O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 16 ottobre 2011

Ieri la giornata del FAI

SAN FRANCESCO DEL PRATO:
TUTTI SI DOMANDAVANO:
"PERCHÉ È ANCORA COSÌ?"
Ieri, nell'ambito della manifestazione "Festa alla piazza", organizzata in tutta Italia dal FAI, è stata riaperta al pubblico l'ex chiesa (o almeno quello che resta) dell chiesa di San Francesco del Prato - Molti parmigiani non hanno voluto perdersi l'occasione e sono entrati nell'ex capolavoro gotico - Contariamente alle previsioni, non era stata approntata alcuna passerella, ma solo una balconatina dalla quale i vari gruppi di visitatori hanno potuto vedere lo stato (pietoso) in cui versa la chiesa - L'auspicio di tutti è che torni al più presto al suo antico splendore - Le foto che vi proponiamo (CLICCARE PER INGRANDIRE) sono state scattate all'interno della chiesa e nella piazza da Flavio Bosso

Nessun commento: