O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 4 settembre 2011

L'Editorialino - Parliamoci chiaro

QUEL SANT'ILARIO
"DECLASSATO"

Sulla prossima festività di Sant’Ilario sembra sia caduta la scure governativa, che sposta alla domenica tutte le festività infrasettimanali - Giusto o sbagliato? - Premesso che il tema non sia di quelli che fanno dormire la notte, siamo però dell’idea che l’abolizione della festività (perché di questo si tratta) sia fatidiosa e inopportuna - E poi domenica 15 gennaio 2012, giorno deputato per la festa su decisione governativa, si gioca al Tardini Parma - Siena...
Non pensavo di scrivere, almeno per il momento, un editorialino sul fatto che il prossimo 13 gennaio non si festeggerà la ricorrenza di Sant’Ilario, il Santo Patrono di Parma. Soprattutto perché questo nostro governo ci sta abituando, negli ultimi tempi, a dei salti della quaglia incredibili. Un giorno decide una cosa e il giorno dopo un’altra, spesso contraria. Ci stanno abituando, insomma, a....
LEGGETE L'EDITORIALINO

Nessun commento: