O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 10 ottobre 2011

FESTIVAL VERDI 2011 - I protagonisti

GIUSEPPE ALTOMARE:
“STAVO AVVIANDOMI
VERSO LA CARRIERA DIPLOMATICA,
POI SONO DIVENTATO
UN BARITONO

PER CASO”
Il baritono pugliese, che sarà Ford nella recita “Falstaff” del 22 ottobre, era vicino alla discussione della tesi in scienze politiche quando lo sentì cantare l’insegnante di pianoforte del fratello che lo consigliò di dedicarsi l canto - “Tra i miei insegnanti ho avuto anche Carlo Bergonzi” - “Con Parma, dove ho cantato spesso, ho un legame molto forte e anche per le sue prelibatezze: vado matto per lo strolghino”
di PAOLO ZOPPI
Pugliese di Molfetta con ascendenti siciliani Giuseppe Altomare è orgogliosamente figlio del sud, anche se ha abbandonato, solo idealmente, le strascenète alle cime di rapa per il buccellato lucchese, essendosi trasferito per l’appunto in terra toscana da quasi una quindicina d’anni. Sud patria del diritto, Sergio Panunzio docet e quindi gli studi sono indirizzati verso le Scienze politiche per una luminosa carriera diplomatica. Tutto ...............
(Nella foto: Giuseppe Altomare)
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: