O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 2 ottobre 2011

Dopo la prima di "Un ballo in maschera"

BUONA LA PRIMA
OTTIMO INIZIO
DEL FESTIVAL VERDI
(La critica di Zoppi)
Confermando le previsioni della vigilia, successo pieno ieri sera aal Regio, ribadito nella critica del nostro Paolo Zoppi
La "prima" è sempre una "prima" e fino all'ultimo si sono rincorsi ansie e timori. Ma lo spettacolo di ieri sera al Regio, come abbiamo già sottolinreato nella notte, è stato un ottimo spettacolo, anche se non un pvero e proprio trionfo, come aveva detto a caldo il nostro critico musicale Paolo Zoppi. Ora Zoppi ci ha fatto avere la sua critica, dove analizza, momento per momento, artista per artista, tutta la serata.
LEGGETE LA RECENSIONE DI ZOPPI NELL'EDIZIONE SPECIALE DI "SU IL SIPARIO"

Nessun commento: