/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 15 settembre 2011

La scomparsa di Felice da Parma -2-

ALBERTO MICHELOTTI:
FELICE, AT SÌ STÈ
UN GRAN PRAMZÀN

Alberto, una delle "icone" della parmigianità, ricorda l'amico scomparso la scorsa notte

La notizia della scomparsa di Felice Bonazzi, il popolarissimo Felice da Parma, fin dalla mattina si è diffusa in città con grande velocità, come un tam tam che è entrato in ogni casa, in ogni ufficio. Sono centinaia, migliaia, le persone che ora piangono questo piccolo grande uomo che ha dedicato la sua vita a diffondere intorno sé sentimenti di amicizia e di simpatia. Tra i tanti che adesso piangono Felice c'è un'altra assoluta "icona" della parmigianità (e Felice lo era a pieno diritto): Alberto Michelotti. "Quando me l'hanno detto", ci ha detto "ci sono rimasto molto male. Non avrei voluto sentire questa notizia. Felice l'éra vón di nostor, un gran pramzàn. L'éra n' òmm bón, bräv, simpatich bombén. M'arcord cuand al gnäva al Tardini a dar 'na man a so pädor, Amonasro. E cuand al gnäva a Sòrbol a vèddor zugär nuätor. Po a m'arcord un episodi divartént: al s'éra fat fotografär da Amoretti intant ch'al fäva fénta 'd pociäros... Sì, scrìvvol, scrivvol, Felice l'éra n'òmm straordinäri. L'é 'na gran perdita par tùtta la citè. L'ultma volta ch'a l'ò visst l'é stè socuant gióron primma dal so ricovor a l'ospedäl. A j'ò sperè tant ch'al torniss a ca..."
SETTORE CROCIATO
STADIOTARDINI

Nessun commento: