/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 31 agosto 2011

L'opinione di Michelotti

J ÀN FAT BÉN
A TÓR FLOCCARI:
A GH'À
LA MATURITÈ
PSICOFISICA
"Amauri al costäva trop e chilór i gh'àn gnàn un bòrr..." - "J àn dè via Borini? A'm dispiäz, parché al gh'à dla cvalitè" - "L'é restè Pellè: al magna pu goll lu che 'na tratorìa a fär la buséca, però a forsa 'd zbaljär l'impararà"
Il commento a caldo del nostro Albertone Michelotti sul mancato ritorno di Amauri e l'acquisto (in prestito, ma con diritto di riscatto) di Sergio Floccari. Miclòt considera positivo il nuovo arrivo e spiega perché, a suo dire, il Parma non ha potuto far indossare di nuovo la casacca crociata all'italo-brasiliano. "Amauri", ha detto a Pramzanblog "al costäva trop, e chilór i gh'àn gnàn un bòrr... Però Floccari è un buon acquisto. L'é un zugadór ch'a gh'à la maturitè psico-fisica. Eh... mo cme pärli bén... A'm dispjäz ch'al va via Borini, parché l'é giòvvon e gh'à dla cvalitè. L'é restè Pellè: al magna pu goll lu che 'na tratorìa a fär la buséca, però a forsa 'd zbaljär l'impararà".
IL COMMENTO DI MAJO

Ultimo grosso colpo di calciomercato

AL PARMA NON TORNA
AMAURI,

MA.... ARRIVA FLOCCARI

Ultimi fuochi di mercato: assieme alla cessione di Borini, il Parma ha perfezionato l'acquisto, in titolo di prestito (per un milione e mezzo) dell'attaccante della Lazio Sergio Floccari - Sfumato dunque il ritorno di Amauri
Fino all'ultimo era rimasta aperta la possibilità che l'oriundo Amauri vestisse ancora la maglia crociata. Ma l'operazione non è andata in porto e la società di Ghirardi si è accordata con la Lazio, che cede in prestito (un milione e mezzo di euro) l'attaccante Sergio Floccari, concedendo al Parma il diritto di riscatto, già fissato in 5 milioni. Floccari, che compirà 30 anni il 12 novembre, prima della Lazio, in serie A, ha giocato nel Messina, nell'Atalanta e nel Genoa
.
Il Parma non ha ancora annunciato ufficialmente l'acquisto di Floccari e la cessione di Borini. Ha invece comunicato l'acquisto a titolo temporaneo con diritto di riscatto della metà dall'Empoli del centrocampista Gianluca Musacci (classe 1987). Inoltre l'attaccante Gabriele Paonessa (classe 1987) è stato ceduto a titolo temporaneo al Gubbio.

Ultimissime di calciomercato

BORINI
SE NE VA
DI GIÀ
L'attaccante Fabio Borini, nazionale under 21, era da poco in maglia crociata ma cambia già casacca: va alla Roma
Il tempo di apprezzare la convocazione dell'attaccante del Parma Fabio Borini nella nazionale under 21 di Ciro Ferrara, e già il gioctore fa le valige. Destinazione Roma, in prestito per un milione e mezzo. Ma la società giallorossa potrà vantare il diritto di riscatto, già fissato a 7 milioni. Ciao Borini!

Il torneo US Open di New York

MALE LA PRIMA
PER BRIANTI
A FLUSHING MEADOWS
Alberta Brianti è stata sconfitta nel primo turno dell'US Open dalla newyorchese Coco Vandeweghe - In doppio giocherà domani in coppia con la russa Maria Kondratieva

Esordio senza fortuna di Alberta Brianti a Flushing Meadows, all'US Open. La tennista di Fontanellato nel primo turno di è trovata di fronte a una giovanissima avversaria che giocava "in casa": Coco Vandeweghe, di New York, ed è stata sconfitta in due set, 5-7; 3-6. Il primo set è stato molto combttuto e Alberta ha strappao il servizio all'americana, portandosi sul 5-4. Poi però, con la fontanellatese alla battuta, la Vandeweghe ha operato il controbreak, avvianfosi verso l'affermazione nel set. Seconda parte del match senza storia. La Brianti è ancora a Flushing Meadows per il torneo di doppio, dove è in coppia con la russa Maria Kondratieva. Primo turno (domani) quasi proibitivo per loro: affronteranno la coppia testa di serie numero 1 (e numero 1 nel ranking mondiale)= , formata dalla ceca Zveta Peschke e dalla slovena Katarina Srebotnik, che in luglio si è affermata a Wimbledon...

lunedì 29 agosto 2011

In coma il tenore lanciato da Bergonzi

SALVATORE LICITRA
GRAVISSIMO:
DEBUTTÒ AL REGIO
E VI TORNÒ IN "TOSCA"
DUE ANNI FA









Il cantante siciliano (nato a Berna) è attualmente in coma all'ospedale Garibaldi di Catania dopo essersi schiantato in Vespa contro un muro, probabilmente a causa di un ictus che l'ha colpito - Licitra è stato scoperto da Carlo Bergonzi che è stato il suo primo maestro nell'Accademia verdiana di Busseto - Ha fatto il suo esordio a Parma in "Un ballo in maschera", nel 1998 e nel 2009, sempre al Regio, ha sostituito per due recite Marcelo Álvarez nel ruolo di Cavaradossi in "Tosca"

L'ambiente della lirica (anche a Parma) è in ansia per uno dei più famosi tenori italiani, Salvatore Licitra, 42 anni, che, probabilmente in seguito a un ictus che l'ha colpito alle 22,30 di sabato scorso mentre viaggiava in vespa con la sua fidanzata cinese, nei dintorni del Ragusano, a Donnalucata (una frazione di Scicli) si è schiantato contro un muro ed ora versa in gravissime condizioni nel centro di rianimazione dell'ospedale Garibaldi di Catania. Licitra è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico per la riduzione di vasti edemi per traumi al cranio, alla faccia e al torace. Licitra, che attualmente è in coma (il suo quadro clinico è stato definito "compromesso" dai medici) è una delle "creature" del grande tenore bussetano Carlo Bergonzi, che è stato il suo primo maestro. È stato lanciato infatti dalla celebre Accademia di Bergonzi, a Busseto, e nel 1998 fece il suo debutto proprio al Teatro Regio di Parma, in "Un ballo in maschera", con la direzione del maestro Angelo Campori. In quell'occasione esordirono altri due allievi di Bergonzi, il basso parmigiano Marco Spotti e il baritono sardo Alberto Gazale . Nel cast c'era un altro allievo dell'Accademia, il basso medesanese Enrico Giuseppe Iori. Da quel momento Salvatore Licitra ha spiccato il volo ed ha cantato nei più importanti teatri del mondo. Il tenore è poi tornato due anni fa al Regio, quando ha sostituito Marcelo Álvarez nella parte di Cavaradossi in due recite di "Tosca".
Qui sotto (da YouTube) lo possiamo rivedere e ascoltare in quella "Tosca" del 2009, con Micaela Carosi.
(Nelle foto - CLICCARE PER INGRANDIRE- : 1) Salvatore Licitra; 2) La fidanzata cinese di Licitra, a sinistra, all'ospedale, porta i segni dell'incidente /Da "Il corriere di Ragusa"/)
"RECONDITA ARMONIA"

"QUAL OCCHIO AL MONDO"

domenica 28 agosto 2011

Hurricane Irene: gli aggiornamenti -2-

"È COME ESSERE
DENTRO UNA MACCHINA
DURANTE IL LAVAGGIO"
LA PAURA È PASSATA,
ADDIO IRENE!!!

La dottoressa Cristina Castelli, direttore di sviluppo clinico in un'azienda privata di New York, nel campo della ricerca farmaceutica, continua a raccontare a Pramzanblog, in diretta, come sta vivendo con i suoi bambini Nicholas e Isabella, l'aggressione dell'uragano Irene sulla "Grande Mela" - "La violenza di Irene varia da area a area" - "Qui da me il vento sembra essersi calmato"

Continua il racconto "in diretta", da New York, di Cristina Castelli, che descrive quello che sta succedendo attorno a lei e ai suoi due figli, Nicholas, 9 anni e Isabella, 7, mentre l'uragano Irene sta investendo la "Grande Mela". In un precedente servizio ci ha spiegato, al telefono, come con i suoi bambini ha affrontato l'attesa. Adesso continua, con brevi messaggi, a fare la cronaca di quello che sta succedendo.
AGGIORNAMENTI
Ore 20:27 di New York (2:27 italiane): "Pericolo di tornado fino alle 5 del mattino. New York sembra essere nell'occhio del ciclone (uragano) che dovrebbe essere meglio per noi. Il peggio è previsto per le 8 del mattino (2 del pomeriggio per voi)".
Ore 1:54 di New York (7:54 italiane): "Non molti dormono, come si può notare dalle luci accese nei palazzi. Il rumore del vento non te lo permette".
Ore 2:21 di New York (8:21 italiane): "Mi viene in mente la storia dei tre porcellini. Se avessimo la casa di paglia o di legno saremmo già volati via. Speriamo che questa tenga, come nella favola!!!"
Ore 6:27 di New York (12:27 italiane): "Se guardi le finestre ti sembra di essere dentro la macchina quando la porti a lavare. Anche i rumori sono simili!"
Ore 7:12 di New York (13:12 italiane): "Parlando con amici, la situazione varia tantissimo da area a area. Qui da me il vento sembra essersi calmato, mentre la poggia è incessante. La differenza cn la pioggia che vedi durante i temporali è che questa continua ad essere fortissima e non si alterna con momenti di pioggia più lieve"
Ore 8:56 di New York (14:56 italiane): "Ancora un tornado watch fino alle 11"
Ore 9:46 di New York (15:46 italiane): "Sta migliorando, ma sembra che dobbiamo passare il picco delle 11 del mattino per dire addio a Irene. Alle 11 aspettano le onde al massimo (highest water tide)"
Ore 12:04 di New York (18:04 italiane): "IL CIELO È CHIARO, non piove e il vento è lieve... Credo che sia venuto il momento di dire addio a Irene. La gente inizia ad aprire le finestre e spazzare le terrazze delle brownstones"
Ore 12:10 di New York (18:10 italiane): "ANCHE NOI ABBIAMO APERTO LE FINESTRE! Credo che se stiamo lontani dai parchi (per il pericolo di rami e piante che potrebbero cadere) possiamo uscire!!! Domani sono sicura che sarà "business as usual" anche con l'inconveniente dei danni che Irene ha lasciato..."
(Nelle foto: 1) L'uragano Irene; 2) Cristina Castelli; 3) La Castelli con i figli Nicholas e Isabella; 4) La quiete dopo latempesta; 5) Un giardino "visitato" da Irene; 6) Organizzazione giapponese)




Nuovo successo della parmigiana

ALBERTA BRIANTI
VINCE IN DOPPIO
A DALLAS (TEXAS)

La tennista di Fontanellato ha trionfato al torneo WTA di Dallas, in Texas, imponendosi nel doppio, in coppia con la romena Sorana Cirstea
(Nella foto: Alberta Brianti e Sorana Cirstea dopo la vittoria)
"Altro titulo in saccoccia", ha scritto sulla sua pagina di Facebook la tennista fontanellatese Alberta Brianti dopo la vittoria in doppia al torneo WTA di Dallas, in Texas. In coppia con la romena Sorana Cirstea ha battuto in finale la coppia francese Cornet - Parmentier. In precedenza Brianti - Cirstea si erano imposte sulle sorelle Bondarenko, su Klepac - Poutchek e su Arvidsson - Dellacqua.

sabato 27 agosto 2011

Testimonianza di una parmigiana da New York

ASPETTANDO IRENE
La dottoressa Cristina Castelli, direttore di sviluppo clinico in un'azienda privata di New York, nel campo della ricerca farmaceutica, racconta a Pramzanblog come sta vivendo con i suoi bambini, Nicholas e Isabella, l'attesa dell'uragano "Irene" che sta incombendo sulla "Grande Mela" - "Passeremo una notte in bianco, ma siamo tutti molto preparati ad affrontare la situazione" - "Siamo un po' preoccupati, ma sereni"
di ACHILLE MEZZADRI
Difficile in queste ore mettersi in contatto con i parmigiani che vivono a New York. La priorità del momento è l'uragano Irene che sta per arrivare, pronto a portare devastazione. (Mentre scriviamo ha già provocato le prime cinque vittime in Nord Carolina e in Virginia e il presidente Obama ha dichiarato: "Ci aspettano 72 ore molto lunghe"). Il primo impatto sulla "Grande Mela" è previsto per le ore 20 locali (le due di notte in Italia), l'occhio del ciclone è atteso per le 22, o le 23 (quattro, cinque del mattino in Italia). Saranno quelle le "ore della verità", i momenti, minacciosi e terribili, nei quali si potrà capire quale sarà la potenza devastarice di Irene su New York. Tutti gli abitanti della metropoli, fino ad ora, hanno cercato di correre ai ripari. O fuggendo, fin che è stato possibile, dalla città, o facendo scorte per la "prigionia forzata" tra le mura di casa e prendendo ogni sorta di precauzione. Poche ore fa siamo riusciti a metterci in contatto con la parmigiana Cristina Castelli, 44 anni, direttore di sviluppo clinico in un'azienda privata di New York, nel campo della ricerca farmaceutica. La dottoressa Castelli ci ha raccontato come, assieme ai suoi due bambini, Nicholas, 9 anni e Isabella, 7, sta vivendo le difficili ore durante le quali sta aspettando l'uragano.
"Sì", ha detto "la preoccupazione non manca, perché non si può conoscere al momento l'evoluzione dell'uragano quando arriverà qui. Però siamo tutto sommato sereni, perché le autorità di New York ci hanno riempito di indicazioni e consigli e li rispetteremo. Siamo molto preparati. Però ci spaventa un po' il fatto che forse avverrà qualche black-out, ma abbiamo le pile e le candele... Certo immagino che passeremo una notte quasi in bianco...Però i miei bambini ed io siamo sereni e comunque non saremo soli. Passeremo parte della notte probabilmente presso una famiglia di amici, nello stesso nostro palazzo. E poi una mia amica che abita al primo piano, che è partita per un viaggio, mi ha prestato le chiavi del suo appartamento. Così, a seconda dell'evolversi della situazione, potremo "affrontare l'uragano" o ai piani alti del palazzo o al primo piano. È importante poter fare questa scelta, perché se il vento diventa troppo impetuoso, per quanto riguarda la stabilità del palazzo, sono più sicuri i piani bassi". (a.m.)

(Nelle foto: Cristina Castelli con i suoi bambini durante le recenti vacanze in Italia)
AGGIORNAMENTI
Ore 16:19 di New York (22:19 italiane): "Ancora tutto tranquillo qui a Manhattan, non piove nemmeno..." (foto qui sotto)

Ore 16:35 di New York (22:35 italiane): "Strano sabato. La gente o è a casa o al supermercato. Nessuno per strada..."
Ore 20:27 di New York (2:27 italiane): "Pericolo di tornado fino alle 5 del mattino. New York sembra essere nell'occhio del ciclone (uragano) che dovrebbe essere meglio per noi. Il peggio è previsto per le 8 del mattino (2 del pomeriggio per voi)".
Ore 1:54 di New York (7:54 italiane): "Non molti dormono, come si può notare dalle luci accese nei palazzi. Il rumore del vento non te lo permette".
Ore 2:21 di New York (8:21 italiane): "Mi viene in mente la storia dei tre porcellini. Se avessimo la casa di paglia o di legno saremmo già volati via. Speriamo che questa tenga, come nella favola!!!"

venerdì 26 agosto 2011

Lo straordinario libro in un bel video

LA RECENSIONE FILMATA
DELLE "PAROLE
ABBANDONATE"

DI LUIGI MALERBA

Il 19 luglio scorso pubblicammo un servizio su un bellissimo libro di Luigi Malerba, "Le parole abbandonate", pubblicato nel 1977 e recentemente riproposto da Mup - Ora presentiamo un gustoso documento filmato sul libro, proposto da Liber e presentato da Daniela Ricci



giovedì 25 agosto 2011

La Libia di oggi e quella (italiana) di ieri

QUANDO GLI ITALIANI
(E ANCHE MOLTI
PARMIGIANI) ERANO
I PADRONI DELLA LIBIA

Nei giorni in cui gli occhi del mondo sono puntati sulla Libia e specificamente sulla sorte del colonnello Gheddafi e del suo regime, ricordiamo gli anni del periodo coloniale italiano (1912 - 1947) nel Paese che il raìs ha guidato per 42 anni - Lo facciamo proponendo la visione delle straordinarie puntate di "La storia siamo noi", raccolte sotto il titolo "Taliani" - Pubblichiamo anche alcuni dei francobolli delle Poste Italiane del periodo della colonizzazione libica
Tripoli, Bengasi, Sirte, Misurata, noni che si rincorrono in Tv, radio, Internet, sono i nomi della Libia martoriata che sta cercando (ma non è ancora finita) di liberarsi dal regime del colonnello Muammar Gheddafi, che ha resistito per 42 anni. E che ancora sembra voler resistere fino all'ultimo, giocando le ultime disperate carte, bombardamenti, cecchini. Libia martoriata e disperata. Libia che molti italiani hanno nel cuore, perché lì le loro famiglie si erano installate nel periodo della colonizzazione italiana, cominciata nel 1911 con il governo Giolitti (Tripolitania e Cirenaica9 e poi durante il fascismo, fino al 1947. Molti italiani e, perché no, anche molti parmigiani. Ci sono personaggi noti italiani he sono nai proprio in Libia, e per la precisione a Tripoli, come il cantatuore Franco Califano, nel 1938, l'attrice Rossana Podestà, nel 1934, l'ex campione del mondo Claudio Gentile, nel 1953 (la colonizzazione era finita, ma molti italiani vivevano ancora in quelle terre). Lonani, lontanissimi, i tempi in cui (nel 1911) Gea della Garisenda cantava Tripoli bel suol d'amore, ti giunga dolce questa mia canzon. Ma Pramzanblog, in queste ore roventi, vuole riordare quel passato, ricostruendo il periodo di Libia italiana attraverso la straordinaia serie a puntate intitolata "Taliani" e trasmessa a suo tempo con il programma "La storia siamo noi", di Minoli. Un documento straodinario, che può essere o meno condiviso, per i suoi contenuti, ma che apre una finestra di grande interesse su quel periodo storico. Pramzanblog completa poi questa servizio con alcuni dei francobolli delle Poste Italiane del periodo coloniale in Libia e con il link alla celebre canzone Tripoli, bel suol d'amore, cantata da Gea della Garisenda
I VIDEO DI "TALIANI",
DA "LA STORIA SIAMO NOI"

CAMPI DI CONCENTRAMENTO A EL-ALGHEILA
IL GOVERNATORE BALBO
IL MODELLO COLONIALE ITALIANO
ITALIA - LIBIA: IL CONFRONTO CON IL PASSATO
LA GUERRA IN LIBIA
LA RESISTENZA LIBICA
VILLAGGIO BIANCHI
ASCOLTATE "TRIPOLI, BEL SUOL D'AMORE"

Le repliche estive -12-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"LE BELLE FRASI PARMIGIANE"

QUANDO I PRAMZÀN
PARLAVANO COSÌ


Per dire di una donna facile: l'é cme al calamäri dal Cmón (indo' tutt i gh' poccion déntor). Basterebbe questa frase straordinara per riassumere tutta l'ironia, la genuinità, la schiettezza, del nostro bel dialetto parmigiano. E questa frase è una delle 25 "chicche" raccolta nella quarta puntata della serie Le belle frasi parmigiane, che pubblicammo la prima volta il 18 agosto 2009. Come abbiamo gà spiegato, tutte le frasi furono tratte dal "verbo" del nostro vernacolo, il dizionario del professor Capacchi.
QUANDO I PRAMZÀN PARLAVANO COSÌ

mercoledì 24 agosto 2011

Le repliche estive -11-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"LE BELLE FRASI PARMIGIANE"

PROVERBI E MODI DI DIRE









Oggi riproponiamo una bella puntata, la terza, della serie Le belle frasi parmigiane, che pubblicammo il 16 agosto di due anni fa. Anche quella puntata, dedicata ai proverbi e ai modi di dire parmigiani, era un modo semplice e diretto per rinfrescare la memoria agli amanti del nostor bél djalètt pramzàn. Tutte le frasi furono tratte dal "verbo" del nostro vernacolo, il dizionario del professor Capacchi. Speriamo, anche con questa puntata che riproponiamo, di fare cosa gradita ai nostri lettori "estivi".
PROVERBI E MODI DI DIRE

martedì 23 agosto 2011

Breaking news - Terremoto a New York

PARMIGIANI ILLESI
Un terremoto di 5,8 Richter ha sconvolto Manhattan. Tensione e paura anche tra gli strajè parmigiani. Linee telefoniche At&t in tilt. La parmigiana Cristina Castelli, al lavoro, ha faticato a rintracciare la sua babysitter, che era con i bambini. Poi il messaggio liberatorio: "everybody is ok. Leah è nel posto più sicuro, Central Park, con i miei figli"
IL TERREMOTO AVVERTITO
DURANTE
UNA CONFERENZA STAMPA

Le repliche estive -10-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"LE BELLE FRASI PARMIGIANE"

IL DONI AD PÄRMA















Il 12 maggio 2009 pubblicammo la seconda pntata di una breve serie che ebbe grande successo, Le belle frasi parmigiane, con la quale rinfrescammo la memoria agli amanti del nostor bél djalètt pramzàn. Tutte le frasi della serie furono tratte dal dizionario del professor Capacchi.La seconda puntata era dedicata alle donne di Parma e oggi le riproponiamo, con una nuova impaginazione.

IL DONI ÄD PÄRMA

lunedì 22 agosto 2011

Numero speciale di "Su il sipario"

VIAGGIO D'ESTATE
A VIENNA
E SALISBURGO
,
CAPITALI DELLA MUSICA

La seguitissima rubrica musicale di Paolo Zoppi, dopo una breve pausa, riprende con un numero speciale, dopo una "vacanza in musica" che il nostro collaboratore ha compiuto in due delle massime capitali della musica mondiale, Vienna e Salisburgo - Per l'occasione Zoppi ci svela, con molte straordinarie immagini, l'anima delle due città e ci fa il resoconto di un concerto alla Stadthalle di Vienna, con Anna Netrebko, Jonas Kaufmann e Erwin Schrott e dell'opera di Strauss "Die Frau ohne Schatten" alla Grosses Festspielehaus di Salisburgo

Anche Paolo Zoppi è andato in ferie, ma, evidentemente per un vizietto" che striscia nella redazione di Pramzanblog, ha trasformato il suo periodo di riposo in una vacanza di lavoro. Così, appena tornato, ci offre adesso un'edizione molto speciale della sua bella rubrica "Su il sipario", descrivendo per filo e per segno quello che ha visto, sentito e gustato, in Austria. Infatti è tornato a Vienna e a Salisburgo, due delle indiscusse capitali della musica, per riscoprirne il fascino e, attraverso immagini molte belle, riproporlo ai lettori di Pramzanblog.Naturalmente non si è limitato a fare il turista (o l'inviato), ma ha fatto il suo "dovere" di critico musicale, assistendo alla celebre Stadthalle di Vienna a un ottimo concerto con tre grandi, Anna Netrebko, Jonas Kaufmann e Erwin Schrott e poi alla Grosses Festspielehaus di Salisburgo a un'opera di Strauss, Die Frau ohne Schatten (La donna senz'ombra) diretta da Christian Thielemann.
(Nelle foto: 1) Schonbrunn e nel riquadro Paolo Zoppi; 2) La tomba di Maria Luigia a Vienna, con le immancabili violette)

LEGGETE SU IL SIPARIO SPECIALE ESTATE

domenica 21 agosto 2011

Breaking News - Ultimissime dalla Libia -2-

SECONDO AL ARABIYA
LA GUARDIA PRESIDENZIALE
DI GHEDDAFI
SI È ARRESA AI RIBELLI

ARRESTATO IL FIGLIO
DEL DITTATORE

1.20 - Arrestati solo due figli di Gheddafi, Saif Al Islam e Mohammad (arreso). Smentito l'arresto del dittatore
23.40 - Arrestati altri due figli di Gheddafi, Mohammad e Saadi, ex calciatore, che indossò le maglie del Perugia, dell'Udinese e della Sampdoria, giocando in tutto solo due partite.
23.36 - I capi dei ribelli annunciano che sono pronti a cessare il fuoco se Gheddafi si arrende
23.05 - Secondo Al Arabiya i ribelli hanno arrestato il figlio di Gheddafi, Saif Al Islam (notizia confermata ufficialmente).
22.07 - Da Zeina Khodr, corrispondente di Al Jazeera: "I combattenti sono entrati in Tripoli. Sentiamo le esplosioni dentro la capitale libica"

(Nella foto: giornalisti asserragliati al Rixos Hotel di Tripoli)
LA DIRETTA DI AL JAZEERA

Calcio - Terzo turno di Coppa Italia

Risultato finale al Tardini

PARMA 4
GROSSETO 1

Marcatore: Giovinco al 45'
; Pellè al 57'; Crespo al 73'; Paletta (aut) all'80'; Crespo al 90'

Breaking News - Ultimissime dalla Libia

CNT LIBICO: TRIPOLI
"PUÒ CADERE
ENTRO STANOTTE"

I ribelli stanno avanzando rapidamente verso la capitale della Libia e il regime di Muammar Gheddafi potrebbe crollare da un momento all'altro
Secondo Guma El-Gamaty, coordinatore del CNT, Consiglio Nazionale Transitorio che ha sede a Bengasi, i ribelli hanno superato lo strategico ponte del chilometro 27 e stanno avanzando velocemente verso Janzur, a 18 chilometri da Tripoli. "Il momento decisivo", ha detto, sarà stanotte. "Aspettatevi grandi sorprese".

(Nella foto: Guma El-Gamaty)
LA DIRETTA DI REPUBBLICA.IT

Le repliche estive -9-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"LE BELLE FRASI PARMIGIANE"

PÄRLA CME 'T MÀGN












Il 10 maggio 2009 cominciammo a pubblicare una breve serie che ebbe grande successo: Le belle frasi parmigiane. Un modo semplice e diretto per rinfrescare la memoria agli amanti del nostor bél djalètt pramzàn. Tutte le frasi furono tratte dal "verbo" del nostro vernacolo, il dizionario del professor Capacchi. Inaugurammo la serie con le frasi legate al cibo. E oggi le riproponiamo, sperando di fare cosa gradita ai nostri lettori.
PÄRLA CME 'T MÀGN

Baseball: girone di semifinale

SOGNI DI GLORIA ADDIO:
AL CAVALLI
PARMA - NETTUNO 2-8


sabato 20 agosto 2011

Le repliche estive -8-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"CHIEDI CHI ERA..."

PEPÉN,
le roi du panén

Molti giovani che vanno in borgo Sant'Ambrogio a mangiarsi la "carciofa" da Pepén, non hanno mai conosciuto il "vero" Pepén, Giuseppe Clerici, che Baldassarre Molossi definì "lo roi du panén". Ed è per questo che oggi Pramzanblog vuole ricordare Pepén riproponendo il servizio pubblicato il 29 settembre 2008, per la serie "Chiedi chi era". Servizio che comprendeva una straordinaria poesia su Pepén scritta da uno dei massimi autori della poesia dialettale pramzàna, Luigi Vicini.
PEPÉN

venerdì 19 agosto 2011

Baseball: girone di semifinale

CARIPARMA SCONFITTO
AL CAVALLI
DAL NETTUNO (2-5)


Grandi novità per il CT della nazionale

OGGI PRANDELLI
HA COMPIUTO
54 ANNI
ED É DIVENTATO
NONNO
Giornata speciale per Cesare Prandelli, ex allenatore del Parma: proprio nel giorno del suo compleanno il figlio Niccolò, preparatore atletico del Parma, ha avuto dalla moglie Veronica una bambina - La piccola è stata chiamata Manuela, come la moglie del CT, scomparsa nel 2007

Che giornata per Cesare Prandelli, commissario tecnico della Nazionale ed allenatore del Parma dal 2002 al 2004. Oggi ha compiuto 54 anni e alle 17,10 è diventato nonno. A quell'ora infatti sua nuora Veronica, moglie di suo figlio Niccolò, preparatore atletico del Parma calcio, ha dato alla luce all'ospedale di Manerbio, in provincia di Brescia, una bella bambina del peso di 3 chili e 400 grammi. Alla piccola è stato dato il nome di Manuela, come la moglie del CT della nazionale, che è scomparsa il 26 novembre 2007. Prandelli, che da tempo ha una nuova compagna, Novella Benini, ai tempi della malattia della moglie, si rese protagonista di un toccante caso umano: da poco assunto come allenatore della Roma dopo la sua esperienza al Parma, abbandonò il mondo del calcio per stare accanto a Manuela.
A Niccolò Prandelli (e al padre Cesare) anche le felicitazioni di Pramzanblog.
(Nelle foto: 1) Cesare Prandelli con il figlio Niccolò quando lavoravano insieme alla Fiorentina; 2) Cesare Prandelli con la moglie Manuela, scomparsa il 26 novembe 2007)

Breaking News

DRAMMA SUL TRENO
NAPOLI-MILANO
A CASTELFRANCO EMILIA
PARMIGIANI (ILLESI)
A BORDO

Ci è appena arrivata la notizia che elisoccorso e ambulanze hanno raggiunto il tratto ferroviario nei pressi di Castelfranco Emilia, per un incidente, di cui ci sono sconosciuti per il momento i particolari. Ci è stato riferito che sul Napoli - Milano sono scoppiati i finestrini delle vetture di testa.A bordo del treno anche alcuni parmigiani (fortunatamente illesi, anche se spaventatissimi)

AGGIORNAMENTO (dalla Gazzetta di Modena online) - Fortunatamente, nonostante la gravità dell'episodio, non si è trattato di un attentato. Ma si è sfiorata la tragedia. L'incidente è accaduto alla stazione di Castelfranco Emilia. L'Intercity Bologna - Milano, mentre transitava, è stato centrato lateralmente da materiale rotabile delle ferrovie parcheggiato sulla banchina. Un manufatto che sporgeva dalla pila di materiale ha centrato la fiancata dell’intercity strisciando contro i finestrini che sono andati in frantumi. Otto passeggeri sono rimasti feriti. La gravità è in corso di valutazione, sono stati tutti trasportati all’ospedale di Baggiovara, sul posto Polizia Ferroviaria, Vigili del fuoco, Polizia, carabinieri. Il traffico ferroviario è interrotto da circa 40 minuti.
TESTIMONIANZA PARMIGIANA - La parmigiana Daniela Coruzzi viaggiava sull'ultima carrozza e ci ha rilasciato questa breve dichiarazione: "Erano le 17, quando avevamo appena superato la stazione di Castelfranco Emilia. All'improvviso il treno si è fermato ed è mancata l'aria condizionata. Sul momento, visto che ci trovavamo nell'ultima carrozza, non abbiamo capito che cosa era successo, poco dopo sono arrivate le ambulanze, la polizia, l'elisoccorso e ci siamo spaventati. Siamo bloccati qui da più di due ore. Presto dovrebbero trainare il treno di nuovo verso la stazione. Da lì, su un altro treno, potremo riprendere il viaggio".
LA GAZZETTA DI MODENA
DAL NOSTRO
ARCHIVIO:

RIEVOCAZIONI
STORICHE
I BOMBARDAMENTI
DEL 1944 (4)

Come abbiamo visto in questi giorni, Pramzanblog, alla maniera delle grandi reti televisive che d'estate ripropongono le repliche dei loro programmi, ripubblica alcuni dei suoi servizi di maggiore interesse. Oggi riproponiamo la quarta puntata della ricostruzione dei bombardamenti su Parma, che pubblicammo tra aprile e maggio nel 2009. La puntata odierna "andò in onda" il 5 maggio 2009.
I BOMBARDAMENTI (4)

giovedì 18 agosto 2011

Le repliche estive di Pramzanblog -6-

DAL NOSTRO
ARCHIVIO:

RIEVOCAZIONI
STORICHE
I BOMBARDAMENTI
DEL 1944 (3)

Per le repliche d'estate di Pramzanblog, continuiamo a ripubblicare i servizi sui bombardamenti che devastarono Parma nel 1944. Come le grandi reti televisive infatti anche Pramzanblog ha deciso quest'anno di riproporre "il meglio..." della sua produzione nei suoi tre anni e passa di vita. Oggi, per dirla alla televisiva, "va in onda" la terza puntata della rievocazione dei bombardamenti alleati del 1944, che fu pubblicata la prima volta il 23 aprile 2009.
I BOMBARDAMENTI (3)

mercoledì 17 agosto 2011

Le repliche estive di Pramzanblog -5-

DAL NOSTRO
ARCHIVIO:

RIEVOCAZIONI
STORICHE
I BOMBARDAMENTI
DEL 1944 (2)

È pieno agosto, d'accordo, ma non è mai fuori luogo ricordare quello che accadde in Italia (e a Parma) nel funesto 1944, anno di guerra, anzi di guerra civile. Pramzanblog, nell'aprile 2009, ricostruì a puntate i bombardamenti sul nostro territorio. E ora li ripropone. Oggi la seconda puntata, che fu pubblicata il 22 aprile 2009.
I BOMBARDAMENTI (2)

martedì 16 agosto 2011

Le repliche estive di Pramzanblog -4-

DAL NOSTRO
ARCHIVIO:

RIEVOCAZIONI
STORICHE
I BOMBARDAMENTI
DEL 1944 (1)

Pochi giorni fa, il 12 agosto, era l'anniversario dell'eccidio nazista di Sant'Anna di Stazzema. E questa terribile data della storia ha inevitabilmente riportato la mente a quel terribile anno di guerra civile, che non risparmiò Parma. Pramzanblog, nell'aprile 2009, ricostruì a puntate i bombardamenti sul nostro territorio. E ora li ripropone. Oggi la prima puntata, che fu pubblicata il 20 aprile 2009.

I BOMBARDAMENTI (1)

lunedì 15 agosto 2011

Affissione: quando il giornalismo è nel dna

CHE EDITORIALE, MOLOSSI!
Con la profonda convinzione di non violare alcun copyright, pubblichiamo integralmente l’Editoriale del direttore della “Gazzetta di Parma”, Giuliano Molossi, dal titolo “Berlusconi bugiardo, ha tradito il ceto medio” - Lo facciamo non soltanto perché condividiamo totalmente lo “sfogo” di Molossi contro la manovra del governo da lui definita “odiosa e iniqua”, ma soprattutto perché in questo magistrale articolo ritroviamo (ma non è la prima volta) l’impronta, lo stile, la chiarezza, del grande e indimenticabile papà di Giuliano, Baldassare Molossi









di ACHILLE MEZZADRI

La premessa è d’obbligo. Non pubblico integralmente un articolo del direttore della Gazzetta di Parma, Giuliano Molossi, e senza alcun accordo tra noi, perché, durante le vacanze di ferragosto, sono impazzito. No. So bene, dopo 45 anni di giornalismo, che cos’è il diritto di copyright. E che quindi Pramzanblog non ha alcun diritto di pubblicare, senza preventiva autorizzazione, gli articoli di altri giornali. Può, al massimo, segnalarli e invitarne la lettura con un link. Ma questa volta ho ritenuto di fare uno strappo alle normali regole del bon ton perché l’Editoriale di Molossi contro la manovra del governo, intitolato “Berlusconi bugiardo, ha tradito il ceto medio”, mi ha profondamente colpito. Per due motivi. Primo perché, leggendolo, mi è venuta la curiosa sensazione................
(Nelle foto: Giuliano Molossi davanti al ritratto di suo padre, Baldassarre Molossi; 2) L'editoriale di Giuliano Molossi)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO E L'EDITORIALE DI MOLOSSI

Ferragosto 2011



domenica 14 agosto 2011

Le repliche estive di Pramzanblog -3-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"CHIEDI CHI ERA..."

EMMA GRAMATICA
Oggi è il 14 agosto e, in tutta sincerità, non crediamo che siano migliaia gli ostinati navigatori del Web, però... mai dire mai, quindi anche per quei "pochi" che si avventurano nonostante tutto nei meandri di Pramzanblog, riproponiamo un servizio pubblicato il 6 novembre 2008, per la serie "Chiedi chi era". Riguarda una gloria (pramzàna, anzi per la precisione fidentina) del teatro e del cinema italiano, Emma Gramatica.
EMMA GRAMATICA

sabato 13 agosto 2011

Assieme alla stangata, il “taglio” dei Comuni

ALZAPIEDI E RALLI:
C’È POCO DA RIDERE
(i comuni di
Valmozzola e Bore

saranno cancellati)

Tra le tantissime novità del decreto appena varato, c’è anche, com’è noto, la decisione di eliminare le Province sotto i 300mila abitanti e i Comuni sotto i mille - Nella provincia di Parma tremano Valmozzola (sindaco Claudio Alzapiedi) e Bore (sindaco Fausto Ralli), che sono sotto la quota minima - A rischio Monchio, Pellegrino, Compiano e Tornolo - I Comuni eliminati saranno accorpati con altri - La decisione definitiva sarà presa dopo i risultati del censimento della popolazione del 9 ottobre

di ACHILLE MEZZADRI








Addio ai Comuni di Valmozzola e Bore? Molto probabile, dopo il terremoto del decreto appena varato per far entrare l’urgenza nelle casse dello Stato 45 miliardi (di euro). Molto probabile, anzi, praticamente sicuro, perché il decreto prevede la cancellazione delle 38 province italiane che hanno meno di 300mila abitanti e dei Comuni che ne hanno meno di mille. Tra questi, nel Parmense, Valmozzola, che nel censimento del 2001 aveva 677 residenti e Bore, che nello stesso anno ne aveva 904. Difficile, se non impossibile, che negli ultimi dieci anni ci sia stato un aumento della popolazione residente. Oltretutto,..............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Le repliche estive di Pramzanblog -2-

DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"CHIEDI CHI ERA..."

GIROLAMO CANTELLI

Alla maniera delle grandi reti televisive che ripropongono vecchi programmi di successo, film, spettacoli, partite di calcio eccetera, anche Pramzanblog ripresenta articoli già pubblicati a suo tempo e che sono entrati nel grande archivio della memoria del nostro giornäl bloggh tutt pramzàn - Oggi presentiamo, in veste grafica completamente rinnovata, il ritratto di un importante personaggio storico di Parma, Girolamo Cantelli, che pubblicammo il 3 dicembre 2008 per la serie "Chiedi chi era..."
GIROLAMO CANTELLI

venerdì 12 agosto 2011

Le repliche estive di Pramzanblog -1-


DAL NOSTRO ARCHIVIO:
IL MEGLIO DI
"CHIEDI CHI ERA..."

MACEDONIO MELLONI

In agosto la schiera di navigatori del Web è sensibilmente ridotta, ma non per questo merita di essere abbandonata - Così, alla maniera delle grandi reti televisive che ripropongono vecchi programmi di successo, film, spettacoli, partite di calcio eccetera, anche Pramzanblog ha scelto di ripresentare articoli già pubblicati a suo tempo e che sono entrati nel grande archivio della memoria del nostro giornäl bloggh tutt pramzàn - Oggi presentiamo, in veste grafica completamente rinnovata, il ritratto del fisico parmigiano Macedonio Melloni, che pubblicammo l'11 agosto 2008 per la setrie "Chiedi chi era..."
MACEDONIO MELLONI

giovedì 11 agosto 2011

Tamara Baroni è diventata bisnonna!

TAMARA,
LA BISNONNA

PIÙ BELLA
DEL MONDO
Come passa il tempo: l’ex ragazza copertina degli anni Sessanta e Settanta, l’ex protagonista del “giallo di Parma”, l’ex attrice e ora poetessa, scrittrice e mamma a tempo pieno, in Brasile da 23 anni, è diventata bisnonna - Due giorni fa è nata Greta, la nipotina della sua primogenita, Viviana, con la quale non corre un buon rapporto - “L’ho saputo per caso”, dice Tamara “e non mi sento una bisnonna: non dimostro assolutamente la mia età e ogni mattina nuoto in piscina, monto a cavallo, faccio ginnastica e un po’ di footing”
di WALTER PRIMO
Due giorni fa è nata Greta, figlia di Giada Giannotti (che vive a Noceto) e nipote di Viviana Bertelli sposata Grignaffini. Che cosa ha questa bambina di speciale? Ecco qua: sua nonna Viviana, che si sposò in prime nozze con Francesco Giannotti (e che poi si è sposata con Federico Grignaffini, dal quale ha avuto altri due figli, Giulio e Veronica) è la prima figlia di Tamara Baroni, che da due giorni è quindi, addirittura, bisnonna! Rintracciata telefonicamente a Natal.........
(Una splendida recente immagine di Tamara Baroni sotto la pioggia a Natal)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

domenica 7 agosto 2011

Al torneo WTA di Toronto

LA BRIANTI HA VINTO
UN'ALTRA BATTAGLIA
(7-6; 6-7; 6-2)

Dopo 3 ore 52 minuti e 23 secondi (anche complice la pioggia) Alberta Brianti ha piegato in tre sudatissimi set la ceca Barbora Zahlavova Strykova (7-6; 6-7; 6-2), qualificandosi così per il tabellone principale della prestigiosa Rogers Cup di Toronto! Che leonessa!
MA DOPO LA LUNGA BATTAGLIA IL GIORNO DOPO, AL PRIMO TURNO, HA DOVUTO CEDERE 2-6; 1-6 CONTRO LA CINESE JIE ZHENG.

sabato 6 agosto 2011

Una foto, una storia -201-

VECCHIA GHIAIA:
LA SCALINATA
TAGLIATA IN DUE

Della nuova Ghiaia, piaccia o non piaccia, si è parlato tanto. Ma nessuno, a Parma, dimentica la "vecchia Ghiaia", cuore di genuina parmigianità nel cuore della città. Con quella storica scalinata che era un po' la nostra "Trinità dei Monti dei poveri"... Giovanni Ferraguti ha voluto rinnovare quei tempi, ormai cancellati dal cosiddetto "progresso", riproponendoci due immagini di quella scalinata, poi tagliata letteralmente in due. Potete vederle cliccando qui sotto, per la 201esima puntata di "Una foto, una storia", che Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
LA SCALINATA DELLA VECCHIA GHIAIA

venerdì 5 agosto 2011

Il campione premiato in Comune

OPPICI - GHIRETTI:
COME UNA VOLTA

Ieri in Comune l'assessore allo sport ha premiato il campione mondiale di deltaplano Filippo Oppici - Per un giorno sono tornati insieme come ai tempi della Santal, quando Roberto Ghiretti era dirigente e Filippo Oppici giovane giocatore