O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 11 ottobre 2011

Dopo la "prima" di "Falstaff"

UNA SERATA
DA TEATRO
ELISABETTIANO
(La critica di Zoppi)
Successo pieno del capolavoro verdiano, con calorosi applausi, per gli interpreti - Ecco la critica del nostro Paolo Zoppi
Come abbiamo raccontato quasi "in diretta" stanotte, Falstaff, l'ultimo capolavoro verdiano, e terzo titolo di questo Festival Verdi, ha avuto grande successo, nella magica cornice del Teatro Farnese. Già ieri sera il nostro critico musicale Paolo Zoppi, a caldo, aveva espresso la sua opinione, giudicando lo spettacolo "molto omogeneo". Ora Zoppi ci ha fatto avere la sua critica, dove analizza la messa in scena di questo Falstaff, entrando nei particolari.
(Nella foto: il momento degli applausi finali)
LA CRITICA MUSICALE DI ZOPPI

Nessun commento: