 Anna Maria Cancellieri ha prestato giuramento al Quirinaleccome neo ministro dell’Interno del governo di Mario Monti - Dopo le dimissioni di Pietro Vignali, dal 20 ottobre era commissario straordinario a Parma, dove già aveva svolto lo stesso ruolo nel 1994 - In una lettera ai parmigiani ha scritto: “Il mio impegno per Parma continuerà” - Belle parole ma, con tutto il rispetto di chi prenderà il suo posto, resta il dispiacere di aver perso un funzionario di altissimo valore
Lo si può chiamare, in senso buono, “uno scippo”? Be’, io l’azzardo. Perché il nuovo presidente del Consiglio Mario Monti, per insediare il suo governo, ha fatto fare le valigie ad Anna Maria Cancellieri, che era commissario straordinario dal 20 ottobre a Parma (dove aveva già svolto lo stesso compito nel 1994) per trasferirla al Viminale, vale a dire nel ruolo chiave di Ministro dell’Interno. Gran bella promozione, e per quello che ne so (ma basta leggere il suo curriculum) la Cancellieri se la merita ampiamente, però... Però intanto questa nostra città, dopo tanti guai (scandali, un bel deficit e casini vari) meritava il medico capace di curarne, in breve tempo, le ferite. Con questo non voglio dire che
(Nella foto: Anna Maria Cancellieri)
LEGGETE L'EDITORIALINO

Parma in cornice -18-

IL CONSERVATORIO
E MATTEO PAGLIARI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo lo storico Conservatorio "Arrigo Boito", dove hanno studiato alcuni "grandi" dell musica  come Toscanini e Pizzetti, a uno dei suoi allievi delle leve più recenti, il direttore d'orchestra Matteo Pagliari
IL CONSERVATORIO E MATTEO PAGLIARI

martedì 15 novembre 2011

Parma in cornice -17-

IL PALAZZO
DEL GIARDINO
E RENZO ODDI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo il Palazzo Ducale del Giardino, carico di storia fin dalla metà del Cinquecento, a uno dei vessilliferi della storia e delle tradizioni di casa nostra, Renzo Oddi, presidente di Parma Nostra
IL PALAZZO DEL GIARDINO E RENZO ODDI

Echi di Sport Civiltà

L'INTER-VESCOVO
Che monsignor Enrico Solmi, il Vescovo di Parma, fosse un uomo di doppia fede (cattolica e interista) è risaputo. Ma che fosse nerazzurro al punto di farsi fotografare con maglia e sciarpa nerazzurra e scarpe sportive mentre fa stretching all'ingresso del Vescovado è stata forse una novità per il pubblico presente ieri al Teatro Regio durante le premiazioni di Sport Civiltà (non per i lettori del celebre periodo periodico sportivo "Sportweek" che l'aveva già pubblicata) Il Vescovo è stato chiamato sul palcoscenico per premiare l'ex interista Roberto Boninsegna e sul grande schermo è apparsa appunto la foto di Sportweek. Simpaticissimo l'intervento di monsignor Solmi, che, "sfruculiato" da Massimo De Luca sul fatto che il cardinal Tarcisio Bertone, segretario di Stato, è juventino, ha detto: "Tutti possono sbagliare". Grande Vescovo. Sembra perfino più pramzàn che modnéz.
CLICCARE PER INGRANDIRE
I CAMPIONI DELLO
SPORT PARMENSE
NELLE CARTOLINE
DI PAOLO GANDOLFI
Dedichiamo agli sportivi pramzàn una nuova serie: ricordiamo i grandi campioni dello sport di casa nostra attraverso la prestigiosa e ricchissima raccolta di cartoline sportive di un collezionista d'eccezione, Paolo Gandolfi - Ripercorriamo le storie di atleti parmigiani, ma anche di non parmigiani che hanno trovato a Parma stagioni importantissime per la loro carriera - Oggi apriamo la serie con Umberto Masetti, il primo "divo" del motociclismo
01 UMBERTO MASETTI

lunedì 14 novembre 2011

Il Premio Sport Civiltà

TUTTI AI PIEDI
DEL CANNIBALE
Gran compleanno per la sezione di Parma dei Veterani Sportivi: edizione sontuosa del Premio Sport Civiltà che ha compiuto 35 anni. Ovazioni, o quasi, per Eddie Merckx, il cannibale del ciclismo, forse l'attrazione number one dello spettacolare tardo pomeriggio pramzàn. Che ha visto sul palcoscenico del tempio della lirica non solo Merckx, ma anche la famiglia del ciclismo, i Moser, e Tempesti, il portiere del Settebello di pallanuoto, e Pizzo, iridato della spada, e l'incredibile novantunenne Celina Seghi, e Boninsegna, e il presidente della Rai Garimberti, e il presidente del comitato paralimpico Pancaldi, e la Fondazione Stefano Borgonovo, e Andrea Agnelli e il direttore di Corriere dello sport Stadio Alessandro Vocalelli, e l'ultrarunner pramzàn Paolo Bucci. Con la conduzione di Massimo De Luca e dell'elegantissima Francesca Strozzi. E naturalmente la presenza del "padrone di casa", il presidente dei Veterani Sportivi di Parma, Corrado Cavazzini, con i suoi vicepresidenti Renato Amoretti, Paolo Gandolfi e Corrado Marvasi e gli altri più stretti collaboratori. E con un sacco di altri nomi grosi e uno spettacolo di prim'ordine, con la splendida voce di Jenny B. (ma il "Nessun dorma" in versione jazz sul palcoscenico del Regio ha fatto venire l'orticaria ai melomani), i virtuosi Kataclok e l'Inno di Mameli della Corale Verdi ch'l'à fat gnìr i sgrizór.
DOMANI UNA GALLERIA FOTOGRAFICA

La nuova puntata di "Su il sipario"

PUBBLICO IN DELIRIO
AL CONCERTO
CON JESSICA PRATT
E SHALVA MUKERIA
L'apertura della nuova puntata della rubrica di Paolo Zoppi è dedicata al grande successo del concerto organizzato dagli Amici della Lirica del Cral CariParma all'Auditorium del Carmine  - La rubrica comprende anche la cronaca dell'ottima "Bohème" andata in scena al Teatro Magnani di Fidenza e "A tutto quiz", dove si è invitati a a riconoscere un tenore parmigiano
È vero, Paolo Zoppi è il presidente - anima degli "Amici della Lirica del Cral CariParma" e, obiettivamente, non ci si può aspettare che parli male dei concerti che organizza, quelli che sono un po' le sue "creature". Ma se questi spettacoli sono dei "gioielli" (e lo sono sempre) è giusto, anzi doveroso, che ne parli bene, e anche con enfasi, perché è il pubblico a dedicare addirittura ovazioni a questi gioielli. È il caso del concerto con Jessica Pratt e Shalva Mukeria andato in scena sabato all'Auditorium del Carmine: un trionfo, con ripetute richieste di bis. Zoppi ne parla diffusamente nella sua rubrica "Su il sipario". Ma nella stessa puntata parla anche di un'ottima "Bohème" andata in scena al Teatro Magnani di Fidenza, con Daria Masiero nel ruolo della protagonista. La puntata poi comprende "A tutto quiz", la "sottorubrica" dove stavolta c'è da riconoscere un tenore parmigiano. 
(Nella foto: Da sinistra, Paolo Zoppi, il professor Giancarlo Izzi, Jessica Pratt, Shalva Mukeria e il maestro Simone Savina)
LEGGETE SU IL SIPARIO

domenica 13 novembre 2011

Quelle che il basket - Serie A1

GIALLOBU SCONFITTE:
NIENTE DA FARE
CONTRO LA CORAZZATA
TARANTO
Niente da fare per il Lavezzini Basket Parma che lascia il passo al PalaCiti alla corazzata Cras Taranto, che vince per 57 a 51 (30 a 24 a metà partita). Dodici punti di Antibe

Parma in cornice -16-

IL TORRENTE PARMA
E ALBERTO MICHELOTTI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo il torrente Parma, che divide in due la città, a uno dei portabandiera delle nostre tradizioni, l'oltretorrentino doc Alberto Michelotti
IL TORRENTE PARMA E ALBERTO MICHELOTTI

sabato 12 novembre 2011

Comunicazione ufficiale

BERLUSCONI
SI È DIMESSO  
Domani le consultazioni del capo dello Stato, Giorgio Napolitano

Da oggi una mostra fotografica per riflettere

SAN FRANCESCO
DEL PRATO:
L’ARCHITETTURA
DIMENTICATA
Alle 17,30 si inaugura al Caffè del Prato l’esposizione di opere del fotografo Franco Saccò per denunciare lo stato di abbandono in cui si trova ancora il capolavoro gotico, nonostante, da molti anni, non ospiti più il carcere cittadino - La mostra ha finalità benefiche: le opere infatti possono essere acquistate e l’incasso è destinato a Snupi, che sostiene i pazienti dell’Unità Operativa di Gastroenterologia dell’Ospedale, diretta dal professor Gian Luigi de’ Angelis
di ACHILLE MEZZADRI
La premessa è che Franco Saccò, bedoniese, 50 anni, è un ottimo fotografo, con una sensibilità non comune. E chi conosce Archimmagine, il suo atelier di fotografia in via XX settembre, dove oltre a svolgere l’attività professionale di fotografo e grafico pubblicitario, Saccò tiene corsi di fotografia e fotoritocco e organizza esposizioni fotografiche, sa bene che dico la verità. Ma Saccò è anche in pramzàn e come la maggioranza dei concittadini, soffre a vedere le condizioni di abbandono in cui versa, da troppi anni, San Francesco del Prato, un capolavoro gotico dimen-ticato. Sì, ormai sappiamo che il suo futuro dovrebbe.........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Parma in cornice -15-

L'OSPEDALE VECCHIO
E CARLA THEY
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo l'Ospedale Vecchio di via D'Azeglio, una delle "memorie storiche" della città, ai delicati suoni dell'arpa di Carla They

venerdì 11 novembre 2011

Una foto, un'atmosfera

COSSTA SÌ CH'L'É
PARMIGIANITÈ
Ma guardate che bella foto, sprizza... parmigianità. L'ha scattata Cristina Cabassa ieri sera a Sorbolo, dove nella sala civica di via Gruppini è stato presentato il libro "Dirige Michelotti da Parma", a firma di Claudio Rinaldi. Quante belle facce! Claudio Mendogni, Enrico Maletti, Claudio Rinaldi, Albertone Michelotti... E con loro Rita Buzzi, assessore alla cultura e Nicola Cesari, assessore allo sport del Comune di Sorbolo... Una bella serata pramzàna.

Lunedì al Regio il Premio Sport Civiltà

LA PARATA
DEI CAMPIONI
NEL TEMPIO
DELLA LIRICA
Dal “Settebello” a Merckx, da Cavendish a Pizzo, dalla famiglia Moser a Celina Seghi e con un premio speciale per il nostro maratoneta dei deserti Paolo Bucci - Premi anche per il presidente della Rai Paolo Garimberti, per il direttore del Corriere dello sport - Stadio, Alessandro Vocalelli, per il presidente della Juventus Andrea Agnelli, per quello della Fiat John Elkann e per il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli - Presentano il giornalista Massimo De Luca e Francesca Strozzi di Tv Parma, l’emittente locale che riprenderà l’evento
di ACHILLE MEZZADRI
Parma dev’essere un nome che probabilmente continua a provocare fastidiosi ricordi in Eddie Merckx, il cannibale del ciclismo, che proprio a conclusione della tappa Parma - Savona del Giro d’italia 1969, mentre era in maglia rosa, fu squalificato, con l’accusa di essere ricorso al doping. E lunedì pomeriggio, mentre starà per recarsi al teatro Regio, non è da escludere che gli torni alla mente quella mattina del 1° giugno quando in piazza del Duomo, dopo la giornata di riposo trascorsa proprio nella nostra città, tra due ali di folla festante e a lui inneggiante, partì in maglia rosa per la sedicesima tappa, senza ovviamente immaginare che alla sera, dopo l’arrivo, nell’albergo dove alloggiava con la squadra, ad Allbisola, avrebbe pianto caldissime lacrime al microfono di Sergio Zavoli. Perché lunedì pomeriggio, al Teatro Regio, tutti gli occhi dei parmigiani saranno puntati su di lui, su questo “cannibale” del ciclismo che ha vinto tutto il vincibile, sempre affamato di vittorie. Perché lunedì pomeriggio, al Teatro Regio, Eddie Merckx, che ha compiuto 66 anni il 17 giugno, sarà tra ...........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Parma in cornice -14-

VIA CARDUCCI
E GIUSEPPE AZZALI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo la centralissima via Carducci, adiacente al Regio, a un maestro dell'editoria musicale, Giuseppe Azzali, il "Rigoletto" del Club dei 27

giovedì 10 novembre 2011

Ultimissimi posti a disposizione

GRANDI INTERPRETI
E CÓR IN MAN:
DUE MOTIVI
PER NON PERDERE
IL CONCERTO
AL “DEL CARMINE”

Molta attesa per il “Grande concerto d’autunno” organizzato dagli Amici della lirica del Cral CariParma, con il soprano Jessica Pratt e il tenore Shalva Mukeria, artisti di fama internazionale - La finalità è benefica: l’incasso va al Reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Maggiore - Teatro praticamente esaurito: i ritardatari possono però salvarsi telefonando al 338 8741800
di ACHILLE MEZZADRI
Ci siamo. Mancano solo due giorni all’attesissimo concerto con Jessica Pratt e Shalva Mukeria, che andrà in scena sabato 12 alle 18 all’Auditorium del Carmine, organizzato dagli attivissimi Amici della Lirica del Cral CariParma, associazione benemerita di cui è presidente il “nostro” Paolo Zoppi.

Non “svioliniamo” questo concerto perchè è creatura di Zoppi. Ne parliamo ancora proprio perché già lo possiamo considerare un nuovo “fiore all’occhiello”, una nuova “medaglia al valor musicale” di questa associazione che in un breve spazio di tempo ha ........
(Nelle foto: 1) Jessica Pratt; 2) Shalva Mukeria; 3) Simone Savina)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Parma in cornice -13-

VIALE DEI MILLE
E VITTORIO ADORNI
Una città da incorniciare, nel bene e nel male - Ripercorriamo sulle ali della parmigianità  luoghi e volti di ieri e di oggi - Oggi abbiniamo viale dei Mille, parte della circonvallazione, a uno dei più grandi campioni dello sport parmense, Vittorio Adorni, che vestì la maglia iridata a Imola nel 1968

Super quiz pramzàn -2-

L'ARCO TRIONFALE
E LA CANTANTE
CON LA TRECCIA
La seconda puntata del nostro quiz alla parmigiana per scoprire quanto conosciamo la storia, grande e minima della nostra città - Tra i questiti di oggi storia, sport, musica leggera e dialetto
Abbiamo ricevuto complimenti per la nuova iniziativa del nostor giornäl - blòggh tutt pramzàn, il "super quiz", che propone domande di storia, arte, spettacolo, politica, sport, dialetto, insomma... di tutto. Oggi, tra i dieci questiti, ce n'è uno su un arco trionfale che fu costruito provvisoriamente nell'Ottocento e uno su una cantante che esordì proponendosi come "la cantante con la treccia". Tra gli altri c'è anche da riconoscere una bella bambina. Pensiamo che il super quiz pramzàn possa essere un esercizio utile per tutti coloro che amano Parma. Chi sa già tutto... ripassa, e chi invece sa poco o niente... impara. Ovviamente alla fine di ogni puntata trovate, rovesciate, le risposte esatte. Non ha senso leggerle prima.
IL SUPERQUIZ DEL 10.11.2011

martedì 8 novembre 2011

Domani tutti all'Università...

L'AULA MAGNA
(E MARCHETTI)
VI ASPETTANO
CON IL LUNARIO
Domani pomeriggio alle 17,30 una delle tante tradizioni pramzàne: la presentazione nell'Aula Magna dell'Università del Lunario parmigiano 2012 di Parma Nostra - Il relatore è il noto giornalista e critico d'arte Giuseppe Marchetti



Beh, sì, la parmigianità è dura a morire. C'è un bel dire che il dialetto è in via d'estinizione, che Pärma an l'é pu cme 'na volta, che ormai il futuro della nostra città è in mano agli extracomunitari. An l'é miga véra. La parmigianità resiste e ogni anno rinnova la sua linfa. Come per esempio Parma Nostra, benemerita associazione culturale cittadina, che anche quest'anno (ma cos'é questa crisi? tara-tara-tara-tata) è riuscita a sfornare la nuova edizione del Lunario Parmigiano, edizione 2012.
Il relatore di quest'anno è un personaggio molto noto a Parma, talmente noto e meritevole che ha anche ricevuto il Premio Sant'Ilario: Giuseppe Marchetti, giornalista e critico d'arte. Il pomeriggio, oltre alle sempre interessanti spiegazioni di Marchetti, sarà allietato anche dalle Voci Bianche della Corale Verdi (fresche reduci da Londra) e dal Coro Verdi Melodie dell'istituto Comprensivo Parmigianino, diretti dalla mestra Beniamina Carretta. Al termine sarà distribuito in omaggio ai presenti una copia del Lunario Parmigiano e una copia del libro "Pärma e Brazil" di Giuseppe Mezzadri. A m'arcmand, eh? Tutti in Aula magna...