O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 25 ottobre 2011

Festival Verdi 2011 - I protagobnisti

DANIELA PINI:
“QUANDO CANTO A PARMA
MI SENTO COME A CASA”
Il mezzosoprano romagnolo, che interpreta il ruolo di Meg  nel “Falstaff”, ha cantato spesso nella nostra città - “Di Parma ricordo sempre la cortesia e il calore delle persone” -  “Canto fin da quando ero bambina, ma prima che diventasse il mio lavoro ho fatto anche la commessa” - “Amo in particolare Mozart e i ruoli en travesti”

di PAOLO ZOPPI
Romagnola doc Daniela Pini da Bagnara di Romagna di professione mezzosoprano, sprizza simpatia da ogni dove. Ma non quella studiata, artificiosa, buona per le occasioni ufficiali, quella spontanea, naturale ed istintiva che favorisce un feeling a prima vista. Fisico e portamento da modella, anche oggi che il “signora”, in virtù dell’essere mamma di Lucilla una splendida bimba di otto anni, si sostituisce al “signorina”, Daniela è quasi una habitué del Teatro Regio. Ha parte-cipato a diverse produzioni sia in Stagione che nel.........
(Nella foto: Daniela Pini)
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: