/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 24 settembre 2011

Il recital di Michele Pertusi a Parma Lirica

PERTUSI HA CANTATO
DA DIO
E POI
HA FATTO UN REGALO
AGLI AMICI
DI PRAMZANBLOG

In seguito all’indisponibilità del nostro critico musicale Paolo Zoppi, Pramzanblog ha voluto seguire egualmente il recital del celebre basso parmigiano nell’auditorium della storica associazione musicale di via Gorizia, affidando la cronaca a Fausto Zatorri, grande appassionato di musica - Al termine della serata, presentata da Patrizia Monteverdi e organizzata nell’ambito delle celebrazioni del quarantennale di Parma Lirica, Pertusi ha voluto fare un omaggio a Pramzanblog, firmando una dedica ai lettori sul programma di sala


Paolo Zoppi non avrebbe voluto mancare all’atteso recital di Michele Pertusi a Parma Lirica, organizzato nell’ambito delle celebrazioni per il quarantennale della storca associazione musicale di via Gorizia, ma per impegni fissati precedentemente è stato impossibilitato a intervenire e quindi a scrivere la sua critica. Ma Pramzanblog, giornal - blog notoriamente attento agli eventi musicali cittadini, non ha voluto lasciare “sguarnita” questa serata, meritevole di attenzione per vari motivi: perché Pertusi è una delle glorie musicali della nostra città, perché la serata ricordava anche i 40 anni di vita di Parma Lirica e, in particolare, un mai dimenticato presidente del passato, Orazio Tosi. E, via, anche per la reciproca stima e amicizia che legano Paolo Ampollini e Patrizia Monteverdi a Pramzanblog. Così, sapendo che avrebbe partecipato alla serata, ci siamo rivolti a Fausto Zatorri, grande appassionato di musica e già conosciuto dai nostri lettori e gli abbiamo affidato la cronaca della serata. Fausto non è un giornalista, non è un critico musicale, ma nei panni di cronista se l’é cavata egregiamente. Ecco il suo racconto......LEGGETE LA CRONACA DI ZATORRI

Nessun commento: