O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 28 ottobre 2011

Il 30 ottobre un concerto da non perdere

SEI SECOLI DI STORIA
NELL’ORGANO
DI SAN SEPOLCRO
Si conclude domenica prossima la seconda edizione della rassegna “Antichi Organi di Parma”, organizzata dall’Associazione Serassi, con un concerto del maestro Roberto Maria Cucinotta, di fama internazionale, alla tastiera di un antichissimo organo (le prime notizie risalgono al XV secolo) ricostruito nel 2005 da Daniele Maria Giani, di Corte de’ Frati




















di ACHILLE MEZZADRI
Peccato che io non possa essere a Parma la sera di domenica 30 ottobre, perché altrimenti non mi perderei il concerto del celebre organista Roberto Maria Cucinotta, che dalle 21 farà rivivere i suoni dello straordinario organo antico della chiesa di San Sepolcro, in via della Repubblica, ricostruito nel 2005 da Daniele Maria Giani, di Corte de’ Frati, nel Cremonese. Una ricostruzione talmente importante e completa al punto che ormai molti definiscono questo prezioso strumento “l’organo Giani”. L’evento, attesissimo da ............

Nessun commento: